Crea sito

game of thrones

Weekly Recap #49

Faccio fatica ad abituarmi a pubblicare il Weekly Recap di mercoledì, ma è stata l’unica soluzione che abbiamo trovato per continuare a pubblicarlo. La prossima settimana iniziano i finali di stagione e io non sono psicologicamente pronta per vedere la fine di queste serie tv. Spero non ci deludano troppo, ma intanto concentriamoci su questa settimana. Le puntate era un po’ sottotono secondo me rispetto al solito, un po’ in tutte le serie, ma questo non vuol dire che siano state comunque piacevoli da guardare.

Vi lascio alla lettura e ci vediamo la prossima settimana per commentare alcuni finali!

grey’s anatomy

Grey’s Anatomy 12×23
La puntata non mi ha entusiasmata. Era l’ultimo episodio prima del finale di stagione della prossima settimana e non sono per niente soddisfatta. Arizona e Callie sono ai ferri corti, o meglio..Arizona è arrabbiata e se la prende con Callie che cerca di fare la vittima quando, in effetti, tutta la situazione in cui sono è colpa sua. Sempre parlando di Callie, era ovvio dove la sua relazione con Penny sarebbe andata a finire e un po’ mi dispiace perché Penny non ha fatto niente per meritare di essere trattata con così tanta sufficienza. È una brava persona e non ha mai obbligato Callie a fare nulla che non volesse quindi si, un po’ mi dispiace di come è andata.
Il tema della puntata mi è sembrato un po’ il voler sottolineare quanto le cose tra le varie coppie stiano andando male, il tutto visto dagli occhi tristi e un po’ dispiaciuti di Richard che guarda i suoi amici e colleghi distruggersi a vicenda a volte senza motivo. Lui e Catherine, almeno, tengono duro.
Jackson e April sembra che procedano senza troppi intoppi e continuo a vedere un piccolo spiraglio di luce, ovviamente spento quasi subito dal trailer del finale di stagione. Spero che Shonda stavolta ci regali la gioia o avremo seri problemi di accanimento contro questa coppia.
Disperazione per Stephanie, che purtroppo non ottiene il suo lieto fine con Kyle. Tutti fanno paragoni con Danny e Izzie, ma ragazzi, qui non c’è paragone. Sì, si è innamorata di un paziente e sì, è stata un po’ insistente con Amelia, ma non paragoniamo questa situazione a quel devasto di emozioni che è stata la coppia Izzie/Danny. Mi dispiace per lei e spero non se la prenda troppo con Amelia, ma si rimetterà in piedi, forse.
Regina del mai una gioia per me è Amelia, che ci prova ad essere felice, ma il mondo sembra andarle contro. O meglio, Meredith le va contro e questa volta senza motivo. La accusa di aver rubato la vita a Derek, di avergli rubato il suo talento e la sua determinazione. La accusa di aver rubato il marito della sua migliore amica e le dice addirittura di farsi una vita sua. Amelia, povera cucciola con quegli occhioni azzurri ci è rimasta davvero male, considerando che era stata proprio Meredith ad incoraggiarla a tornare da Owen. Ora capisco che nella tua vita non sia andato tutto per il verso giusto Grey, ma sto giro sei stata solo stronza e per fortuna che è arrivato Riggs a farglielo notare. Peccato che non avessi considerato il limone alla fine. Io lo shippavo con Maggie.
Insomma, mai una gioia un po’ per tutti, Bailey e Ben compresi. Pare che l’unica gioia l’abbia avuta io che ho amato la scena tra Amelia e Owen alla fine e la proposta di matrimonio. È presto perché si sposino? Sì. Vorrei vederli felici con i 5 figli di cui parlava Amy? Decisamente sì. Amavo Cristina, amo tuttora Cristina, ma Amelia vuole una famiglia come Owen..forse una possibilità se la meritano. Mi sono messa l’anima in pace..Cristina non tornerà e sicuramente non tornerà con Owen, quindi io sono felice così.
Ora aspettiamo il finale..sono pronta alle lacrime!

 

outlander

Outlander 2×05
La puntata riprende da dove avevamo lasciato la scorsa, ovvero dopo la rissa in casa Fraser a casa di Alex Randall che aveva fatto scappare Mary. Claire va a trovare Mary e mi piace molto il rapporto tra le due. Mary si fida ciecamente di Claire che solitamente è sempre un’ottima amica, tranne questa volta. Claire scopre dalle confidenze della ragazza che il suo affetto per Alex Randall è più profondo di quanto non credesse e decide di fare qualcosa di brutto. Parla con Randall e lo convince di non essere la persona adatta a Mary a causa della sua salute cagionevole e della perdita del lavoro a causa della rissa a casa Fraser. Insomma, non una delle decisioni migliori di Claire, anche perché ha sacrificato l’amore di una sua amica, nella speranza di vederla finire fra le braccia di Randall Senior, il suo nemico numero uno, solo per salvare Frank. Salvarlo in senso ipotetico, perché nessuno sa come funzioni questa storia dei viaggi nel tempo. Chissà cosa significa uccidere un antenato nel passato per chi sta nel futuro.
Insomma, in questa puntata ogni scelta di Claire sembra essere dettata dalla sua volonta di salvare Frank e posso capirla, ma comunque ritengo che abbia sbagliato.
Parlando di Randall, lo vediamo riapparire in questo episodio, proprio quando Claire è da sola. Per fortuna dopo poco ecco apparire il Re che mi ha fatta ridere un sacco mentre si rivolgeva a Randall. Sembrava che il Re fosse palesemente #TeamClaire&Jamie invece che #TeamRandall. Lo ha preso in giro in maniera perfetta e ho amato quelle scene.
Il finale ovviamente mi ha fatta piangere. Jamie, finalmente di fronte al suo nemico, lo sfida ad un duello all’ultimo sangue, ma Claire, sempre per salvare Frank, gli chiede di attendere un anno. Ora, io capisco che vuoi salvare il tuo futuro marito, ma dopo tutto quello che Jamie ha sofferto per colpa di Randall, puoi davvero chiedergli una cosa del genere? Evidentemente si.
Vedremo nella prossima puntata come andrà fra i due, anche se qualcosa so avendo letto i libri. Prepariamoci al peggio, ma speriamo sempre che arrivi qualcosa di buono.

 

game of thrones

Game of Thrones 6×03
Questa terza puntata mi ha ricordato molto il finale di stagione della quinta stagione. Insomma, tante storyline, quasi niente di concreto. Tutto sommato, però, mi è piaciuta.
Partiamo dall’inizio, ovvero con You-know-nothing Jon Snow (mi manca Ygritte in questo periodo, si vede?). Jon è resuscitato e va subito in panico, soprattutto dopo aver visto le ferite e aver capito che sarebbe dovuto morire. Per fortuna ecco arrivare Ser Davos che, nonostante abbia palesemente paura del giovane, si fa coraggio e lo aiuta a calmarsi e ad accettare, almeno superficialmente quello che gli è successo. Faccio subito un salto enorme e vado alla fine della puntata perché si torna a parlare di Jon e delle sue scelte appena riesce ad uscire dalla stanza in cui si trova. Jon riabbraccia Tormund e Edd, che gli dimostrano ancora una volta la loro amicizia e lealtà. Mi hanno fatto sorridere le battute di Edd che è sì un po’ spaventato da ciò che è davanti ai suoi occhi, ma riesce a superare i suoi timori per amicizia. Alla fine Jon si prende la sua vendetta, con uno sguardo un po’ sofferente, almeno mentre guarda Ollie, incapace forse di comprendere l’odio di quel ragazzino. Allister, Ollie e gli altri due che lo hanno attaccato muoiono sulla forca per decisione di Jon, l’ultima come Comandante. Le sue parole finale, “La mia guardia è terminata” sottolineano come questo sia un nuovo inizio per lui.
Rimaniamo sugli Stark e andiamo da Arya, che viene un po’ trascurata in questa stagione, forse perché si trova lontana da tutto e da tutti. La piccola Stark è cresciuta e impara, fino al punto di guadagnarsi indietro la sua vista. Ha passato una prova, ma chissà quante altre la aspettano. E sono curiosa di vedere cosa accadrà quando le giungerà notizia che Sansa, Jon e in teoria anche Bran e Rickon sono vivi.
Rickon dici? Esattamente. Mini Stark che ormai non è per niente mini è riapparso, purtroppo in un brutto brutto posto: Grande Inverno. Rickon è stato portato davanti a Ramsey, insieme alla Bruta di cui putroppo non ricordo il nome e che io chiamo Tonks dalla prima volta che l’ho vista perché Tonks è sempre Tonks (Potterheads a rapporto) e, ahimè, alla testa di Cagnaccio. Ho quasi pianto povero cucciolo. Spero davvero che Ramsey non combini un Theon 2.0 perché non potrei farcela.
Ultimo Stark in questo episodio è Bran, che con le sue visioni ci porta alla battaglia tra Ned e Ser Arthur Dayne, di cui Ned parlava spesso e tutti sapevamo di come lui avesse ucciso l’altro cavaliere. Peccato che dalla visioni venga fuori tutta un’altra storia e questo va a minare un po’ il rispetto per quel grande uomo che era Ned Stark. Su cos’altro ha mentito? Per esempio sull’identità della madre di Jon? Chissà.
Daenerys non se la vede troppo bene e mi manca un po’ la regina coraggiosa e intraprendente delle prime stagioni. La bionda viene portata al cospetto delle ex-Khaleesi e la situazione non è delle migliori. Pare che debba affrontare una prova e sono curiosa di vedere di che si tratta e se riuscirà a tirare fuori la vecchia Daenerys, senza stare lì a enunciare tutti i suoi millemila nomi di cui non frega niente a nessuno.
Insomma, di cose ne sono successe e sicuro di tante non ho parlato, però sono davvero curiosa di vedere come andrà avanti la situazione. Game of Thrones rimane una delle serie meglio costruite di sempre e io non posso fare a meno di guardare ogni puntata con immensa curiosità.

 

blindspot

Blindspot 1×22
Io amo Patterson. È il mio personaggio preferito dell’intera serie e non posso fare a meno di adorarla. È semplicemente geniale. Comunque in questa puntata iniziamo a mettere insieme i pezzi di tutta la storia con le piccole missioni di Jane per conto di Oscar. Io spero, spero che non sia una brutta persona perché mi piace da morire come personaggio.
Partendo però dall’inizio, l’FBI viene attaccata e viene attivato il lock down, quindi una specie di sistema di contenimento che tiene le persone bloccate dove si trovano per salvaguardare la loro sicurezza. Patterson però si rende conto dopo poco che qualcosa non va e insieme a Jane cerca di raggiungere gli altri.
La puntata è un susseguirsi di idee geniali della bionda con gli altri che eseguono come burattini, finché il colpevole non viene trovato.
Il bello di questo episodio sono stati i confronti fra i vari personaggi, per esempio fra Zapata e Mayfair, che finalmente mettono le carte in tavola con Zapata che le rivela tutto dell’agente che l’ha avvicinata per farsi aiutare a incriminare l’altra. C’è anche una scena particolarmente tesa con un ascensore che precipita e ho quasi temuto che ci scappasse il morto. Ero solo indecisa tra Reade e Sarah che si trovavano insieme all’interno dell’ascensore.
Insomma, ho poco da dirvi per non spoilerare ancora più di così, ma pare che alla fine tutti gli indizi contro Mayfair che hanno portato al suo arresto siano la conseguenza delle missioni di Jane e la donna sicuro non l’ha presa bene. Pare che nella prossima ci sia un confronto con Oscar e sono dannatamente curiosa.

 

quantico

Quantico 1×21
Penultima puntata e io non ho molto da dire. Il terrorista era prevedibile anche se penso di averlo ipotizzato solamente all’inizio, pensando poi che fosse una teoria assurda. E lo penso ancora, perché secondo me se andassi a rivedere le vecchie puntate avremmo dei buchi di trama enormi, ma vabbè.
Passo indietro con Alex che guida a caso per le strade di New York con Drew che le dice di essere lui il colpevole e chiacchiere così. La Parrish riesce non so come a contattare Shelby e metterla in ascolto senza che Drew lo scopra (come diavolo ha fatto?!).
Nel frattempo Miranda decide di fidarsi di Alex dopo che Shelby le fa ascoltare la chiamata, supportata dalla senatrice Haas. Insomma, tutti i ragazzi vengono scagionati e Raina e Caleb si mettono al lavoro per trovare da dove sta chiamando Drew.
Alex parla a caso, cercando di far parlare Drew ma ovviamente è inutile. Ryan intanto va al luogo che hanno trovato Haas e Amin insieme ad altri agenti, peccato che nella stanza in cui arrivano pochi secondi prima ci stavano Simon e Drew, svenuti, insieme ad un pc che con la voce di Drew parla ad Alex. Ora, Simon riesce a fuggire, mentre Drew salta in aria quando Ryan apre la porta facendo scoppiare una bomba. La mia domanda è…se Drew era svenuto e se con Alex sta parlando un pc, come diamine fa il pc a rispondere alle domande di Alex? Ho capito l’intelligenza artificiale, ma così non funziona. E non potreva esserci lì il colpevole perché lui lo vediamo da un’altra parte, intento a sparare a vecchie amiche. Chi sarà mai il nostro terrorista? Alto, moro, si fa le studentesse…ma Liam ovviamente! Ha senso? No. Sono contenta che sia lui? No. Sono convinta che ci siano buchi narrativi grandi come una casa? Oh yeah. Peccato però, Quantico era partita bene.
Vedremo il finale come andrà.

 

mon firma

Weekly Recap #48

Sono in ritardo di parecchi giorni e purtroppo come vi ho detto nel post su FB non dipende da me, ma dalla mia impossibilità nel vedere le puntate. Cercherò di guardarle il weekend e quindi commentarle con voi durante la settimana, ma vedremo come sarà la situazione nelle prossime settimane. Intanto ecco il Weekly Recap che spero vi piaccia. Sapete che se volete parlare di puntate io sono sempre disponibilissima!
Buona lettura 🙂

grey’s anatomy

Grey’s Anatomy 12×22
Uhm, episodio pesantino soprattutto per chi, come me, ancora sperava di rivedere Callie e Arizona insieme prima o poi. Temo che la luce in fondo al tunnel sia svanita e non potrà mai essere riaccesa. La puntata parla della lotta in tribunale per decidere chi avrà l’affidamento della piccola Sofia. L’ospedale e alcuni pazienti sono solo un sottofondo per questa vicenda, che occupa quasi tutti i 40 e passa minuti.
Non ho molto da dire perché non voglio spoilerare nulla né di come è andata a finire la questione né di ciò che ognuno dei testimoni presenti al processo hanno detto, ma devo dire qualcosa riguardo alle scelte delle due donne sul come affrontare il processo.
Mentre Arizona è sempre dolce, pensa a chi ama nonostante sia determinata a vincere, Callie e il suo avvocato giocano “sporco”. Vediamo chiaramente come l’avvocato di Arizona, parlando con i vari testimoni, cerchi continuamente di mettere in luce la sua cliente, mostrandone i pregi, la determinazione, l’amore che prova per la sua bambina. L’unico punto in cui ha cercato di screditare qualcuno è stato nei confronti di Penny, ma posso capire perché lo abbia fatto.
Tutta un’altra storia quella dell’avvocato di Callie, che inizia ad attaccare Arizona deviando le parole dei colleghi e dipingendola come una donna che pensa solo al lavoro o alle serate fuori con Webber per rimorchiare qualcuno. Insomma, una brutta mossa da parte di Callie che sinceramente non mi sarei mai aspettata. Arizona è la donna che l’ha aiutata in momenti di difficoltà, le è stata a fianco con tutta la gravidanza, nonostante la bambina non fosse biologicamente sua, l’ha adottata, per farle da madre (che mi ricorda di parlare un attimo del discorso della bionda in mezzo al processo) e lei l’ha gettata in pasto agli squali nel processo senza pensarci due volte. Arizona ovviamente glielo fa notare quando Callie le dice che comunque finirà sa che è stata una buona mamma.
Il discorso riguarda un’insinuazione dell’avvocato di Callie che dice che i genitori di Sofia sono Mark e Callie e che lei è “capitata per caso”. La bionda si lancia in un discorsone che ho particolarmente apprezzato in cui sottolinea che lei a scelto di fare la madre in un momento in cui poteva tranquillamente prendere e andarsene, invece ha deciso di prendersi una responsabilità enorme e diventare mamma. Davvero bello.
In tutto questo casino, Arizona dimostra di essere una mamma incredibile, ma un medico ancora più incredibile. Quando Alex la chiama per un intervento urgente lei capisce che comunque andrà il processo Sofia vivrà e sarà felice, anche se magari in un’altra città lontana da lei, mentre se non lascia il tribunale per andare in ospedale un bambino morirà e lei non riesce ad accettarlo. Consapevole della scelta enorme che deve fare, sceglie di andare a salvare il bimbo, sapendo che comunque Sofia sarà sempre amata ovunque lei sia.
Vedremo come si evolverà la cosa, ma sono abbastanza soddisfatta del risultato. Sono molto meno soddisfatta dei motivi che sembrano aver spinto gli autori a scegliere questa via per le due dottoresse. Se effettivamente confermeranno quello che temo ve lo farò sapere. Alla prossima settimana!

 

outlander

Outlander 2×03
Episodio pesante, per niente facile e leggero, che aspettavo da un po’ per vedere come lo avrebbero rappresentato. Gli autori sono stati eccezionali come al solito e tutto sommato è stato un episodio piacevole da guardare.
All’inizio Claire viene avvelenata, cosa che effettivamente non ricordo dal libro, ma potrei sbagliarmi. Il pensiero va subio al conte che vuole fargliela pagare per la sua nave e infatti è proprio di lui che Claire sospetta. Il giorno dopo si reca furibonda da Mastro Raymond chiedendo spiegazioni, ma lui sembra non sapere nulla. Le rivela però, tramite un rito con delle ossa di pecora, che rivedrà ancora Frank in futuro. Ovviamente Claire è sconvolta.
Decide di dire a Jamie di Randall perché il nostro scozzese vuole organizzare una cena con tutte le persone importanti (Charles compreso) e è probabile che anche Sandringham venga invitato, insieme ad Alex Randall. La reazione di Jamie non è esattamente quella immaginata dalla moglie: l’uomo infatti scoppia di gioia al pensiero di poter uccidere con le proprie mani il nemico. Posso capire la cosa, ma mi è sembrato comunque un po’ strano, forse perché ragiono da donna del ventunesimo secolo e non da uomo scozzese del diciottesimo.
Prima della cena Claire si reca insieme a Mary all’Ospedale per dare una mano e fanno parecchio tardi. Murtagh e Fergus le stanno aspettando fuori e iniziano a riaccompagnarle a casa. Ecco però che vengono attaccati e gli uomini messi fuori combattimento. Claire si ribella, ma a pagare le conseguenze peggiori di questo attacco è Mary, che viene brutalmente stuprata davanti agli occhi della nostra protagonista.
Insomma, non una situazione facile da gestire, soprattutto considerando la delicata situazione di Jamie e Claire a Parigi.
Mary viene portata in una delle camere degli ospiti con Alex a vegliare su di lei (ora, capisco che i due abbiano un rapporto particolare, ma la poverina è appena stata stuprata da un uomo..davvero la lasciate sola con uno?). Quando si sveglia però, va in panico e corre in giro per casa, facendosi sentire dagli ospiti e soprattutto da suo zio e dal suo promesso sposo che iniziano a battersi con Alex e Jamie che tenta di difenderlo. Insomma un disastro.
Vedremo come andrà la settimana prossima. Ah, a proposito, quasi dimenticavo: Louise e Charles sono una coppia e stanno per avere un bambino! Aaaaah what?!

 

game of thrones

Game of Thrones 6×01
OMG OMG OMG! C’è davvero qualcosa da commentare oltre agli ultimi minuti? Seriamente sono sconvolta. Ci speravo, ma dopo la prima puntata ammetto di essermi quasi ricreduta e ormai iniziavo ad accettare il destino di Jon Snow. E invece no. Ser Davos parla con Melisandre in maniera quasi affettuosa, incoraggiandola a provare qualcosa che non aveva mia tentato far risorgere qualcuno. Un po’ il loro rapporto mi fa venire i dubbi, perché non riesco a capire se Davos sa di cosa è successo alla piccola Shireen proprio per colpa di Melisandre. Non credo o non sarebbe così gentile temo.
Cooomunque, Mister You-know-nothing-Jon-Snow è tornato tra noi e non vedo l’ora di scoprire cosa gli autori hanno in serbo per questo personaggio.
Tornando all’inizio salutiamo Bran che ci porta con sè in una delle sue visioni in cui vediamo Ned e Benjen Stark da bambini che duellano nel cortile di Grande Inverno, finché ecco che vediamo arrivare colei che è avvolta nel mistero, di cui nessuno sa niente: Lyanna Stark. Molti fan pensano abbia un ruolo cruciale all’interno della saga e speriamo che venga rivelato presto. C’è chi pensa (me compresa) che sia la madre di Jon, avuto insieme ad un Targaryen. Ciò farebbe di Jon il figlio di due casate enormi e molto potenti rendendolo di fatto candidato a regnare seduto sul Trono di Spade. Non so se desiderare questa cosa o meno, ma ammetto che mi incuriosisce come teoria. Inoltre vorrei che si ricongiungesse con Sansa almeno, se non con tutti gli altri Stark. Sansa sta iniziando a migliorare come donna, a crescere, a rendersi conto delle sue responsabilità ed è, di fatto, Signora di Grande Inverno fino a prova contraria. The North Remembers ripetono tutti..che ricordino chi sono gli Stark e che gli siano fedeli quando sarà il momento.
Parlando di Grande Inverno, Ramsey sto giro l’ha combinata grossa. Dopo avere saputo della nascita di suo fratello, ammazza suo padre accoltellandolo per poi mandare a morire fra i cani la madre e il fratellino appena nato. Giuro, quest’uomo merita le peggio cose.
Ad Approdo del Re le cose non sono affatto tranquille e temo che Tommen non sia messo benissimo. Non è adatto a fare il re e si vede. Vedremo come andrà avanti la questione.
A Meereen invece, Tyrion beve e si fa venire in mente strane idee. Pensiamo per esempio quanto può essere divertente andare a liberare due draghi altamente incazzati che non mangiano da tempo. Non riuscite a immaginarlo? Guardate la puntata e vedrete come se la cava il nostro (mio?) Lannister preferito.
Sono davvero curiosa di vedere la prossima puntata anche solo per sapere cosa succede a Jon. Alla prossima settimana!

 

blindspot

Blindspot 1×19
La puntata è stata abbastanza carina e devo ammettere che mi è partita una nuova ship, ma andiamo con ordine. Borden viene chiamato in ospedale per parlare con una ragazzina che girava per strada di notte, trovata ferita e portata da un medico. La ragazza non parla e sembra solo pensare ai suoi disegni. A parte l’invidia peri disegni che fa questa ragazzina, vediamo subito come Borden cerchi di comunicare con lei, tentando vari approcci per riuscire a parlarci e a capire chi è e da dove viene. Ad un certo punto, però, ecco che vede un disegno che ha già visto: è uno dei tatuaggi di Jane. Scopriamo poi un sacco di cose sulla bimba nel giro di poco tempo. Pare che sia la figlia di uno degli uomini più ricercati del mondo e si chiama Maya. Piano piano riesce ad ambientarsi alla sede dell’FBI e in particolare rimane affascinata dai tatuaggi di Jane, acconsentendo di prestare agli agenti il suo quaderno, in modo che possano analizzare ogni disegno.
Insieme scoprono molte cose e trovano la madre di Maya, purtroppo morta, probabilmente perché sapeva troppo. Preoccupato Borden chiede di poter portare Maya nella sua casa di campagna in modo che sia al sicuro, ma il team decide di andare con loro per poterla proteggere meglio. Peccato che i cattivi della puntata siano più astuti del previsto e li trovano quasi subito. Grazie alla nonna di Maya capiscono anche che quella in pericolo non era la madre di Maya, ma la bambina stessa, proprio a causa dei suoi disegni che sono in grado di identificare tutta la sua famiglia di terroristi.
A dover respingere il primo attacco dei nemici sono Patterson e Borden, perché Jane e Weller stanno andando al supermercato a prendere del cibo. Come gli sia venuto in mente di andare via proprio loro due non so, fatto sta che Patterson è magnifica come sempre e escogita un piano di difesa in due secondi. Finalmente è stato dato un po’ di spazio anche a Borden, personaggio che mi piace molto e che mi ha fatto partire la ship con Patterson. Non è David, ma mi piacciono un sacco insieme.
Per quanto riguarda la storia di Jane, nessuna novità, ma per ora va bene così. Anche queste puntate fini a sè stesse stanno risultando piacevoli.

 

quantico

Quantico 1×19
Pare che Will non sia morto ma sia in ospedale. Sorry se la volta scorsa vi ho dato informazioni sbagliate, ma pensavo davvero fosse morto *si nasconde*.
Uhm qui pare sempre di fare passi avanti ma in realtà a me sembra tanto che ci stiano predendo altamente in giro. Tutto l’FBI sta cercando Alex, mentre lei e Shelby stanno cercando Simon e il terrorista. Sostanzialmente non succede nulla di che, le due cercano negli ospedale soggetti che assomiglino a Simon, ma quando trovano un match si ritrovano davanti Drew che però non è che stia proprio benissimo. Non avevamo ancora visto nessuno di quelli “nuovi” nel presente e ancora mi chiedo dove siano Iris, che è molto attiva nel passato, e Brandon. Drew sostanzialmente accusa Ryan di tutto e consegna a Alex una chiavetta che dovrebbe servire per accedere al pc di Ryan e trovare tutte le prove. Insomma, come potete immaginare, non ne viene fuori nulla di buono. Alex e ryan arrivano alle mani e l’uomo non ci va giù leggero. È davvero convinto della colpevolezza della sua ex e non pare ci sia modo di fargli cambiare idea. Alla fine Alex riesce a fuggire grazie a Drew, ma capisce anche che il ragazzo l’ha fregata. Nel furgone che le fa guidare, infatti, c’è un’altra bomba e da come finisce l’episodio pare davvero che tutto punti a Drew come il colpevole. Ovviamente ci credo gran poco.
Nel passato non succede niente di particolarmente interessante a parte che iniziamo a capire davvero cosa sia successo tra Shelby e Caleb. Il ragazzo ha tentato di proteggerla non dicendole dei suoi genitori, ma la ragazza lo scopre e non la prende per niente bene.
Insomma, mancano un paio di puntate e qui non si capisce ancora nulla. Spero che ci diano un finale convincente o andiamo lì e li prendiamo a testate.

 

mon firma

Weekly Recap #47

Game of Thrones is back!

Ragazzi sono così felice che la serie sia ricominciata e spero che ne valga davvero la pena perché ormai si inizia a vedere la fine della serie. Pare, infatti, che la settima sia l’ultima stagione di GoT.
Vi lascio alla lettura e vi auguro un bel weekend!

grey’s anatomy

Grey’s Anatomy 12×21
La storia sta prendendo una piega che non mi piace, nel senso che non voglio vedere Callie e Arizona litigare per la custodia di Sofia e soprattutto non voglio che mettano in mezzo altra gente, cosa che invece inizia a succedere in questa puntata. Le due devono andare in tribunale e devono chiedere ai loro amici di testimoniare in favore di una o dell’altra, ma per ora pare che l’unico a cui l’abbiano chiesto seriamente sia Alex, che ha detto di no ad entrambe.
Il mio cuore ha perso un battito quando Arizona ha cambiato radicalmente espressione durante la visita ad April. Per un momento è sembrato che ci fosse qualcosa di strano con il bambino e April va subito nel panico, dando la colpa ad Arizona per non esserne accorta prima. La bionda, già sotto stress per tutto il resto, se la prende un po’ e tira giù uno sclero a Penny, che però decide di non dire niente a Callie. Spero, sotto sotto, che sia proprio Penny a portare pace tra le due capendo che tutto sto casino è arrivato perché Callie ha deciso di partire con lei quando potrebbero continuare benissimo la loro relazione anche stando lontane.
Nel frattempo Kyle e Stephanie tornano in ospedale perché il ragazzo ha di nuovo dei tremori e infatti deve essere ri-operato. Peccato che Amelia impedisca alla Edwards di entrare in sala e anche di assistere dalla galleria perché è emotivamente coinvolta con il paziente. La giovane si ritrova quindi in sala d’attesa, per la prima volta da quando la conosciamo dall’altra parte delle porte e la cosa non le va troppo giù.
Parlando di Amelia, lei e Owen, grazie anche ad una piccola spinta da parte di Meredith, decidono di provare a vedere dove li porterà la loro relazione, consapevoli dei problemi che hanno e che hanno dovuto affrontare in passato.
Lacrime per il caso che ha coinvolto Meredith questa puntata. Un uomo anziano si fa male in casa e viene portato in ospedale dal custode, evidentemente molto preoccupato. Capiamo subito che tra i due c’è qualcosa di più che semplice conoscenza, ma è anche evidente che la moglie non sa nulla. È stato proprio brutto e triste vedere il custode che è costretto a lasciare la persona a cui tiene perché l’altro non vuole rivelare nulla e davanti alla moglie lo tratta con indifferenza.
La prossima puntata pare si svolgerà parecchio in tribunale e io devo dire di non essere entusiasta. Vedremo come andrà.

 

outlander

Outlander 2×03
Voglio il vestito giallo di Claire! Ragazzi, era stupendo. Davvero complimenti a chi a curato i costumi per questa seconda stagione perché sono uno spettacolo, sia quelli di Claire e delle signore francesi che quelli di Jamie. La situazione a casa Fraser non è delle migliori: Jamie è sempre fuori casa con il principe, Claire si sente inutile a spendere le sue giornate a chiacchierare di cose futili con Louise, ma soprattutto si vede che la decisione di Claire di non dire niente a Jamie di Black Jack sta creando delle tensioni. Vediamo Claire confidarsi con Murtagh, quando la tensione era diventata troppo grande da gestire, ma alla fine, nonostante le insistenze dell’amico, la donna decide comunque di non rivelare nulla. Non so se è la scelta corretta, ma sono sicura che vedremo a breve le ripercussioni della cosa.
Nel frattempo Jamie scopre che il principe ha già delle ingenti somme di denaro donategli da gentiluomini inglese a sostegno della sua causa, ma non vuole rivelare i loro nomi. Il nostro scozzese torna a casa molto scoraggiato, considerando che il piano per fermare la rivolta consisteva nel fatto che il principe non avesse soldi e loro avrebbero dovuto impedire che ne raccogliesse. Non si può, infatti, andare in guerra senza fondi. Peccato che Claire non sia a casa al ritorno del marito. La donna si trova, di fatti, ad un ospedale in cui vengono curate le persone più povere. Finalmente Claire si sente utile, sente di dare un senso alle sue giornate. Jamie non è affatto d’accordo con lei ed è preoccupato per il bambino, ma alla fine dovrà fidarsi della moglie e delle sue scelte. Mi piace come i due non siano sempre al settimo cielo a rotolarsi tra le lenzuola, ma che mostrino che non tutto è rose e fiori in un matrimonio. Spero però la tensione tra di loro duri poco. Mi piace vederli felici.
Jamie alla fine trova una soluzione per conoscere i segreti del principe. Assume un ragazzino, Fergus, che avrà il compito di rubare lettere in modo da dare a Jamie una posizione di vantaggio.
Shock della puntata è stato scoprire chi è effettivamente Mary Hawkins: la futura moglie di Jack Randall, insieme al quale nascerà la dinastia Randall fino ad arrivare a Frank. Claire è abbastanza sconvolta, ma non dice nulla a Jamie a riguardo.
Mi sono piaciute molto le scelte di casting per Madre Hildegarde, a caso dell’ospedale in cui va a lavorare Claire, e del suo cagnolino, Bouton. Chi di voi ha letto i libri sa già che ha delle caratteristiche particolari come cane.
Esilarante la scena di Mary che balbettando spiega perché non vuole sposare un francese. Assolutamente geniale e resa benissimo.
Alla prossima puntata che, se ho interpretato bene il titolo e collegato bene al libro, si prevede intensa.

 

game of thrones

Game of Thrones 6×01
Winter is cooooming!!
Ragazzi Game of Thrones è tornato e qui si fanno più danni che mai. Non è stato una prima puntata particolarmente eccitante o esagerata, ma riprende tutte le storyline che avevamo lasciato in sospeso l’anno scorso esattamente nel momento in cui erano state mollate. La puntata da quindi un senso di continuità, fa il punto della situazione, che non è per niente buona. In questo momento non c’è uno solo dei protagonisti che se la veda bene. Sansa e Theon, in fuga da Grande Inverno sono inseguiti dai cani di Ramsay e vengono presto accerchiati. Theon finalmente tira fuori gli attributi (metaforicamente parlando poverino) ed è pronto a sacrificarsi per Sansa, ma ecco arrivare Brienne che salva tutti. Alla fine la bionda prova di nuovo a offrire i suoi servigi a Lady Stark, che finalmente accetta, pronunciando il rito per i cavalieri. L’ho trovata una scena molto importante e spero davvero che dalla collaborazione delle due donne nasca qualcosa di grosso.
Altra regina non messa benissimo è Daenerys che catturata e condotta davanti ad un Khal da due idioti che pensano lei sia una ragazzina idiota la prendono in giro nella loro lingua non sapendo che Daenerys li può capire. La bionda giunta davanti al Khal snocciola per due ore i suoi mille nomi per poi ricordarsi di dire la cosa più importante: “sono la cavolo di vedova di Khal Drogo”. A quel punto rispetto da parte di tutti e una brutta notizia (stava andando tutto troppo bene): le vedove dei Khal devono vivere tutte insieme in un luogo apposito. Ups, voglio vedere come Daario e Jorah la tireranno fuori da questo pasticcio.
Cersei non riesco a capire come faccia ad essere ancora sana considerando ciò che le è successo la scorsa stagione e aggiungendo la morte della figlia Myrcella, che non è mai riuscita a riabbracciare. Lei e Jamie combineranno guai in questa stagione e io sono curiosa di vedere cosa si inventeranno.
Tyrion e Varys passeggiano per Meereen cercando di capire qualcosa tra tutto il casino con i Figli dell’Arpia, ma non combinano nulla, se non osservare un po’ scioccati la loro flotta andare in fiamme. Tornare a casa per lui sarà un problema, anche se non so quanto gli convenga tornare ad Approdo del Re.
A Dorne la situazione non può essere peggiore per i Martell che vengono sostanzialmente massacrati da Ellaria e dalle figlie. Un devasto. Quella donna è davvero crudele, ma ho idea che si rivelerà interessante nelle prossime puntate.
Manca solo parlare di colui di cui stanno parlando tutti da mesi, per cui anche Obama si è scomodato ed è andato a chiedere agli autori: Jon “You-know-nothing” Snow. Ragazzi la puntata si apre con lui steso per terra, occhi sbarrati e decisamente morto. Io ero lì che continuato a ripetergli di alzarsi e rivivere, ma nada. Ser Davos lo trova e lo fa portare in una stanza, in cui si barrica con pochi Guardiani fedeli a Jon e Spettro che, poverino, non è proprio tranquillo. Un po’ mi ha stupito..nel senso, ho sempre pensato che un animale, sopratutto se legato così tanto al padrone, capisca quando il padrone non c’è più, ma Spettro sembra tranquillo, sta lì buono buono a sorvegliare Jon, come se si aspettasse anche lui di vederlo alzarsi da un momento all’altro. Throne ha confessato l’omicidio e ha dato un ultimatum a Davos e gli altri, a cui nel frattempo si è unita Melisandre. L’episodio si chiamava The Red Woman e io avevo immaginato che si riferisse a lei e al suo coinvolgimento con il futuro di Jon, ma temo si riferisse alla scena finale in cui la vediamo togliersi la collana che porta sempre e trasformarsi in una vecchietta tutta pelle e ossa, lontana dall’immagine di potente donna che ha sempre. Mi ha lasciata decisamente perplessa, perché non capisco l’inserimento di questa scena, ma anche perché mi è sembrato che questa scena simboleggiasse la disperazione e il degrado a cui tutti i protagonisti di GoT sono arrivati.

 

blindspot

Blindspot 1×19
Mi è piaciuto da morire come hanno impostato questa puntata. Non scopriamo niente di nuovo su Jane a parte che beve solo uno strano tipo di the perché tutti gli altri le fanno schifo (grazie Oscar che le fai scoprire questi dettagli), ma Blindspot ci regala una puntata diversa dal solito, girata in maniera particolare. La squadra, grazie a Tasha, scopre il significato di un nuovo tatuaggio e si reca in un’università lì vicino. Tempo qualche minuto, in cui Reade parla con il suo vecchio coach, e la situazione degenera: si sentono spari e le comunicazioni tra la squadra sono interrotte. I quattro quindi entrano dell’edificio, da cui stanno scappando tutti, senza poter comunicare tra di loro o con Patterson e Mayfair.
Vediamo subito che le scene non sono girate normalmente. Infatti l’episodio va a avanti e indietro e segue ogni volta un protagonista diverso, mostrando cosa fa ognuno mentre gli altri sono in giro e non possono parlare tra di loro. Mi è piaciuta molto questa scelta che ha reso l’episodio particolarmente interessante.
La trama non è delle più innovative, infatti storie del genere sono già state usare più volte, la prima che mi viene in mente è quella che coinvolge Derek di Criminal Minds.
Insomma puntata davvero interessante, personaggi sempre ottimi e piccolo shock finale, in cui vediamo che forse Oscar, che nella puntata ha avuto alcuni ripensamenti sulla sua storia con Jane, non la sta raccontando proprio giustissima. Negli ultimi secondi di puntata lo vediamo insieme ad un altro uomo, pronti per fare qualcosa con il cadavere di Carter. Io spero che non mi rovinino Oscar perché mi piace troppo come personaggio e lui e Jane sono da bava e occhi a cuoricini.

 

quantico

Quantico 1×19
Allora, la puntata è andata giù più facilmente del solito, ma di nuovo è successo poco o niente, anche perché ogni cosa che vediamo potrebbe essere una farsa. Nel passato Alex è sempre fonte di guai, anche quando tenta di fare la cosa giusta. Con tutte le persone che potevano scoprire il problema di Drew proprio tu dovevi essere? Se ne è andato, non penso tu gli vada più particolarmente a genio e sei riuscita a farmi sospettare anche di lui. Non succede niente di interessante a parte Drew che se ne va, quindi vi parlo al volo del presente. Alex vuole incastrare Shelby, ma deve andare comunque al lavoro perché la gente non sospetti di lei (ti sospettano tutti comunque pirla) e chi trova lì in tutta la sua biondezza e bellezza? Shelby versione Jenny Humphrey (ciuffo un po’ emo e occhi molto dark). La bionda vuole aggiornare i server dell’FBI non credendoli sicuro e Alex crede che lei voglia installare qualcosa di pericoloso per infiltrare l’FBI. Confessa quindi a Miranda dei genitori di Shelby (quando l’ha scoperto?!), ma mentre interroga la sua ex-amica capisce che qualcosa non torna. Shelby sta ticchettando con un dito sulla poltrone e ovviamente è codice morse. Come faccia a pensare al codice e nel frattempo a parlare è un mistero per me. Insomma, il concetto è che Shelby sta cercando di fermare il terrorista e alla fine si mette insieme ad Alex per farlo. Le due insieme riescono a scoprire da dove sta chiamando il terrorista (ah già, veniamo anche a sapere che la voce è un insieme di tutte le voci dei ragazzi di Quantico mescolate insieme) e ci vanno, solo per trovare un Will morente e decisamente spaventato che ammette di aver aiutato il terrorista a costruire qualcosa. Prima di rivelare altro crolla a terra morto. Ora, a parte la sfiga di questo povero ragazzo, la puntata rivela gran poco. Io non so ancora se fidarmi di Shelby e Calebe a sto punto sospetto di tutti, Alex compresa. Voglio vedere il benedetto finale perché così non si può andare avanti.

 

mon firma

Weekly Recap #22

Ultimo Recap signore e signori. È un po’ strano da dire, perché ormai era diventata routine guardare gli episodi e pensare a come avrei potuto condividere con voi le sensazioni provate, ma non sono mai stata una persona da serie estive, quindi non riuscirei a mantenere viva la rubrica. D’estate tendo a guardare serie qua e là ed è capitato poche volte che una serie mi prendesse davvero. Se dovesse capitare, scriverò un paio di post per farvi sapere cosa ne penso. A settembre, comunque, con l’inizio delle nuove stagioni, il Weekly Recap ripartirà alla grande.
Bene, vi lascio alla lettura 😉

game of thrones

Game of Thrones 5×10
I finali di stagione mi devastano. Non ero pronta la settimana scorsa per vedere questa puntata, non sono pronta ora per commentarla.
Inizio con il dire che la decima puntata di questa quinta stagione, sembra un enorme inizio. Niente è stato concluso, anzi: ogni storyline è stata completamente stravolta e ora non so davvero più cosa aspettarmi.
Da qualche parte devo cominciare, quindi comincio dalla più facile: Daenerys è scappata dall’area in cui si disputavano le lotte sul dorso di uno dei suoi draghi, che la porta lontana. A Meereen, il governo della città viene affidato a Tyrion, Missandei e Verme Grigio, che dovranno mantenere l’ordine fino al ritorno della regina. Jorah e Daario, che decisamente non vanno d’accordo, partono per cercare Daenerys. La bionda, nel frattempo, si ritrova in mezzo ad una praterie e quando il drago si rifiuta di ascoltarla e riportarla a casa, si incamina da sola, per ritrovarsi poi circondata da un intero khalasar. Non so quanti problemi verranno fuori ora, ma sinceramente sono curiosa di vedere cosa succederà. È troppo ormai che Daenerys sta ferma senza fare nulla, aspettando che qualcosa cambi. Ora la situazione è decisamente diversa e voglio vedere come la affronterà.
Spostiamoci a Grande Inverno. Stannis, dopo la difficilissima scelta della scorsa puntata, pensa che ormai la sua presa di Grande Inverno sarà una passeggiata, ma si sbaglia. Molti uomini hanno disertato e sua moglie si è impiccata. Melisandre fugge dall’accampamento e Stannis rimane solo. Dopo aver deciso di affrontare comunque la battaglia con i soldati dei Bolton, lo ritroviamo ferito e solo nel bosco, dopo aver perso ogni cosa. È così che lo trova anche Brienne, che lo uccide per vendicare Renly. Impegnata nella sua vendetta, Brienne non vede la candela che Sansa accende sulla torre. La maggiore delle Stark sta cercando di fuggire, ma viene bloccata da Myranda e da Theon. La ragazza è sadica quanto il suo amato Ramsey ed è determinata ad uccidere Sansa. Per fortuna Theon decide di svegliarsi un po’ fuori e la ferma, gettandola oltre il parapetto verso la morte. Insieme, Sansa e Theon saltano dalle mura di Grande Inverno e io spero davvero che sotto ci fossero come minimo 6 metri di neve, altrimenti quel salto li ha ammazzati entrambi. Purtroppo non ci viene mostrato nulla e resteremo in ansia riguardo alla loro sorte fino ad aprile 2016.
Arya, piccola Arya. Mi ha annoiato così tanto la sua storyline che quasi non ci credevo quando ho visto cosa è successo. La piccola Stark si è vendicata egregiamente di Meryn Trant, ma ha disubbidito alle regole di Jaqen e del Dio dalle Molte Facce. quando ritorna a casa, Jaqen le dice che dovrà essere punita per ciò che ha fatto e, mentre una della ragazze la tiene ferma, lui tira fuori una fialetta contenente l’acqua che usano per uccidere. Avevo il cuore a mille, non sapevo cosa sarebbe successo, ma penso di aver tirato un gridolino orribile quando ho visto che, invece di fare bere l’acqua ad aria, è Jaqen stesso a berla. Sconvolta, Arya inizia a piangere la morte del suo amico, per poi rimanere basita di fronte a ciò che succede. La magia che sta dietro al culto del Many Face God mi sfugge e spero davvero che venga approfondito meglio nella prossima stagione. Colpo di scena finale per Arya: diventa cieca. Non so cosa aspettarmi ora, ma spero che l’anno prossima la sua storia riesca a coinvolgermi di più.
Cambiamo di nuovo luogo e andiamo a Dorne. Myrcella e Trystane sono pronti a partire con Jamie e Bronn per Approdo del Re. Prima di partire, Ellaria saluta la bionda Lannister con un bacio sulle labbra e il mio primo pensiero è stato: veleno! Signore e signori, avevo ragione. Proprio quando Jamie decide di rivelare alla figlia di essere suo padre e Myrcella gli dice di saperlo già e di esserne fiera, ecco che la ragazza inizia a perdere sangue dal naso. La scena cambia, mostrandoci Ellaria e le sue tre figlie. La donna sorride malignamente e prende l’antidoto, il che mi fa pensare che Myrcella è ormai spacciata.
Eccoci alle ultime due storyline, quelle che mi hanno colpita di più. Abbiamo Cersei ad Approdo del Re, che confessa i suoi crimini e si prepara per la punizione che l’Alto Passero ha in serbo per lei. La Regina Madre viene lavata, le vengono tagliati i capelli e, completamente nuda, cammina per tutta la città la Walk of Shame. È stata una scena devastate e straziante, potentissima. La dignità di Cersei viene completamente distrutta e, alla fine della camminata, nella fiera Regina non è rimasto più nulla. Un applauso a Lena per l’incredibile performance e alla modella che le ha regalato il corpo. Insieme hanno fatto davvero uno splendido lavoro.
Cersei arriva a palazzo distrutta e somiglia terribilmente ad un pulcino terrorizzato. Sono certa che si riprenderà più cattiva e perfida che mai e sinceramente non vedo l’ora. Sarei curiosa di vedere anche cosa è successo a Margaery visto che non ne abbiamo più sentito parlare.
Siamo arrivati alla fine, alla scena che ha spezzato il mio cuoricino. Jon concede a Sam e a Gilly di partire e allontanarsi dalla Barriera, permettendo a Sam di diventare un Maestro, come ha sempre sognato. Così facendo, però, perde l’ultimo amico che aveva alla Barriera e subito i suoi fratelli ne approfittano. Attirato all’esterno con l’inganno, Jon si ritrova in trappola, tradito e senza possibilità di fuggire. Uno alla volta i suoi confratelli lo pugnalato, affermando che sia per i Guardiani. Jon cade in ginocchio e io stavo piangendo come una fontana. L’ultimo è Olly, che non si ferma nemmeno quando Jon lo guardo con gli occhi da cucciolo, sapendo che quello sarà il colpo mortale. Il ragazzino sembra combattuto, ma alla fine la rabbia per le ultime decisioni di Jon prende il sopravvento e Olly pianta il pugnale come tutti gli altri.
La stagione si conclude così, con una scena sileziosa, senza grandi battaglie. C’è solo neve e Jon, disteso che fissa il vuoto, morente. Vediamo il sangue che si allarga sotto di lui, in contrasto netto con il candore della neve. In quel momento, buio e titoli di coda.
Game of Thrones termina così, con una scena shock che ci lascerà in ansia fino ad aprile e nessuna risposta. Le teoria sul web sono già cominciate e io passerò questi mesi a leggerle tutte per capire quale mi piace di più.
Mi inchino alla grandezza di questa serie e vi saluto. Ci rivediamo ad Aprile 2016!

 

orphan black

Orphan Black 3×09 – 3×10
Che due puntate incredibili! Per una volta sono estramamente soddisfatta di come è finita la stagione. Non capita spesso, con serie del genere, che una stagione finisca bene. Certo, c’è sempre chi è meno fortunato, ma in generale, la terza stagione di Orphan Black è finita alla grande.
Devo parlare delle ultime due puntate oggi, quindi conviene iniziare. Il nono episodio ci prende e ci porta a Londra, dove Sarah e Felix sono cresciuti. Mrs S. entra immediatamente in contatto con un paio di vecchi amici che dovrebbero aiutarla a trovare il Castor originale. La cosa che mi è piaciuta di più di tutta la storyline a Londra è che non è solo lavoro. I tre stanno cercando l’originale per fare in modo che non lo trovino Rudy e la Dott.ssa, ma allo stesso tempo si divertono un po’ (Mrs S. ha una bellissima voce e faceva parte di un gruppo) e scoprono piccole cose sulla loro permanenza in Inghilterra quando erano piccoli.
Sarah è testarda, le sembra non fare abbastanza e si sente messa da parte. Per questo, disubbidisce a Siobhan e forse crea più danni che altro. Mrs S. perde alcuni dei suoi più vecchi amici e ho paura che situazioni del genere prima o poi la faranno crollare.
Alla fine, arriva la rivelazione più grande: la madre di Siobhan è l’originale sia di Castor che di Leda. È da lei che sono stati generati tutti i cloni ed è sempre lei la chiave per curare entrambi i gruppi. Mi è sembrata un po’ troppo forzata come coincidenza il fatto che Sarah fosse stata affidata proprio alla figlia del campione originale, ma nel finale di stagione viene spiegato tutto. È stata proprio un’idea della mamma di Mrs S affidare alla figlia la piccola Sarah, per farsi perdonare alcuni errori.
Cambiando momentaneamente storyline, Donnie e Helena affrontano gli uomini che avevano venduto le pillole ad Allison e al marito. Questi, dopo aver rischiesto le pillole indietro, si portano via i “bambini” di Helena, quelli contenuti nella tanica che aveva nascosto nel retro del negozio. La bionda, ovviamente, non prende bene la cosa e, beh, diciamo che per gli spacciatori non va a finire troppo bene. Mi piace molto come si sta sviluppando il rapporto tra Donnie e Helena. Lui inizia a tenere alla ragazza e le fa un po’ da padre, mentre lei sta iniziando a capire come comportarsi senza sembrare una pazza omicida. Nel finale di stagione Donnie le fa una sopresa, ritrovando il ragazzo che Helena aveva conosciuto a inizio stagione, Jessie.
Vi ricordate della situazione di Rachel? Delphine scopre tutta la questione dello scambio tra Rachel e Crystal e cerca di risolvere la situazione. Affronta il dottore e, anche se non si vede, spero abbia portato la povera Crystal fuori dalla Dyad.
Rachel, nel frattempo, si risveglia in un posto sconosciuto e scopre di poter vedere di nuovo, grazie ad uno strano occhio. Non riesce a capire dove si trova, finché non la raggiunge una bambina. Charlotte, questo il nome della piccola, è la ragazzina che abbiamo conosciuto a inizio stagione, figlia della donna che aveva aiutato Sarah a scappare dalla Dyad. La bambina è esattamente identica a Rachel da piccola, infatti, secondo me, è un altro clone. Nessuna delle due sa dove si trovano, ma scopriamo chi le tiene lì: la Dtt.ssa Duncan, la madre di Rachel che, sinceramente, pensavo fosse morta (un po’ come tutti temo). Ecco quindi entrare in scena un nuovo potenziale cattivo. Sono curiosissima di vedere come si svilupperà la cosa. Terminiamo parlando della storyline centrale, il cui fine è porre fine al progetto Castor. Sarah fa un accordo con Ferdinand: lei gli fornirà dei campioni del tessuto originale, in modo che possano creare i loro cloni, lui la aiuterà a liberarsi di Rudy e della Dott.ssa. Il piano funziona e, mentre Ferninand si occupa della dottoressa, Helena si occupa di Rudy. Il tutto è stato possibile grazie all’aiuto di Mark, il quale è di nuovo con Gracie, che nella nona puntata aveva tradito le sorelle. Scopriamo, infatti, che non è stata Shay a informare Castor, ma Gracie. La ragazza, ingenua come poche, voleva solo ritornare da suo marito. Mi spiace un po’ che li abbiano sfruttati poco come personaggi e spero che Mark non muoia, ma tempo sia improbabile.
Castor è stata quindi smantellata e le sorelle, insieme agli amici più cari, si trovano a casa Hendrix per festeggiare l’elezione di Allison e la fine dei loro problemi.
Ovviamente non sarebbe un finale di stagione senza un cliffhanger, quindi mentre tutti festeggiano, Delphine è da sola in un parcheggio. All’improvviso si volta e sentiamo uno sparo. Chi le abbia sparato non si sa, ma se morisse sarebbe un peccato.
Rivediamo anche la piccola Kira quando Sarah, Mrs S e sua madre vanno in Islanda a trovarla.
Insomma, grande finale per una grande serie. Adesso serve solo la nuova stagione il prima possibile!

 

Eccoci alla fine dei Recap e di queste due serie stupende. Non mi resta che augurarvi una splendida domenica e spero di tornare presto a scrivere di qualche serie tv estiva.

mon firma