Warning: Illegal offset type in /membri/ikigai/wp-includes/post.php on line 1770
silvia truzzi Archivi - Ikigai
Crea sito

silvia truzzi

5 cose che…i 5 libri più belli letti finora quest’anno

Buongiorno. Eccoci qui, quando troviamo un argomento che ci stuzzica o di cui abbiamo piacere di parlarvi, ci piace ritornare nella rubrica 5 cose che di Twins Books Lovers. In cosa consiste? Ogni venerdì viene scelto un argomento e vari blog postano le proprie scelte. L’argomento di questa settimana sono i 5 libri più belli che abbiamo letto, finora, quest’anno. I vostri quali sono??


~ Mon

Ho letto parecchi libri belli in questi primi mesi del 2018, ma questi 5 mi hanno colpita particolarmente. Fandom è un libro perfetto per tutte le fan di libri che vorrebbero tuffarsi nei mondi fantastici di cui leggiamo tutti i giorni. Un mix di avventura e amicizia e amore che è difficile non apprezzare. The Hate U Give mi ha scossa in maniera incredibile. Non pensavo che un libro con un target così giovane potesse spingermi ad aprire così gli occhi su una realtà che forse spesso ignoriamo e che non dovrebbe nemmeno esistere. Un libro che tutti dovrebbero leggere, soprattutto nelle scuole. Fai piano quando torni è un libro delicato, che racconta l’amore e lo scoprire sè stessi in due generazioni diverse tra loro. Anna e Margherita sono due donne forti e che vi cattureranno sicuramente. E così, forse, sarai felice è l’ultimo libro di Alessia Esse che, come sempre, non ne sbaglia una. Ci racconta una storia familiare in cui si intrecciano amori, rapporti, scoperte che cambiano la vita dei personaggi per sempre. Una storia complessa che ci porta a conoscere fatti della nostra Storia che personalmente ignoravo. The Wicked Deep non è stato ancora tradotto in italiano, ma è un fantasy autoconclusivo davvero particolare e che mi ha catturata. La storia è semplice, ma molto intrigante. Mi ha sorpresa più volte e spero di leggere presto altro dell’autrice.

Cliccando sulle copertine verrete riportati alle recensioni complete o alle schede Goodreads.

~ Kia

Ammetto che ne avrei avuti almeno altri due o tre da inserire, ma alla fine ho scelto questi. Figlie del mare di Mary Lynn Bracht, letto per caso, ho già iniziato a regalarlo e consigliarlo perché mi ha lasciato davvero tanto, una storia allo stesso tempo meravigliosa e agghiacciante che tutti dovrebbero leggere. Un altro libro che secondo me andrebbe letto un po’ da tutti è Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda, una storia vera che parla di immigrazione e rispetto e che ci tocca sempre più da vicino. Rimbalzando tra i diversi generi, ho scelto poi uno dei più bei thriller letti negli ultimi anni: So tutto di te di Clare Mackintosh. Non potevo lasciare fuori La leggenda del ragazzo che credeva nel mare di Salvatore Basile, un libro che è poesia allo stato puro e che merita una lettura. Come lasciare poi da parte i romance? E soprattutto, come non citare Bianca? Non vedo l’ora di avere tra le mani il suo prossimo romanzo!! Per intanto metto in questa top 5 il suo Un altro giorno ancora.

Cliccando sulle copertine verrete riportati alle recensioni complete o alle schede Goodreads.

Letture del Mese: Aprile 2018

mon firma

Titolo: Lord of Shadows (The Dark Artifices #2)
Autore: Cassandra Clare
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 701
 
Goodreads | Amazon

Titolo: Quel che resta di noi (Se ti amassi ancora #1)
Autore: Sam P. Miller
Genere: Romance
Pagine: 320
 
Recensione | Goodreads | Amazon

Titolo: Fai piano quando torni
Autore: Silvia Truzzi
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 212
 
Recensione | Goodreads | Amazon

Titolo: Otherworld (Otherworld #1)
Autore: Jason Segel
Genere: Fantascienza
Pagine: 384
 
Recensione | Goodreads | Amazon

Titolo: The Wicked Deep
Autore: Shea Ernshaw
Genere: Fantasy
Pagine: 305
 
Goodreads | Amazon

Titolo: Solo la verità
Autore: Karen Cleveland
Genere: Gialli/Thriller
Pagine: 352
 
Recensione | Goodreads | Amazon

divisore dx

 

kiafirma

l'uomo che metteva in ordine il mondo cover
Titolo: L’uomo che metteva in ordine il mondo
Autore: Fredrik Backman
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 321
 
Recensione | Goodreads | Amazon

Titolo: Le assaggiatrici
Autore: Rosella Postorino
Genere: Fiction storica
Pagine: 288
 
Goodreads | Amazon

le assaggiatrici cover
il mio segreto cover
Titolo: Il mio segreto
Autore: Kathryn Hughes
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 278
 
Recensione | Goodreads | Amazon

Titolo: Un altro giorno ancora
Autore: Bianca Marconero
Genere: Romance
Pagine: 320
 
Recensione | Goodreads | Amazon

un altro giorno ancora cover
fai piano quando torni cover
Titolo: Fai piano quando torni
Autore: Silvia Truzzi
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 212
 
Recensione (della Mon) | Goodreads | Amazon

Titolo: Il sentiero degli alberi di limone
Autore: Nadia Marks
Genere: Romance
Pagine: 241
 
Recensione | Goodreads | Amazon

il sentiero degli alberi di limone cover

Recensione: Fai piano quando torni di Silvia Truzzi

Buongiorno!
Finalmente eccomi a parlare di “Fai piano quando torni”, primo romanzo di Silvia Truzzi, edito Longanesi. Ho avuto la bellissima opportunità di incontrare Silvia qualche settimana fa (se ricordate avevo postato qualche storia su Instagram ad un aperitivo in cui ci ha raccontato qualcosa in più su questo libro e su di sè.
Vi lascio alla recensione e in fondo vi racconterò un po’ cosa ho scoperto all’aperitivo.

fai piano quando torni cover

Titolo: Fai piano quando torni
Autore: Silvia Truzzi
Editore: Longanesi

Margherita ha trentaquattro anni e un lavoro che ama. È bella, ricca ma disperatamente incapace di superare sia la scomparsa dell’adorato papà, morto all’improvviso otto anni prima, sia l’abbandono del fidanzato che l’ha lasciata senza troppe spiegazioni. Dopo un grave incidente d’auto si risveglia in ospedale. Qui incontra una signora anziana che da poco è stata operata al femore. Anna, oggi settantaseienne – nata poverissima, «venduta» come sguattera da bambina – ha trascorso la vita in compagnia di un marito gretto e di una figlia meschina, eppure ha conservato una gioia di vivere straordinaria. Merito delle misteriose lettere che, da più di mezzo secolo, scrive e riceve ogni settimana.
I mondi di queste due donne sono lontanissimi: non fossero state costrette a condividere la stessa stanza, non si sarebbero mai rivolte la parola. Dopo i primi tempestosi scontri, però, fuori dall’ospedale il cortocircuito scatenato dalla loro improbabile amicizia cambierà in meglio la vita di entrambe.
Un romanzo pieno di grazia che racconta, con tono ironico e sorprendentemente leggero, il dolore della perdita e la fatica della rinascita.

“Fai piano quando torni” è un titolo che adoro perché mi ispira dolcezza e delicatezza. Adoro la copertina perché non è una delle solite tutte uguali che si vedono in libreria, attira l’attenzione per i colori caldi, la fotografia non perfettamente nitida, come se fosse dietro un vetro leggermente appannato. Mi ha intrigata subito.

Silvia Truzzi, in questo suo primo romanzo, ha raccontato una storia tutta al femminile. È una storia di crescita, di amore, di scoperta di sè stessi che coinvolge Margherita e la signora Anna. Le due non potrebbero essere più diverse: giovane e di buona famiglia la prima, anziana e cresciuta in povertà la seconda. Trovo che la cosa che le differenzi di più e la cosa che mi ha colpita di più nel libro è il modo che hanno di affrontare la vita. Margherita potrebbe avere tutto eppure sta passando davvero un brutto periodo, non riesce a gestirlo come vorrebbe e si ritrova a non godersi tutto quello che ha intorno. Anna, invece, che di difficoltà nella vita ne ha incontrate davvero tantissime, vive la vita con l’entusiasmo di una bambina.

Le due si incontrano in una stanza di ospedale e mentre Margherita cerca di rifugiarsi nel silenzio e nel dolore che prova, Anna cerca di aiutarla continuando a parlare di sè e della sua vita. È così che impariamo a conoscere questa donna che trovo straordinaria e soprattutto ci perdiamo insieme a Margherita nel racconto di una storia d’amore che dura da quasi sessanta anni. Mi è piaciuto davvero tantissimo vedere come i racconti della signora Anna e il suo non voler mai mollare la presa abbiano piano piano fatto capire a Margherita come affrontare le sue perdite e, di conseguenza, riprendere a vivere.

Non voglio raccontare niente della trama perché è una storia che va scoperta e assaporata personalmente, ma voglio spendere un paio di parole sulla scrittura dell’autrice che ho adorato. Il libro si legge senza fatica, scorre piacevolmente sia quando a parlare sono Anna e Margherita, sia quando leggiamo le lettere che scandiscono la storia d’amore tra Anna e Nicola. L’autrice è riuscita a padroneggiare alla perfezione entrambe le voci delle protagoniste dando a Margherita una padronanza linguistica tipica di una persona che ha potuto studiare e che di professione fa l’avvocato, abituata quindi a esprimersi in una certa maniera, mentre ad Anna ha regalato un italiano sgrammaticato e semplice ma terribilmente affettuoso. L’ho trovato un altro contrasto tra le due donne che però me le ha fatte apprezzare ancora di più.

“Fai piano quando torni” è un libro che consiglierei a persone che cercano una storia di scoperta personale, personaggi dalla lingua un po’ tagliente, amori proibiti e un libro tutto italiano. Spero di avervi fatto venire voglia di correre in libreria a comprare questo libro perché credo meriti davvero e spero che l’autrice decida di scriverne presto un altro perché con questo primo romanzo ha fatto un ottimo lavoro.

Curiosità dall’aperitivo con Silvia Truzzi

Silvia Truzzi, durante l’aperitivo, ha raccontato che tantissime persone le chiedono se il libro sia in qualche modo autobiografico e ha assicurato di no. Margherita non la rappresenta se non per pochi elementi come le chiacchierate con il papà mancato improvvisamente che dice siano quasi autobiografiche.

La signora Anna invece è esistita davvero. Aveva parecchi anni in più di quella rappresentata nel libro considerando che ne aveva oltre 90, ma era una donna dolcissima e semplice. Silvia ci racconta sorridendo che la “vera” signora Anna le ha fatto leggere le lettere scambiate con quest’uomo amato per 60 anni e che è incredibile come parlasse di lui come una ragazzina innamorata anche dopo così tanto tempo. Ci racconta anche che in Anna c’è anche molto della sua tata.

Una piccola curiosità riguardo alla cover. La donna ritratta nella foto è la mamma dell’autrice e la foto è scattata dal marito. Mentre cercavano una cover per il libro Silvia si è imbattuta in questa foto di sua mamma e l’ha trovata perfetta per rappresentare il suo libro. Stando a quanto ci ha raccontato sua mamma è una bravissima negoziatrice: pare abbia ceduto la foto per la cover solo in cambio della rimozione di alcune parole troppo esplicite in un capitolo. Le mamme, insomma, non cambiano mai, a prescindere dall’età dei figli 😉

Come ultimissima curiosità, ho chiesto a Silvia qual è il suo tipo di cioccolato preferito, come facciamo con ogni autore che incontriamo è ha risposto cioccolata fondente, ma non troppo, circa 80-85%.

 


Come forse già saprete, cari lettori, siamo affiliate Amazon. Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare il libro recensito, clicca su questi link e compralo da qui. Tu non spenderai di più né noterai differenze, ma ci aiuti a crescere e migliorare sempre di più! Grazie <3
Cartaceo | EBook

WWW…Wednesday #26

Buongiorno! Quanto sono belle queste giornate calde e di sole? Quali libri state leggendo in questi giorni? Noi come sempre approfittiamo dell’appuntamento a metà settimana per aggiornarvi sulle nostre letture…e se volete parlare di qualcuno di questi titoli, non vi resta che commentare o scriverci privatamente <3

Letto

In lettura

Da leggere

In questi giorni ho letto un libro misterioso che però non posso nominare o rovinerei la sorpresa a persone che partecipano alla mia stessa iniziativa, una Reading Chain. Per ora quindi il libro letto rimane sempre “Fai piano quando torni”. Ho iniziato “Otherworld”, che mi sta piacendo parecchio. Conto ancora di leggere “Everless”, libro incluso nella Fairyloot di dicembre che ho lì da mesi, ma non riesco ad iniziare.

Letto

In lettura

Da leggere

Finito ‘Fai piano quando torni‘ di Silvia Truzzi, che mi è piaciuto ma non mi ha convinta al 100%, mi sono buttata su ‘Il sentiero degli alberi di limone‘ di Nadia Marks di cui vi parlerò qui sul blog mooolto presto. Prossima lettura non saprei, ma credo che potrei leggere ‘Scrivere è un mestiere pericoloso‘ della Basso: vedremo.