Crea sito

alice basso

Letture del mese – Maggio 2018

mon firma

Titolo: A Court of Frost and Starlight (A Court of Thorns and Roses #3.1)
Autore: Sarah J. Maas
Genere: Fantasy
Pagine: 229
 
Goodreads | Amazon
 
Titolo: La scrittrice del mistero (Vani #4)
Autore: Alice Basso
Genere: Contemporary Romance
Pagine: 320
 
Goodreads | Amazon
 
Titolo: Gummy Bears & Grenades (THIRDS #9.5)
Autore: Charlie Cochet
Genere: M M Romance
Pagine: 102
 
Recensione serie | Goodreads | Amazon
 
Titolo: Warcross (Warcross #1)
Autore: Marie Lu
Genere: Science Fiction
Pagine: 324
 
Recensione | Goodreads | Amazon
 
Titolo: Iron Flowers
Autore: Tracy Banghart
Genere: Fantasy
Pagine: 384
 
Recensione | Goodreads | Amazon
 
Titolo: Ink (Skin #1)
Autore: Alice Broadway
Genere: Fantasy
Pagine: 366
 
Goodreads | Amazon
 
Titolo: Fidanzati dell’inverno (La Passe-Miroir #1)
Autore: Christelle Dabos
Genere: Fantasy
Pagine: 512
 
Goodreads | Amazon
 

 
divisore dx

 

kiafirma

la leggenda del ragazzo che credeva nel mare cover
Titolo: La leggenda del ragazzo che credeva nel mare
Autore: Salvatore Basile
Genere: Narrativa
Pagine: 278
 
Recensione | Goodreads | Amazon
 
Titolo: Scrivere è un mestiere pericoloso (Vani #2)
Autore: Alice Basso
Genere: Narrativa, Romance, Thriller
Pagine: 341
 
Goodreads | Amazon
 
scrivere è un mestiere pericoloso cover
l'amica perfetta cover
Titolo: L’amica perfetta
Autore: Emily Lockhart
Genere: Thriller
Pagine: 215
 
Recensione | Goodreads | Amazon
 
Titolo: Tua per sempre, Lara Jean (To all the boys I’ve loved before #3)
Autore: Jenny Han
Genere: Romance, Young Adult
Pagine: 331
 
Recensione | Goodreads | Amazon

 

tua per sempre lara jean cover

WWW…Wednesday #30

Buongiorno lettori. Ieri abbiamo avuto un paio di complicazioni e non siamo riuscite a pubblicare. Non volevamo saltare l’appuntamento quindi ecco il WWW…Wednesday di ieri 😉

Letto

In lettura

Sto leggendo “Fidanzati dell’inverno”, che però per ora non mi sta entusiasmando. Spero migliori andando avanti con la lettura. Ho finito “Iron Flowers”, di cui vi parlerò settimana prossima in occasione dell’uscita. Non so bene cosa leggerò poi, ma spero di leggere un libro che mi aiuti ad andare avanti con la Ikigai Book Challenge. Un’ipotesi potrebbe essere “Rebel of the sands”, in TBR da un po’.

Letto

In lettura

Da leggere

Interrotta la lettura di ‘Scrivere è un mestiere periocoloso’ di Alice Basso per l’Evento, l’ho ripreso e quasi terminato stamattina dopo aver divorato in anteprima ‘La leggenda del ragazzo che credeva nel mare’ di Salvatore Basile, di cui trovate la recensione QUI. Prossima lettura credo che sarà ‘Figlie del mare’ di Mary Lynn Bracht, ma non ne sono ancora sicura al 100%.

WWW…Wednesday #28

Buongiorno! Kia è sommersa da impegni personali e non sta riuscendo a leggere molto purtroppo, ma dovremmo recuperarla fra un paio di settimane. Io (Mon) sto andando abbastanza bene e ultimamente sono piuttosto soddisfatta dei libri letti. E voi? Cosa state leggendo?

Letto

In lettura

Da leggere

Ho finito l’ultimo libro della Basso e sono qui che mi chiedo perché non esca un libro al mese con Vani come protagonista. Ho decido di leggere uno degli ultimo libri che mi mancano della serie THIRDS per leggere un po’ inglese visto che nell’ultimo perioso non ho avuto molte occasioni. Conto di leggere “Warcross” dopo, che voglio leggere da quando ho partecipato al Blog Tour.

Letto

In lettura

Da leggere

Come ormai sapete in questo periodo il tempo per leggere è praticamente meno di zero. Promesso che tra 10-15 giorni torno a pieno ritmo. Nel frattempo leggo qualche pagina di ‘Scrivere è un mestiere pericoloso‘ di Alice Basso. Prossima lettura un’anteprima che mi incuriosisce un sacco ma di cui non vi posso svelare ancora nulla 🙂

Teaser Tuesday #162

Buongiorno lettori! Primo post di oggi in cui ritorno con il teaser che causa feste ho saltato settimana scorsa. Poco grave visto che non sto riuscendo a leggere nulla e quindi vi lascio un estratto esattamente dal libro da cui l’avrei estrapolato settimana scorsa: Scrivere è un mestiere pericoloso di Alice Basso.

teaser tuesday

Mi risiedo al pc. Dopo la deliziosa conversazione con quell’angelo di mia sorella, più che mai vorrei un whisky. Potrei optare per un’altra birra, tanto quelle a stomaco vuoto non mi fanno più effetto da un pezzo. Devo avere sviluppato una specie di immunità, oppure il mio fegato è un vero amico su cui contare. Il cuore è sopravvalutato, il fegato è la chiave, parola mia.
Un’altra cosa sopravvalutata è il mio campanello, che non suona mai. Tranne, tipo, adesso. Chi diavolo è a quest’ora? Anzi: chi diavolo è tout court? Apro e mi trovo davanti Morgana, ma ancora più davanti una grossa torta scurissima, che la fanciulla sta protendendo verso di me.
Stacco con la mano un pezzo della torta e me lo infilo in bocca. «Nocciole», dico. «Buona. Un filo spugnosa.»
«La torta di nocciole viene sempre così», sospira Morgana.
«Ricordami di passarti una ricetta. Grazie, comunque. Anche se non ho la minima idea del perché tu me l’abbia portata.»
Morgana non smette di protendere il piatto. «Per ringraziarti del lavoro che stai facendo per me», sorride come un elfo buono di Babbo Natale.
La guardo.
Mi guarda.
Sorridendo.
«Ricordami la scadenza», dico.
Per una frazione di secondo Morgana sbianca, ma cerca di non darlo a vedere. «Non ti…? Ema comincia a fare i provini fra tre giorni, quindi…»
«Sì, sì, ero solo incerta fra domani e dopo. Allora ho più tempo del previsto per gli ultimi colpi di cesello, bene. Passo da te dopodomani sera.»
Morgana annuisce felice, sollevata, io prendo la torta e chiudo la porta.
Cazzo.
Mi ero completamente dimenticata della canzone per Morgana.
Porca puttana. E adesso quando la faccio? Subito, immagino: domani devo andare dai Giay Marin, poi da Berganza a cucinare, e dopodomani ho di nuovo Irma e poi la prima lezione di krav maga e poi Enrico e, porca merda, il punto è che non posso fare questo a Morgana. Non è giusto che la cosa che ho promesso di fare per lei cada nell’oblio solo perché davanti ha un caso di omicidio e un tizio che mi paga. Sarà meglio che mi faccia venire un’ispirazione subito, anzi, prima di subito, che retroceda nel tempo con la sola forza di volontà e stani un’idea, una grande idea, a colpi di krav maga – che ancora non conosco – dalla testa della Vani Sarca di diciamo almeno due giorni fa. Dio, che imbecille. Come ho potuto dimenticarmi così della scadenza? Io non buco mai una scadenza. Ah, già, adesso ricordo. Io ho cacciato Laura e Morgana da casa prima che potessero dirmela, la maledetta scadenza.
Mi siedo al computer.
«Oh, andiamo», sbotto, nel deserto del mio appartamento.
Dal resto del condominio arriva il ronzio delle televisioni accese.
Se almeno dal piano di sopra Morgana si mettesse a cantare. Magari aiuterebbe l’ispirazione.
Stupidi neuroni. Con tutta la fiducia che vi ho sempre dato. Dai, porca miseria. Non può essere così difficile scrivere un testo musicale.
Okay. Procedi con ordine, Vani. Una canzone è un genere di scrittura come tanti, né più né meno, come ti sei detta sin dall’inizio. È un congegno di artifici letterari. Quanto può essere diverso dalle cose che hai sempre fatto? Quindi, poche lagne. Trova un tema e vai.
Facciamo il viaggio, la libertà, quelle cose lì. Ai ragazzini piacciono.

Capitolo 15 – Scrivere è un mestiere pericoloso di Alice Basso

divisore dx

scrivere è un mestiere pericoloso cover
Un gesto, una parola, un’espressione del viso. A Vani bastano piccoli particolari per capire una persona, per comprenderne il modo di pensare. Una dote speciale di cui farebbe volentieri a meno. Perché Vani sta bene solo con sé stessa, tenendo gli altri alla larga. Ama solo i suoi libri, la sua musica e i suoi vestiti inesorabilmente neri. Eppure, questa innata empatia è essenziale per il suo lavoro: Vani è una ghostwriter di una famosa casa editrice. Un mestiere che la costringe a rimanere nell’ombra. Scrive libri al posto di altri autori, imitando alla perfezione il loro stile. Questa volta deve creare un ricettario dalle memorie di un’anziana cuoca. Un’impresa più ardua del solito, quasi impossibile, perché Vani non sa un accidente di cucina, non ha mai preso in mano una padella e non ha la più pallida idea di cosa significhino termini come scalogno o topinambur. C’è una sola persona che può aiutarla: il commissario Berganza, una vecchia conoscenza con la passione per la cucina. Lui sa che Vani parla solo la lingua dei libri. Quella di Simenon, di Vázquez Montalbán, di Rex Stout e dei loro protagonisti amanti del buon cibo. E, tra un riferimento letterario e l’altro, le loro strambe lezioni diventano di giorno in giorno più intriganti. Ma la mente di Vani non è del tutto libera: che le piaccia o no, Riccardo, l’affascinante autore con cui ha avuto una rocambolesca relazione, continua a ripiombarle tra i piedi. Per fortuna una rivelazione inaspettata reclama la sua attenzione: la cuoca di cui sta raccogliendo le memorie confessa un delitto. Un delitto avvenuto anni prima in una delle famiglie più in vista di Torino. Berganza abbandona i fornelli per indagare e ha bisogno di Vani. Ha bisogno del suo dono che le permette di osservare le persone e scoprirne i segreti più nascosti.
Eppure la strada che porta alla verità è lunga e tortuosa. A volte la vita assomiglia a un giallo. È piena di falsi indizi. Solo l’intuito di Vani può smascherarli.