Crea sito

review

Recensione: The Dreamer di E. J. Mellow

Sono tornata con una recensione di un libro e non mi sembra vero. Negli ultimi mesi non ho letto tanto e questo si è visto dal fatto che le recensioni sono svanite di punto in bianco. Spero possiate perdonarmi, ma la sessione estiva di quest’anno si sta rivelando davvero intensa. Per fortuna fra poco dovrebbe terminare la prima parte e potrò tornare a scrivere qualche recensione prima di ributtarmi nello studio matto e disperato per settembre.
Il libro di oggi mi è stato inviato da Xpresso Book Tours in cambio di un’onesta opinione ed è veramente bello.

the dreamer
Titolo: The Dreamer (Dreamland #1)
Autore: E. J. Mellow
Editore: Self
Disponibile in italiano: No
Goodreads

It’s night. Always night. Dreams guard against the evil forged by nightmares. Infinite shooting stars illuminate a moonless sky. A city stands alone, surrounded by a darkened field. On its fringes, a man watches one star separate from the masses and fall. What survives the crash will unveil a secret centuries long hidden.

Molly hasn’t slept well since the night of her twenty-fourth birthday. Being struck by lightning might have something to do with it, but then again, her chicken did look a little undercooked at dinner. Whatever the culprit, her life quickly catapults from mundane to insane as, night after night, Molly is transported through her once dreamless sleep to a mysterious land illuminated by shooting stars.

There she meets the captivating but frustrating Dev, and together they discover Molly possesses a power coveted by his people—the ability to conjure almost anything she desires into existence. Seduced by the possibilities of this gift, Molly shifts her attention from waking life toward the man, the magic, and the world found in her dreams.

But Molly must ask herself—does something truly exist if you only see it when you close your eyes?

Faced with the threat of losing everything—her job, best friend, boyfriend, and most importantly, that little thing called her sanity—Molly will learn just how far she’ll go to uncover what is real and what is merely a figment of her imagination.

us I want to thank XPresso Book Tours for giving me the opportunity to read this book in exchange for my honest opinion.

It’s not a mystery that I have a thing for dreams and all the things dream-related. I find fascinating how the mind wanders at night, while we’re sleeping. I dream a lot and I can’t remember anything the morning after. Sometimes I wake up with an emotion or a feeling I can’t really explain, but that is the only thing that I have left after hours of sleep.
When I got an email from Xpresso Book Tours with the available review opportunities, I fell in love with the cover of The Dreamer. I read the synopsis and that was it: I had to get my hands on that book. They accepted my request and here it is, my first review in English. I hope you will forgive the mistakes I’m sure I’m going to make, but I will try my best to write correctly (Anna and Kia will read this until we get it as correct as possibile) 😉

The story is quite simple at the beginning. We have this woman, Molly, who’s out with her boyfriend Jared to celebrate her birthday. At the end of the evening, she goes home alone and that’s where the story begins. She’s struck by lightning and as soon as she wakes up, she realizes something has changed.

And then there are the dreams that feel as authentic as reality itself, that seem to exist just as your own life does. Where the emotions you experience there carry over to when you’re awake. They are so real, so genuine, that you begin to question your own sanity. And you know that when the day comes that you finally stop dreaming them, you will never stop remembering

I’m not a fan of love triangles. I actually kind of hate them, but in this book I found it appropriate. The main character is attracted by two differen men, but one of them seems to exist only in her dreams and she’s unable to understand if Dev is real or if she’s just going crazy. Jared and Dev, sort of represent the two worlds she’s torn between: the real one and the dream one. I hope in the next books Molly will decide which of the two she wants, because I wouldn’t like the love triangle to be carried along for long.
The characters are all well portrayed, although the focus is always on Molly and we are not allowed to know the other characters better. Her friends, Jared, Devlin and the other people are there, but not as present as Molly. I liked the relationship Molly has with her best friend, because it shows that they really care for each other.

The book is well written and not too difficult if English isn’t your language. I found it easy to read and I couldn’t put it down, which is a good thing. I really liked how descriptive the whole story was and I was surprised because, usually, in books narrated from the main character’s perspective, the world and all the people in it are seen through a filter, made of the character’s emotions and ideas.

There’s no need to say that my favourite parts were those in which Molly was in the “Dreamland”. The author described the place so well and made it all sound so magical, I wished more than once that I could hop into the pages and go have adventures myself. I found fascinating the way the world was organized with the people and the buildings. I loved the way they move in that place, from building to building, sliding on a line. I feel like it would be scary but amazing.

Of course, it couldn’t be a perfect world and we discover that there are creatures that crawl in the dark, creating our nightmares. These creatures have to be defeated and it seems Molly is the one that will help the people in “Dreamland” do it. I’m curious about the power that Molly has in that world, because she seems to be able to change it and use the energy inside her to fight and trasform things. In this first book this ability of hers is poorly explained, but I hope it will be fully developed in the next books.

So, if you are a dream-fanatic like me and you have the courage to jump into another trilogy (because we know that lately there seem to exist only trilogies) this could be a perfect book for you.

rating 4

divisore dx

it   La storia è abbastanza semplice. Abbiamo Molly che esce a cena con il fidanzato Jared a festeggiare il compleanno. Alla fine della serata, mentre sta andando a casa, viene colpita da un fulmine e appena si risveglia, capisce che qualcosa è cambiato.
È facile relazionarsi a Molly, perché è una persona normale, come chiunque altro. Non è perfetta, non è estramamente buona, dolce o carina e non è nemmeno la cattiveria fatta persona. È semplicemente umana. Sono riuscita a relazionarmi molto ma, a differenza mia, Molly non ha mai sognato nulla, fino ad ora. Dopo l’incidente inizia ad avere questi strani sogni in cui si ritrova in questo mondo incredibile, dove il cielo è illuminato da migliaia di stelle cadenti e dove incontra Devlin.

And then there are the dreams that feel as authentic as reality itself, that seem to exist just as your own life does. Where the emotions you experience there carry over to when you’re awake. They are so real, so genuine, that you begin to question your own sanity. And you know that when the day comes that you finally stop dreaming them, you will never stop remembering

Non sono una fan dei triangoli amorosi. Quasi non li sopporto, ma in questo libro l’ho trovato abbastanza appropriato. Molly è attratta da due uomini differenti, ma uno di loro sembra esistere solo nei suoi sogni e la ragazza non è in grado di capire se Dev è reale o se sta impazzendo. Jared e Dev rappresentano un po’ i due mondi tra cui Molly è divisa: quello reale e quello dei sogni. Spero vivamente che nei prossimi libri riesca a decidere chi dei due vuole, perché non penso mi piacerebbe vedere la storia del triangolo tirata avanti a lungo.

I personaggi sono tutti ben descritti, anche se l’attenzione principale è sempre su Molly e non ci viene data l’opportunità di conoscere bene gli altri. I suoi amici, Jared, Devlin e le altre persona sono lì, ma non presenti quanto Molly. Mi è piaciuta la relazione della protagonista con la sua migliore amica, perché si vede che tengono molto una all’altra.

Il libro è scritto bene e non è particolarmente difficile come livello d’inglese, quindi è un bel libro per quelli la cui lingua madre non è l’inglese. L’ho trovato facile da leggere e non riuscivo a poggiarlo, cosa che considero ottima per un libro. Mi è piaciuto che il romanzo sia molto descrittivo e un po’ mi sono sorpresa perché, solitamente, i libri narrati in prima persona ti mostrano il mondo e le persone attraverso un filtro, fatto delle idee e delle emozioni del personaggio.

Non c’è bisogno di dire che ho amato le parti ambientate nel mondo dei sogni. L’autrice ha descritto il luogo particolarmente bene e tutto sembra così magico che ho sperato più di una volta di poter saltare nelle pagine e vivere quelle avventure. Ho trovato affascinante il modo in cui si spostano nella città, da palazzo a palazzo su delle specie di carrucole. Trovo che sarebbe terrificante e fantastico allo stesso tempo.

Ovviamente, non poteva essere un mondo perfetto e scopriamo che esistono creature che strisciano nell’ombra di quella terra, creando quelli che noi chiamiamo incubi. Queste creature devono essere sconfitte e sembra che proprio Molly sia destinata ad aiutare le persone che vivono in questa terra a farlo. Sono curiosa riguardo il potere che Molly sviluppa nei suoi sogni, perché riesce a cambiare il mondo che la circonda, modellandolo a suo piacimento. Nel primo libro questa sua abilità viene appena accennata, ma spero che venga sviluppata meglio nei prossimi volumi.

Se siete dei fanatici dei sogni come me e se avete il coraggio di affrontare l’ennesima trilogia (lo so che ormai è un miracolo trovare un volume unico) questo potrebbe essere il libro perfetto per voi.

rating 4

mon firma

Recensione: Ralph Spaccatutto di Rich Moore

Ciao a tutti! Ultimamente mi trovo a guardare film random e non quelli che mi programmo di vedere, dipende sempre dall’umore e da come mi gira. Questa volta avevo bisogno di qualcosa di leggero e quindi ho optato per un film di animazione, precisamente per un film Disney che non avevo ancora visto: “Ralph Spaccatutto”.

ralph spaccatutto
Titolo: Ralph Spaccatutto
Titolo originale: Wreck-it Ralph
Regia: Rich Moore
Anno: 2012
Durata: 101 min
IMDB

Ralph Spaccatutto è il cattivo del videogioco arcade Felix Aggiustatutto. Disegnato per servire un unico scopo, da trent’anni distrugge il muro del condominio per dar modo al martello magico del bravo ragazzo Felix di riparare il danno e godersi la medaglia, la torta e l’affetto dei condomini. Per contro, a lui, finito il turno di gioco, non resta che tornare in una discarica di mattoni, solo e dimenticato. Stanco di tutto questo, nonostante il periodico sfogo alla terapia di gruppo per cattivi pixellati, Ralph decide di intraprendere un pericoloso viaggio fuori dalla sua macchina a gettoni, dentro la sala giochi, alla ricerca di una medaglia che offra anche lui il riconoscimento che agogna.

Negli ultimi anni la Disney ha fatto propria la grafica computerizzata, creando dei personaggi decisamente adorabili (vedi Olaf, Baymax, il camaleonte di Rapunzel, ecc). Quindi, pur essendo amante dei classici e a loro fedele, ho accettato di buon grado questa nuova direzione stilistica. In un’era in cui tutto quello che è nerd va di moda, anche la Disney si è voluta in un qualche modo nerdizzare creando questo film basato sul mondo dei videogiochi arcade.

Ralph è il cattivo del suo videogioco in cui deve rompere palazzi, che vengono poi aggiustati dal protagonista del gioco Felix. Questo avviene quando i bambini sono nella sala giochi a giocare, ma quando questi vanno a casa, scopriamo la vera vita dei personaggi dei videogiochi. Ralph frequenta il gruppo dei “Cattivi anonimi”, un gruppo di sostegno per tutti i cattivi che si sentono un po’ soli. Ralph soffre molto di questa cosa e durante una di queste serate rivela di voler dimostrare anche lui di essere buono in modo da poter essere accettato dagli altri personaggi del suo giochi. Quindi decide che deve vincere una medaglia in un gioco per dimostrare di essere un eroe (nonostante sia vietato intrufolarsi in altri giochi) e finisce per combinare disastri nei vari videogiochi mettendo a rischio anche il suo.

gif

All’interno del videogioco Sugar Rush incontriamo Vanellope, una bambina adorabile, ma allo stesso tempo furbetta. Anche lei è isolata dai suoi compagni perchè è un glitch. Pian piano la bambina e Ralph iniziano a fare amicizia e ad aiutarsi l’un l’altro per realizzare i propri sogni: Vanellope vuole riuscire a gareggiare nella corsa di Sugar Rush e Ralph vuole vincere una medaglia diventando un eroe. Attraverso questa avventura Ralph scoprirà che non gli servirà vincere una medaglia finché ci sarà sempre qualcuno che gli vorrà bene così com’è.

In questa avventura, attraverso i vari videogiochi incontriamo anche altri personaggi, con cui probabilmente anche noi abbiamo giocato in passato. Mi è piaciuto molto che siano stati affiancati personaggi modellati diversamente e lo scambio di battute brillanti tra di loro. Niente può battere la comicità dei creatori Disney.

gif

Nonostante “Ralph Spaccatutto” sia un bel film di animazione e abbia delle scene divertenti, non mi ha convinto troppo. Nel senso che qui ho visto poco di quello che per me rappresenta la vera anima della Disney. Chi da piccolo non aveva le cassette dei film Disney che ha rivisto fino a rovinare il nastro? Di conseguenza è naturale che molti di noi siano legati affettivamente a quello stile di animazione e, per quanto l’animazione digitale sia fatta in maniera eccellente, siano degli instancabili nostalgici dei classici (come me).

Ma la cosa che più mi ha turbato è stata la mancanza di canzoni! Uno dei punti di forza dei film Disney sono le canzoni e io aspetto sempre con ansia i nuovi film per sentirle e cantarle a pieni polmoni! Ciò che conta però, sono gli insegnamenti che possiamo trarre da questi film perchè sono sempre fonte di piccole perle di saggezza e ti arrivano dritti al cuore. Ralph ci insegna, infatti, che la felicità delle persone a cui vogliamo bene vale molto di più che mille medaglie.

gif
rating 3.5
anna firma

Recensione: The Fighter di David O.Russell

Buongiorno a tutti! Il film di oggi è un film che avevo in lista da molto e che finalmente sono riuscita a depennare. Tempo fa ho guardato una serie di film riguardanti il pugilato che mi erano piaciuti molto e quindi, non potevo non vedere “The fighter”.

the fighter
Titolo: The fighter
Titolo originale: The fighter
Regia: David O. Russell
Anno: 2010
Durata: 116 min
IMDB

Il film racconta la vera storia di Dicky Eklund, un pugile professionista trasformatosi in allenatore dopo una vita di crimini e droga e del fratellastro “Irish” Micky Ward, che dopo aver abbandonato prematuramente la carriera di pugile, sotto la guida di Dicky è diventato un campione nel mondo del pugilato.

 

Diciamo che la prima parte del film scorre abbastanza lenta in quanto ci racconta chi sono i fratelli Ward e la loro situazione familiare. Dicky, il fratello più grande, è un ex-pugile ed orgoglio della cittadina che allena il fratello minore Micky in attesa di fare il suo ritorno sul ring. Ha una personalità complicata e nonostante lui ami il pugilato, passa ormai molto del suo tempo a drogarsi. Questo suo lasciarsi andare poi si ripercuote sul fratello, in quanto gli incontri organizzati da Dicky si rivelano sempre un fallimento. Micky che è il vero protagonista della storia, vuole riuscire a vincere il campionato, ma la mal gestione degli allenamenti e dei suoi incontri non glielo permette. Di certo poi la sua famiglia non gli rende la vita facile tra la madre (che fa anche da manager) che sta sempre sul collo ai figli, le infinite sorelle senza un briciolo di cervello e un povero padre che non viene ascoltato. La situazione degenera quando Dicky finisce in prigione creando un bel po’ di casini anche per Micky. La svolta avviene quando Micky incontra Charlene, una ragazza con gli attributi che riesce a tirarlo fuori dai pasticci ed aiutarlo a rimettersi in careggiata.

Se fino a questo punto abbiamo visto solo un misero incontro, da qui in poi iniziamo ad assistere ai vari scontri di Micky e iniziano (finalmente) le botte. Non prendetemi amante delle risse ma, onestamente, trovo il pugilato vagamente intrigante. O meglio, fino a poco tempo fa trovavo senza senso che le persone si picchiassero fino allo stremo per puro sport, ma i vari film che ho visto mi hanno fatto cambiare idea. Perché dietro ad ogni pugno che il combattente sferra, ci sono ore e ore spese in palestra ad allenarsi e nei suoi occhi c’è la determinazione di chi vuole riuscire a dimostrare quello che vale. Il sudore, i lividi, il sangue e il dolore sono tutti sacrifici che il lottatore è disposto a fare pur di vincere un incontro, anche se molto spesso il vero motivo per cui combatte va al di là della semplice vittoria.

Oltre alla storia, quello che ho apprezzato e che poi è anche uno dei punti di forza del film è la recitazione degli attori, ma in particolare di Christian Bale nei panni di Dicky. Premetto che amo questo attore ed è davvero impressionante come riesca a rendere fenomenale ogni ruolo che interpreta. La sua interpretazione di Dicky gli è valsa l’Oscar come miglior attore non protagonista. Anche Mark Wahlberg e Amy Adams non sono da meno e il risultato finale è un film intenso e coinvolgente.

Quindi, se cercate un film con una storia con pathos e un pizzico di azione misto botte, direi che “The fighter” potrebbe fare al caso vostro 😉
[Il voto potrà non sembrare altissimo ma nonostante mi sia piaciuto, rispetto a film dello stesso genere mi è piaciuto un po’ meno]

rating 3.5
anna firma

Recensione: Testament of youth di James Kent

Buongiorno a tutti! Eccomi anche se un po’ in ritardo con il nostro appuntamento settimanale con il mondo del cinema. Fino a ieri ero convinta di parlarvi di un altro film, ma all’ultimo momento ho cambiato idea e la scelta è caduta su questo film della BBC che deve ancora essere doppiato in italiano.

testament of youth
Titolo originale: Testament of Youth
Regia: James Kent
Anno: 2014
Durata: 129 min
Non ancora disponibile in italiano.
IMDB

La storia di Vera Brittain, che ha rinviato i suoi studi presso l’Università di Oxford durante la prima guerra mondiale per prestare servizio come infermiera volontaria a Londra, Malta e in Francia, per poi diventare scrittrice e pacifista.

 

Ho amato un sacco questo film! Mi sono talmente immersa nella storia che mi sembrava di vivere tutti gli eventi sulla mia pelle. Il film racconta la storia della gioventù di Vera Brittain, anche se in realtà penso che a grandi linee rispecchi la vita di moltissime altre persone vissute in quegli anni difficili. Il film inizia con un primo piano di Vera in mezzo ad una folla che festeggia la fine della Prima Guerra Mondiale ma lei è tutt’altro che felice. Ha gli occhi lucidi, come se per lei la guerra non fosse realmente terminata. Successivamente veniamo portati indietro di quattro anni e vediamo una più giovane e spensierata Vera che gioca con il fratello e i suoi amici. È una persona ambiziosa che non vuole diventare solo la moglie di qualcuno, ma vuole diventare una scrittrice. Nonostante la personalità indipendente, si innamora di Roland, amico del fratello, con cui condivide la passione per la scrittura. Purtroppo gli eventi storici prendono il sopravvento e le vite dei protagonisti vengono completamente sconvolte.

La storia d’amore che coinvolge Vera e Roland è davvero intensa: un amore così profondo e struggente davanti al quale non puoi far altro che commuoverti. I due non però non fanno in tempo a invecchiare insieme e il presagio di una tragedia si avvera. Ma, nel poco tempo che i due passano insieme, capiamo che se la guerra non li avesse coinvolti, un giorno sarebbero diventati quella coppietta di vecchietti che cammina felice mano per la mano al parco.

Vera si vede costretta a mettere da parte gli studi per fare l’infermiera al fronte, alla ricerca del fratello e degli amici. La brutalità della guerra, però, la segnerà profondamente, al punto che diventerà un’attiva pacifista. Tra vedere un film sulla guerra e viverla di persona c’è una bella differenza ed è in questi momenti che mi viene sempre da chiedermi “cos’avrei fatto al suo posto? come mi sarei comportata? sarei stata forte come lei?”
Una scena in particolare mi ha colpito: Vera è all’interno di una baracca che corre avanti e indietro per curare i malati che si trovano all’interno. Poi, ad un certo punto, lei esce e andando a prendere delle bende dell’acqua pulita, vede che per terra nell’accampampamento sono sdraiati centinaia e centinaia di feriti che necessitano di cure. In quel momento Vera viene inquadrata e non riesco neanche lontanamente ad immaginare come si sia sentita lei a vedere che, per quanto uno si affanni per fare la cosa giusta, non basta.

“Testamento di gioventù” penso sia il titolo davvero più azzeccato. Una gioventù che questi giovani non hanno vissuto e che non è più tornata indietro. La guerra ha spezzato molte vite, distrutto sogni e portato un sacco di miseria; questo in un certo senso è il testamento che, quella che viene definita la “lost generation”, ci ha lasciato. Ma come ben sappiamo e come la storia ha dimostrato, molti hanno preferito dimenticare e commettere gli stessi errori. Quando sento dire ‘la storia si ripete’ mi si stringe il cuore e penso “abbiamo imparato dalle esperienze delle generazioni precedenti? cosa lascerà la nostra generazione?”

Il film mi è piaciuto molto e offre l’opportunità di vedere rappresentati dei sentimenti travolgenti e l’occcasione di riflettere su quello che è stato. Concludo con le parole pronunciate da Vera nell’ultima scena del film:

They’ll want to forget you. They’ll want me to forget. But I can’t. I won’t. This is my promise to you now. All of you.

rating 4
anna firma