Crea sito

5 libri da non farsi scappare nella Giornata della Memoria (+1 che voglio leggere)

Buongiorno lettori!
Mi rendo conto che in questi giorni sarete bombardati di titoli di libri sulla Shoah, racconti della seconda guerra mondiale, storie di deportazione. Nonostante ciò, ci tenevo anche io a lasciarvi una top 5. I racconti ambientati in questo periodo storico mi hanno sempre catturata, la disperazione e la speranza che si contrappongono nelle vite dei protagonisti di questi romanzi/testimonianze mi fanno sempre riflettere ed è difficile che dica di no ad un libro con questa base storica.

 

Ogni anno leggo almeno un paio di libri ambientati nell’Europa ai tempi della seconda guerra mondiale. Non sempre, ovviamente, in questo periodo. È però in questi giorni in cui se ne parla di più che ripenso spesso ai più belli letti negli ultimi anni. Quella che vi lascio è una lista stilata ‘a braccio’: non necessariamente i più belli in assoluto, ma quelli che mi hanno lasciato qualcosa, che in un modo o nell’altro troverò il modo di consigliare.

Chi non conosce Storia di una ladra di libri di Markus Zusak? È una storia che ho adorato e di cui mi è piaciuto davvero tanto anche il film: non potrete non piangere. Per chi ama le storie d’amore, non posso non pensare ad Un giorno solo, tutta la vita di Alyson Richman. Una storia dolce e commovente, ma allo stesso tempo dura e triste che consiglio a tutte le lettrici almeno un po’ romantiche. Romanzo che invece sembra ‘sempre il solito’ ed invece ho trovato struggente ed originale è Il bambino di Auschwitz di Suzy Zail. L’autrice ha preso spunto da una storia vera per raccontare la deportazione e l’internamento dagli occhi di un bambino. È un racconto che trasuda speranza e fiducia nel prossimo e nella vita. Freschi freschi dello scorso anno, invece, due romanzi completamente diversi. Il primo è La ragazza della neve di Pam Jenoff, un romanzo a sfondo rosa, ambientato in un circo che cerca di sopravvivere alla Germania nazista. Un punto di vista e una trama originali e curiosi ed una protagonista davvero interessante. L’altro è Di notte sognavo la pace di Carry Ulreich, un diario scoperto da poco e successivamente pubblicato che ricorda vagamente quello di Anna Frank. Non è un romanzo, quindi si tratta di una lettura più lenta ed in certi punti non appassionante al 100% ma davvero davvero interessante se volete saperne di più.

Cliccando sulle copertine potrete leggere le recensioni complete (tranne Storia di una ladra di libri)

Il tatuatore di Auschwitz di Heather Morris invece è il libro che vorrei leggere quest’anno per la Giornata della Memoria. Ne ho sentito parlare benissimo e mi è stato consigliato da diverse persone. In più, grazie a Lily’s Bookmark, ho scoperto che si tratta di una storia vera e che sul sito dell’autrice ci sono le vere foto dei due protagonisti. Questo particolare ha stuzzicato ulteriormente la mia curiosità! Voi l’avete letto?

Recensione: Firebird. La caccia

Buongiorno lettori!
Con questa settimana inauguriamo l’iniziativa di cui vi ho parlato lunedì, ovvero #LibriDimenticati. Si tratta di una sfida con voi stessi per leggere i libri che si sono accumulati sulle mensole, comprati d’impulso e mai letti. Se vi capita di leggere un libro del genere, pubblicato nel 2017 o prima, condividetelo con noi usando l’hashtag così magari scopriamo dei nuovi libri da aggiungere in TBR.

firebird la caccia cover

Firebird. La caccia
di Claudia Gray
Serie:

Firebird

~

Editore:

Harlequin Mondadori

~

Pagine:
332

~

Uscita:
8 settembre 2015

~

Link:

Amazon

,

GoodReads

Marguerite Caine è cresciuta respirando intorno a sé le teorie scientifiche più all’avanguardia. I suoi genitori, infatti, sono due famosi scienziati che sono riusciti a realizzare la macchina più stupefacente di tutti i tempi: il Firebird. Si tratta di un congegno che permette di viaggiare in dimensioni parallele, basandosi sulla teoria che esistono infiniti universi, che sono poi quelli delle possibilità. Ciò che non è stato in questo mondo si è certamente realizzato in uno degli altri.
Il padre di Marguerite, però, è misteriosamente scomparso. Sembra che a ucciderlo sia stato Paul, uno degli assistenti, che è poi fuggito impunito in un’altra dimensione, portando via con sé tutti i dati relativi al Firebird. Marguerite si lancia alla ricerca del padre e grazie a Theo, uno studente di fisica che l’aiuta nell’impresa, riesce a ingaggiare una caccia all’uomo pluri-dimensionale, tra una Londra del futuro, una Russia ai tempi dello Zar e un mondo sottomarino… Le vite sono mille. Mille le possibilità. Ma il destino è uno soltanto.

 

Libri nella serie:
[#1] Firebird. La caccia
[#2] Firebird. La difesa
[#3] Firebird. La resa dei conti

 

Ho comprato il cofanetto con la trilogia di Firebird un giorno che vagavo per la Mondadori. Conoscevo di sfuggita la trama perché mi ero innamorata tempo prima delle copertine originali che trovo meravigliose. Il cofanetto ha delle copertine che ricordano molto quelle originali e non ho resistito.

Purtroppo, leggendo principalmente in digitale, i libri di questa serie sono rimasti fermi sulla mensola per più di un anno. Complice la sfida #LibriDimenticati che abbiamo deciso di intraprendere quest’anno, ho deciso di iniziare la serie e sono contenta di averlo fatto.

La storia di Marguerite mi ha rapita. L’idea di universi paralleli tra cui si può viaggiare mi piace tantissimo, come mi sono piaciute molto le varie spiegazioni sul perché in alcuni mondi si può arrivare e in altri no. L’idea che ci sia comunque un filo conduttore tra gli universi e che una persona non possa esistere in un mondo in cui, per esempio i suoi genitori non si sono conosciuti, mi ha affascinata.

Ogni mondo visitato da Marguerite aveva caratteristiche così diverse dal mondo che conosciamo, ma le descrizioni della Gray erano dettagliate al punto da farmi immaginare tutto come se fosse reale, ma non così esagerate da risultare pesanti. Ritrovarsi in Russia e accompagnare Marguerite nella sua avventura come figlia dello Zar è stato bellissimo, come andare in una Londra futuristica con tecnologie che al momento sono solo teoriche. All’autrice sicuramente la fantasia non manca. Sono curiosa di vedere cosa si inventerà nei seguiti.

Arriviamo al punto negativo del libro così poi posso tornare a sognare sui multiversi: la storia d’amore è forzata, troppo centrale all’interno del libro e fastidiosa. Sono una romanticona, ma ho trovato il romance in questo libro troppo centrale rispetto a quello che credevo il tema centrale, ovvero la caccia all’uomo che ha ucciso il padre di Marguerite, fuggito in un’altra dimensione.

Non so se il mio odio verso questa storia d’amore dipende dal fatto che non ho amato nessun personaggio o semplicemente dalla velocità con cui è stata creata ma se continuano così nei prossimi libri, non ce la posso fare.

Non ho apprezzato particolarmente nessun personaggio, li ho trovati tutti un po’ piatti e, soprattutto gli uomini, tutti con la sindrome da “salviamo la fanciulla in pericolo”. Marguerite si ribella abbastanza, ma trovo non abbia abbastanza carattere per risultare una donna forte e indipendente. L’ho trovate sempre un po’ spaurita e indecisa, molto ingenua. Spero di vederla crescere notevolmente nei seguiti.

Firebird è quindi un primo libro che convince come ambientazione, meno come personaggi. Non ho dubbi che leggerò i seguiti perché sono curiosissima di sapere dove andrà a parare la storia.

Voi lo conoscete? Lo avete letto o avete intenzione di leggerlo? Fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate.


WWW…Wednesday #3

Buongiorno lettori!
Ieri abbiamo saltato il Teaser Tuesday, un po’ per ‘incasinamenti’ vari e un po’ perché stiamo seriamente valutando di sostituirlo con altro visto che viene seguito davvero poco. Ma oggi siamo di nuovo qui, con il nostro immancabile appuntamento del mercoledì per fare il punto delle letture!

Letto

In lettura

Da leggere

Ieri ho finito di leggere Il segreto delle gemelle, di cui vi lascerò la recensione nei prossimi giorni. Ho iniziato a leggere Gli scomparsi di Chiardiluna, anche se avrei voluto tenerlo per un altro periodo dell’anno. Stamattina però ho aperto il Kobo e l’unico libro disponibile era quello, quindi l’ho iniziato. Non posso commentarlo più di tanto visto che ho letto si e no venti pagine, ma vi farò sapere. Trovate la recensione del primo volume qui. Lascio sempre The Wicked King come ‘da leggere’ anche se onestamente la voglia non c’è più di tanto. Vedremo come andrà la settimana.

Letto

In lettura

Da leggere

Ebbene sì. Ho finalmente finito La ragazza del KGB che dopo una prima parte parecchio lenta mi ha presa di più e si è fatto apprezzare: ve ne parlerò prestissimo in maniera più approfondita. Ebbene sì pt.2: ho iniziato Legend. Dopo tanto procrastinare finalmente l’ho preso in mano e si è rivelato interessante fin da subito, ma vi terrò aggiornati. Prossima lettura potrebbe essere La psichiatra di Wulf Dorn. Lo conoscete?

#LibriDimenticati

Avete presente quel libro che avete comprato, non so, due o tre anni fa perché la copertina era stupenda, la trama vi ispirava un sacco e tutti ne parlavano benissimo? È anche quel libro che poi è rimasto sui vostri scaffali fino ad ora, perché non avete mai trovato il tempo o l’ispirazione per iniziarlo, presi da nuove uscite, altre letture e impegni vari.

Abbiamo deciso, per questo 2019, di dare una possibilità a questi libri un po’ snobbati, quindi l’idea è di leggerne almeno uno al mese. Non sembra tanto, ma considerando che l’anno scorso ho letto quasi solo novità, l’idea di leggere almeno 12 libri “vecchi” in un anno mi piace molto.

Siccome pensiamo che molti di voi siano nella nostra stessa situazione, abbiamo deciso di utilizzare l’hashtag #LibriDimenticati per documentare queste nostre letture e invitarvi a partecipare a questa sfida. Non è una sfida organizzata, non bisogna iscriversi, non ci sono tempistiche da rispettare o obiettivi particolari.
Semplicemente se leggete un libro che abbia almeno un anno (io e Kia abbiamo deciso di considerare validi libri pubblicati prima del 2017 compreso) usate l’hashtag #LibriDimenticati, così che possiamo vedere le varie letture e chissà, trovare qualche nuovo spunto.

Io ho già letto il primo libro dimenticato dell’anno e dovrei parlarvene a breve sul blog. Fateci sapere nei commenti se questa sfida con voi stessi vi ispira e se vi piace come idea. Noi speriamo di riuscire a mantenere l’impegno e speriamo di smaltire così un po’ di libri fermi in libreria, in modo da comprarne poi subito degli altri e ricominciare.