Crea sito

wonder

5 cose che…5 film che ho visto prima di leggere i libri da cui sono tratti

Kia mi ha abbandonata questa settimana e io ho avuto una giornata impegnativa, ma finalmente ecco l’appuntamento con la rubrica ideata da Twins Books Lovers. In cosa consiste? Ogni venerdì verrà scelto un argomento e vari blog posteranno le proprie scelte. L’argomento di questa settimana sono i film che ho visto prima di leggere i libri da cui sono tratti.

~ Mon

Ho allargato un po’ la consegna tirando dentro anche film di cui ancora devo leggere il libro, ma che vorrei leggere a breve. Sono tutti film che mi hanno fatta emozionare e sono convinta che i libri lo faranno ancora di più. Tra questi, il film che consiglierei assolutamente, senza neanche pensarci, è “Il diritto di contare”: davvero stupendo.

5 cose che…5 letture che ci hanno insegnato qualcosa

Buongiorno. Settimana scorsa eravamo sommerse di cose da fare (oltre a non essere troppo esperte di film) e abbiamo saltato il 5 cose che. Ma torniamo oggi con la rubrica di Twins Books Lovers. In cosa consiste? Ogni venerdì verrà scelto un argomento e vari blog posteranno le proprie scelte. L’argomento di questa settimana sono le letture che ci hanno insegnato qualcosa.


~ Mon

La consegna di questa settimana l’ho un po’ interpretata, nel senso che ho deciso di elencarvi libri che mi hanno fatto riflettere e pensare su argomenti a cui prima non facevo così attenzione. Vi ho parlato ieri di “The Hate U Give” in cui viene affrontato il razzismo verso le persone di colore e mi è rimasto impresso il modo in cui viene raccontata la storia. Attraverso la parole di Starr ci si rende conto come certe situazioni siano totalmente assurde e non dovrebbero esistere. “Sono puri i loro sogni” mi ha fatto capire che tipo di genitore vorrei essere più avanti. Mi ha fatto capire le scelte dei miei genitori e mi ha fatto osservare il mondo di figli/genitori/insegnanti in maniera diversa. “Beautiful” è una storia incredibile sull’accettare sé stessi e il proprio corpo, cosa che in questi tempi non è così semplice. “Mio fratello rincorre i dinosauri” è un libro toccante e che fa entrare il lettore in una famiglia in cui uno dei figli è affetto dalla Sindrome di Down. Tutti sappiamo cos’è, pochi sanno come trattare persone con questa sindrome. Un libro come questo fa aprire gli occhi su una realtà che siamo abituati a vedere, ma che spesso non sappiamo gestire. Ho voluto concludere con “Piccole donne” perché è un libro che ho letto più volte, anche da piccolina e ho sempre desiderato avere un rapporto tra sorelle come quello delle March (vendette di Amy a parte), ma come sorella non sono sempre stata la migliore, anzi. Questo libro mi ricorda che tipo di sorella vorrei essere e mi permette ogni giorno di provare ad essere migliore.

~ Kia

Sono convinta che ogni libro possa insegnare qualcosa. Sicuramente ce ne sono alcuni che ci insegnano più di altri e a loro volta si dividono in due categorie, secondo me. Le storie di vita vissuta, di contesti e di realtà che non conosciamo e invece i racconti – romanzati – che ci portano a riflettere su qualcosa cui non avevamo mai fatto caso, o a cui non avevamo mai dato eccessivo peso. I miei primi tre appartengono alla prima categoria: ‘Nel mare ci sono i coccodrilli’ mi ha fatto vedere da una prospettiva diversa una realtà che ci tocca ogni giorno, quella dell’immigrazione e lo super consiglio. ‘Fuga dal campo 14’ mi ha invece aperto gli occhi su quella che è la vita attuale in Corea del Nord (e di cui vorrei leggere altro). ‘Wonder’ ci spinge a riflettere sul bullismo, quello presente soprattutto a scuola e di cui, purtroppo, si sente parlare sempre più spesso. Gli altri due libri sono invece più ‘filosofici’. Non potevo non citare il mio adorato Piccolo Principe e la stessa cosa vale per ‘Qualcosa’ che, nel suo essere una fiaba, mi ha lasciato qualcosa di simile proprio al Piccolo Principe.

Recensione: Il libro di Julian di RJ Palacio

Buongiorno! Nuova recensione di quella che è stata la prima lettura di questo 2018: Il libro di Julian di RJ Palacio. In realtà non avevo previsto di leggerlo a breve, ma me lo sono letteralmente trovato tra le mani e non potevo non leggerlo.

il libro di julian cover
Titolo: Il libro di Julian. A Wonder Story
Autore: RJ Palacio
Editore: Giunti
Link di acquisto: Amazon | Kobo
Goodreads

Julian non si capacita di come siano andate le cose durante l’ultimo anno scolastico. Era il ragazzo più popolare della classe e si ritrova a essere escluso dai compagni. Tutta colpa del nuovo arrivato, August Pullman, e della sua orribile faccia, raccapricciante come quella del Fantasma dell’Opera. Come sarebbe tutto più facile se scomparisse dalla circolazione! I lettori di Wonder hanno spesso chiesto a R.J. Palacio perché non avesse incluso nel libro un capitolo su Julian. La sua risposta è stata che non voleva dare troppo spazio nel racconto al personaggio di un bullo e temeva che la cattiveria delle parole di Julian potesse ferire un eventuale lettore con problemi simili a quelli di Auggie. Effettivamente, però, non conoscendo il punto di vista di Julian, ai lettori rimanevano molti dubbi sulle motivazioni del suo crudele comportamento. In questo racconto, quindi, l’autrice ha deciso di narrare la storia di Julian: perché non è andato in gita scolastica? Perché a fine anno ha lasciato la scuola?… R.J. Palacio si dimostra ancora una volta maestra nella capacità di immergere il lettore nell’intimo percorso di un personaggio, attraverso un’empatia totale.

 

Partiamo dal presupposto che ho letteralmente adorato Wonder (qui la recensione)…e questo non è stato da meno. L’ho decisamente apprezzato.

Per chi non conoscesse Wonder, racconta la storia di Auggie, un ragazzino nato con delle gravi malformazioni al viso che cresce studiando a casa tra un’operazione chirurgica e l’altra. All’età di dieci anni, però, i genitori decidono di provare a mandarlo in una scuola normale. Wonder racconta il primo anno di Auggie a stretto contatto con il mondo esterno, con i suoi coetanei, con chi cerca di non far caso al suo viso rovinato concentrandosi sulla personalità del ragazzino, chi invece non riesce a passarci sopra. Adesso mi fermo altrimenti mi rimetto a raccontarvi di Wonder e non la pianto più.

In Wonder conosciamo, oltre a Auggie, i suoi genitori e la sorella, Christopher – il migliore amico di Auggie che ora vive in un’altra città -, Charlotte, Julian e Jack – prescelti dalla scuola per fare da ‘guide’ al nostro protagonista – e Summer – una ragazzina che stringe amicizia con August. Ci sono un sacco di altri personaggi, in realtà, soprattutto i compagni di scuola di Auggie, che però, nonostante il loro ruolo sia fondamentale, non vengono approfonditi.

RJ Palacio, dopo Wonder, ci ha fatto un regalo: 3 libri che raccontano lo stesso periodo in cui si svolge il libro principale, ma raccontati da Julian, Christopher e Charlotte. Per il momento mi sono gustata quello di Julian, il ragazzino ‘peggiore’ della storia, quello ‘cattivo’. C’è chi dice che non si può parlare di cattiveria tra i bambini, io sinceramente non ne sono convinta. Molto dipende dal background familiare, sicuramente, ma c’è chi proprio la gentilezza e l’empatia non sanno nemmeno dove stiano di casa. Julian è proprio il Bullo, quello che tratta male per definizione chi non è come lui, chi non la pensa come lui, chi non riesce a difendersi. Julian è quello che si può definire in tutto e per tutto una brutta persona. Beh, nel suo libro si capisce la motivazione dei suoi comportamenti, delle sue reazioni.
È il ragazzino stesso a raccontarci direttamente il suo anno a contatto con Auggie, le sue sensazioni, i suoi sentimenti e, infine, la sua crescita.

Proprio così. Quello affrontato da Julian è un percorso di crescita enorme, soprattutto per un ragazzino di quell’età. Julian è figlio unico, cresciuto con genitori che a quanto pare gli hanno sempre dato ragione e lo hanno sempre difeso a spada tratta. Questo, immagino siate d’accordo, non contribuisce certo a formare un carattere decente in una persona. Ed è esattamente quello che succede. Julian è insopportabile, con Auggie, si comporta male, si crede chissà chi, ed ovviamente viene difeso dai genitori che si mettono addirittura contro la scuola pur di non screditare il loro pargoletto.

La trama di base è, ovviamente, molto simile a quella di Wonder. La vediamo però da un punto di vista completamente diverso. Inizialmente molto simile – Auggie ci raccontava l’odio che provava Julian nei suoi confronti e il loro cattivo rapporto – per poi distanziarsi sempre di più nel momento in cui Julian inizia il suo percorso di crescita, rendendosi conto di quello che ha fatto.

Quindi, se non avete ancora letto Wonder, fatelo.
E poi continuate con le Wonder Stories perché meritano, meritano tantissimo. Fateli leggere a figli, nipoti, cugini tutti. a partire dalle elementari. Perché riescono a raccontare concetti importanti in maniera semplice, storie di vita che possono insegnare moltissimo.


5 cose che: 5 autori che abbiamo scoperto di recente

Buongiorno! Nuovo venerdì e nuovo cinque cose che. Settimana scorsa abbiamo saltato perché eravamo troppo perse in un mondo parallelo, ma da oggi siamo di nuovo qui con questa rubrica ideata da Twins Books Lovers. In cosa consiste? Ogni venerdì verrà scelto un argomento e vari blog posteranno le proprie scelte relative a quell’argomento. Questa settimana vi parliamo di 5 autori – autrici per la verità – che abbiamo scoperto di recente. Sono tutte autrici che abbiamo sentito nominare molto, ma di cui non avevamo mai letto nulla.


Bianca Marconero
L’ultima notte al mondo

Dopo aver sentito nominare moltissimo questa autrice, ma senza mai leggere nulla di suo, quest’estate ho avuto l’opportunità di partecipare al blogtour dedicato a L’ultima notte al mondo. Ho adorato lo stile fresco di questa autrice!
~Kia

Lauren Oliver
Prima di domani

Altra autrice di cui ho sentito parlare un sacco. Ho da poco conosciuto la sua scrittura leggendo Prima di domani, lettura che non mi ha convinta al 100%. A breve credo però che darò un’altra possibilità a questa autrice: consigli?
~Kia

R.J. Palacio
Wonder

Altro libro – e autrice – conosciutissimi ma che non avevo ancora avuto il piacere di leggere. Ho letto Wonder e mi è piaciuto davvero molto, a breve leggerò anche gli altri libri di questa autrice!
~Kia

Tahereh Mafi
Shatter Me

Lo so, questa settimana continuo a nominarla, ma cosa volete farci. Sono arrivata tardi rispetto al mondo, ma ho scoperto la Mafi da poco e come vi ho detto nella recensione del suo primo libro che trovate qui a fianco, l’ho adorata come autrice. Decisamente da leggere e scoprire. La seguo anche su Instagram sempre con grande piacere.
~Mon

Elisa Gioia
So che ci sei

Elisa Gioia è stata una sorpresa tutta italiana e per me, che leggo poche autrici italiane, è stata una sorpresa bellissima. La sua serie con protagonista Gioia è stupenda e non posso che consigliarla a tutti.
~Mon