Crea sito

teaser tuesday

Teaser Tuesday #160

Buongiorno e buon martedì! Mancano solo due giorni all’uscita di questo gioiellino e la mia recensione è praticamente pronta per voi 🙂 Sto parlando di ‘Un altro giorno ancora’ di Bianca Marconrero! Intanto vi lascio un piccolo estratto, non vedete l’ora di leggerlo?

teaser tuesday

Andrea si piazza davanti a me, che lo fisso incapace di chiudere la bocca.
«Buonasera, Elisa».
E, magia, ritrovo la voce. «Non può essere buona», gli dico, e gli lancio pure il canovaccio, ma manco miseramente il bersaglio. Sospetto che la camicia bianca di Andrea funga da scudo rifrangente. «Quello mi stava riempiendo di mance».
«Mi dispiace per il tuo business, Elisa», dice e, giuro, non è ironico. «Ma non era una brava persona».
«Vai al diavolo», sbotto. «Anzi, no, prima spiegami come hai fatto a fare la radiografia a quel coglione? Hai poteri precognitivi? Sei un maledetto stalker?!».
«È estate», mi dice. «Se ti togli la fede, resta il segno dell’abbronzatura».
«Okay, e il resto?»
«Per l’età? Facile, la canottiera che indossava, in verità piuttosto dozzinale, lasciava scoperta la cicatrice della vaccinazione contro il vaiolo. Gli ultimi ad averne una così evidente sono nati negli anni Settanta».
«E i figli?»
«Aveva i nomi “Martina” e “Flavio”, tatuati sulle sue braccia. Ho immaginato fossero i suoi figli. Il numero di telefono della moglie, invece, non ce l’avevo. Era un bluff».
«Non mi ero neanche accorta che li avesse, i tatuaggi».
«A me sfuggono di rado», mi dice. «Ci presto sempre molta attenzione», i suoi occhi azzurri si spostano verso le mie braccia. L’idea di essere oggetto della sua “attenzione” è un sasso nella scarpa che va a unirsi alla spina nel fianco, che associo sempre a lui, e alla spada nel cuore che mi ha piantato cinque giorni fa.
Questo bastardo è ufficialmente la mia nemesi.
È lui a rompere il silenzio tra noi. «È la data del campionato regionale», dice indicando l’ultimo tatuaggio. E anche Andrea, come Leone, ha interpretato correttamente. Ma nel suo caso mi infastidisce.
«Ti ho già detto di andare al diavolo?»
«Sì, lo hai fatto», annuisce. Non è né arrabbiato né divertito. È un maledetto automa, il prodotto di un padre ingegnere. Non c’è da sorprendersi che la madre li abbia piantati in asso per scappare con un ballerino cubano. E non mi meraviglia che la sorella di Andrea, Bianca, si sia trasferita in Francia, patria dei vini di cui lei è espertissima, e che finisca per sposarsi un francese!
In fondo la capisco, anche se non posso perdonarla per essersene andata. E non solo perché era l’unica Serpieri decente, ma per il male che ha fatto a mio fratello Vittorio. Comunque, questa è un’altra storia.
È di nuovo Andrea a parlare. «Non mi chiedi perché sono qui?»
«No», rispondo io. «E non saprei come esprimerti la vastità del niente che me ne frega! Ma, se ci tieni, posso formulare un’ipotesi stile Sherlock: è un locale», indico, in direzione della pista, il tripudio di gente che balla. «Forse sei venuto per divertirti, sempre che il tuo codice di programmazione lo preveda. Forse Agata si è stancata di fare puzzle in salotto e ti ha implorato di portarla fuori», mi stringo nelle spalle. «O forse sei venuto per sbattermi in faccia che mi hai fregato il cavallo! Però, scusa, non posso andare oltre con le mie ipotesi. Tu non hai tatuaggi e, in ogni caso, non me ne fregherebbe niente di saperne di più».

Capitolo 3 – Un altro giorno ancora di Bianca Marconero

divisore dx

un altro giorno ancora cover
I sentimenti sono come i fiori selvatici. Crescono dove meno te l’aspetti.
Elisa Hoffman ha imparato presto a cavarsela da sola. Ultima di cinque fratelli, vive per la famiglia e per l’equitazione. L’esclusivo maneggio in cui lavora, alle porte di Milano, è il posto che ama di più al mondo, e mette da parte tutti i risparmi per riuscire a comprarsi Sparkle, un cavallo che ha addestrato per mesi. Tutti i suoi sogni, però, si infrangono alla notizia che Andrea, un ragazzo terribilmente bello e ricco, ha offerto più soldi e ha acquistato il cavallo che le era stato promesso. Elisa non si dà pace e riversa su di lui tutto il suo risentimento. Ma Andrea è davvero così freddo come sembra, o sotto il ghiaccio si nasconde qualcosa di diverso? Un imprevisto, un accordo e un’inattesa amicizia con il nemico permettono a Elisa di scoprire che il ragazzo, in realtà, possiede delle qualità inaspettate… Una storia sull’amore in tutte le sue declinazioni, e sui sentimenti che, come fiori selvatici, crescono in silenzio, senza che nessuno li annaffi.
«Adoro Bianca Marconero! Mi piacciono la sua sottile ironia, il linguaggio parlato, la convincente capacità di immedesimarsi nel punto di vista maschile, il fatto che non ammicchi mai al lettore ma che riesca sempre a conquistarlo.»

Teaser Tuesday #158

Buongiorno! Passata bene questa Pasqua? Noi siamo totalmente sparite per qualche giorno – tranne che su Instagram – ed oggi siamo pronte per ripartire. Essendo marted’, non potevamo che lasciarvi un Teaser. Quello di oggi è l’incipit del libro che dovrei (Kia) leggere per la 2018 Ikigai Book Challenge.

teaser tuesday

Era da poco passata l’ora di pranzo quando il treno entrò in stazione con uno stridio di freni che costrinse Mary a tapparsi le orecchie. Thomas si mise sulla schiena la sacca da viaggio. Entrambi odiavano quel momento, ma lui cercava sempre di non darlo a vedere. L’abbracciò stretta. «Sono certo che il dottore ci darà buone notizie, Mary. Terrò le dita incrociate.» Le sollevò il mento tra le dita e le posò un bacio leggero sulle labbra. «Ti do la mia parola che mi licenzierò non appena nascerà il bambino.»
Mary batté le mani, entusiasta. «Davvero? È una promessa?»
Lui si fece il segno della croce. «Te lo prometto, Mary.»
«Oh, Thomas, è così dolce tristezza il commiato.»
«Eh?»
«Romeo e Giulietta.»
«Mi dispiace, non ti seguo.»
Lei rise, dandogli una pacchetta sulla spalla. «Thomas, sei proprio una capra. Giulietta dice a Romeo che il dolore della separazione è dolce, perché preannuncia il loro prossimo incontro.»
«Ah, ho capito. Immagino sia vero. Sapeva il fatto suo, il vecchio Bill.» Salì sul treno e si sporse dal finestrino. Quindi si baciò le dita e le posò sulla guancia di Mary.
Lei gli accarezzò la mano, cercando di ricacciare indietro le lacrime: Thomas detestava vederla piangere. «Mi raccomando, fai attenzione, Thomas Roberts. Hai capito?» disse, agitando il dito per ammonirlo.
Lui rispose col saluto militare: «Sì, capo».
Al fischio del capotreno, il convoglio iniziò a muoversi lungo il binario. Mary si mise a correre per seguire Thomas che agitava il fazzoletto bianco e se lo premeva sugli occhi. Era evidente che la stesse prendendo in giro e lei non poté fare a meno di sorridere. «Ci vediamo tra un paio di giorni», gridò, mentre il treno acquistava velocità e scompariva in lontananza.

La sala d’aspetto del medico era affollata e c’era un caldo soffocante. La donna seduta alla sua sinistra teneva in braccio un neonato addormentato che, a giudicare dall’odore, aveva bisogno di essere cambiato. L’uomo alla sua destra soffocò nel fazzoletto un potente sternuto, seguito da un violento attacco di tosse. Mary si girò dall’altra parte e prese a sfogliare una vecchia rivista. Il medico era in ritardo di un quarto d’ora e lei si era già rosicchiata le unghie di due dita. Finalmente, da dietro la porta sbucò la testa della segretaria. «Mary Roberts? Il dottore è pronto a riceverla.»
Mary sollevò gli occhi dalla rivista. «Grazie.» Si alzò lentamente e bussò piano alla porta. Tuttavia tutte le sue preoccupazioni svanirono non appena entrò nello studio. Il medico l’aspettava spaparanzato sulla poltrona di pelle dietro la scrivania, con le mani intrecciate in grembo e un sorriso sagace sulle labbra.

Capitolo 1- Il mio segreto di Kathryn Hughes

divisore dx

cover il mio segreto
Quando si deve smettere di sperare? Beth se lo chiede ogni giorno, guardando suo figlio Jake in un letto di ospedale. Jake avrebbe bisogno di un trapianto, ma né lei né Michael, il marito, sono compatibili. Ma ecco che accade il miracolo: frugando tra alcune vecchie carte, Beth scopre di essere stata adottata. E, oltre lo sconcerto e la tristezza, Beth intravede una possibilità: da qualche parte, vicino a lei, potrebbero esserci parenti biologici compatibili con Jake.

Inseguire quella speranza diventa per Beth un’ancora di salvezza in un oceano di dubbi. Armata solo del proprio coraggio e di pochissime informazioni, Beth inizia a combattere contro un muro di silenzi, reticenze e segreti. Ma non si arrende. Perché sa che l’amore è una luce impossibile da spegnere, e sarà quella luce a mostrarle la via. Perché questa è una battaglia che deve vincere a ogni costo. Perché solo ritrovando il proprio passato potrà salvare il futuro di suo figlio.

Dopo il successo della Lettera, per mesi in classifica in Italia e all’estero, Kathryn Hughes torna con un nuovo romanzo in cui s’intrecciano i fili del coraggio, dell’amore e del destino, dando vita a una storia forte ed emozionante, in cui ogni donna si può identificare.

Teaser Tuesday #157

Buon pomeriggio lettori! Dopo la recensione di questa mattina, eccomi anche con l’appuntamento con il Teaser Tuesday. Vi lascio un passaggio dello stesso libro, ‘Ogni attimo è nostro’ di Luigi Ballerini, nella speranza di incuriosirvi ulteriormente

teaser tuesday

«Comunque grazie!» le ripeto, nel caso non mi abbia sentito. Merito suo se l’ho spuntata con la macchina, da solo non ce l’avrei mai fatta. È stata lei poco fa a convincere mio padre a lasciarcela.
“Stefano, possiamo benissimo farne a meno per una settimana, non abbiamo in programma di andare da nessuna parte in particolare. Tra l’altro tu hai anche la trasferta a Londra, non la useresti comunque, e io vado in ufficio con i mezzi. Davvero l’auto a noi non serve nei prossimi giorni. E poi così Giacomo può farsi la sua vacanza della Maturità, sarebbe un peccato se gliela negassimo…”

La carta vincente è stata proprio quella della vacanza della Maturità. Lo sapevo, e lo sapeva anche lei: papà in fondo è un tenerone. Così tanto da concederci la sua macchina nuova che per fortuna posso guidare anch’io, neopatentato. Devo dire che anche le foto di Fab con il gesso hanno fatto il loro effetto, soprattutto il selfie che ci siamo scattati in uscita dal pronto soccorso, lui sulla carrozzina e io dietro con la faccia contratta per lo sforzo come se spingessi un elefante. Quando l’ho visto sorridere e inclinare un po’ la testa, ho capito che era fatta.

“Non gli abbiamo fatto prendere la patente per poi tenerlo chiuso in casa, sono i rischi che ogni genitore deve correre. Anche il rischio di dormire male stanotte…” e con questo mamma ha chiuso il discorso sparando la sua cartuccia migliore. E lui si è definitivamente arreso.
Che grande mia madre.
«Grazie di cosa?» mi chiede, con un fare un po’ vezzoso, indaffarata a trafficare con le sue collane. Ha capito benissimo invece.
«Dai lo sai… senza di te non saremmo mai partiti» Mi fissa negli occhi dallo specchio.
«Sii prudente, però. Hai la patente da pochi mesi e il viaggio è molto lungo» mi dice appoggiando entrambe le collane sul comò.
«Ma’, non ti preoccupare, sai che vado piano» cerco di tranquillizzarla. Però questa non è una bugia tanto per tenerla buona, in macchina sto attento davvero. Mi piace la guida in sé, non ho bisogno di andare veloce. In macchina mi sento adulto, mi sento libero. Ho l’impressione che potrei arrivare ovunque.
Annuisce, come per dire lo so, e mi fido di te.

Diciotto e trentasei- Ogni attimo è nostro di Luigi Ballerini

divisore dx

cover ogni attimo è nostro
L’estate della maturità, l’avventura di una vita. Ma basta un secondo per cambiare tutto.

Giacomo ha un problema: se stesso. Troppo basso, troppo goffo, troppo medio. Per fortuna ci sono gli amici: senza Fabione e Martina sarebbe stato impossibile sopravvivere fino all’ultimo giorno di liceo. Lui, l’amico migliore del mondo. Lei, la ragazza che ha sempre sognato. Un trio perfetto. Un trio che ha superato ogni difficoltà, fino all’impossibile prova di maturità. Ma una cosa è certa: dopo gli esami arrivano le vacanze e dopo le vacanze c’è la libertà, la vita vera. E Giacomo non intende perdersi nemmeno un istante del futuro che lo aspetta. Il futuro però comincia nel peggiore dei modi, perché Giacomo, mentre fa le valigie, non si sente bene, e Fabione complica la situazione poco prima della partenza. E, come se non bastasse, piove, continua a piovere: un luglio caldissimo annegato da una pioggia ininterrotta. Sembra proprio che tutto voglia mettersi contro Giacomo e la sua avventura alla volta del Salento. Che tutto gli stia dicendo di non partire. Ma Giacomo non ascolta, e alla fine il viaggio inizia. Mille chilometri di musica, confidenze, segreti. Un viaggio in cui ogni attimo è unico e irripetibile e conta, e niente va sprecato. Perché tutto può finire all’improvviso.

Teaser Tuesday #156

Buon martedì!
Il Teaser Tuesday di oggi è dedicato ad un libro che avevo adocchiato tempo fa e che sto divorando in questi giorni. Durante il weekend non sono riuscita a leggere, ma ora mi sento fuori dal mio blocco del lettore e spero di ricominciare a macinare libri come ad inizio anno. Il libro è scritto in maniera particolare, a quattro mani da due autrici, con due POV alternati. Lo stile di scrittura anche è molto particolare e ci è voluto un po’ per entrare nella storia, ma ora scorre velocissimo. Spero di riuscire a darvi un’opinione completa a breve. Intanto ecco un estratto.

teaser tuesday

Ricordo un giorno, al liceo. Una mattinata grigia, che preannunciava noia. Lei era entrata in classe di corsa, con lo sguardo puntato a terra. L’avevo raggiunta al nostro banco, rigorosamente l’ultimo.
Maria mi aveva guardato di sfuggita per poi bisbigliare:

«Alma ti devo dire una cosa terribile!».

«Shhh! Parla piano… Che cosa?»

«Ieri hanno telefonato a mia madre per avvisarla che c’è stata un’aggressione nel nostro condominio!»

«Non è un condominio ma un villaggio residenziale di lusso…»

«Sì, va be’, è lo stesso. Ma hai capito cosa ti ho detto?»

«E chi avrebbero aggredito?»

«Il custode. Lo hanno colpito alla testa… ma pare che stia bene…»

«Mmmh. Ma dove è successo esattamente? Il villaggio è grande…»

«Sotto casa mia.»

«Cosa? Ma sei sicura? Ma adesso come fai a tornare a casa? Ma se c’è un aggressore in giro e tu torni da sola? E se ti vede? E se ti aggredisce? Come facciamo a sapere che è scappato? Non puoi tornare a casa, devi stare da me… oppure ti accompagno io, oppure ci facciamo accompagnare tutte e due, oppure…» avevo replicato agitata.

La situazione a quel punto mi era parsa seria.

«Alma, calmati, questo non è un problema…» aveva detto Maria inaspettatamente.

«Ma come non è un problema? Questo è il problema! Maria non possiamo rischiare che tu…»

«Ti ho detto che non è questo il punto!»

«E quale sarebbe allora il punto? Sentiamo!»

«Il punto è che… il custode l’ho aggredito io…»

«Tu cosa?» avevo sbottato incredula.

«Ma scusa, sono uscita di mattino presto, era ancora buio, ho visto un uomo grosso, chino, che rovistava forsennatamente vicino al garage e ho pensato fosse un ladro. Allora non ho perso tempo e gli ho scaraventato addosso lo zaino e sono scappata…»

Avevo iniziato a ridere.

«Alma, non ridere, ti prego. Adesso cosa faccio?»

La guardavo e non riuscivo a trattenermi, nonostante il suo viso preoccupato e la sua voce incrinata dall’ansia.

«Alma, non ridere!» era esplosa lei, alzando la voce.

«Maria, hai una vaga idea di quanto pesi uno zaino pieno di libri? È fortunato a essere ancora vivo… poveretto…» ero riuscita a dire infine, domando le risate.

«Sì, d’accordo, poveretto… ma io adesso cosa faccio? Mia madre mi ha detto che il custode l’ha chiamata tutto agitato dicendole che non doveva uscire di casa perché nei dintorni si aggirava un uomo pericoloso… che lo aveva aggredito sotto casa nostra mentre stava sbrigando le faccende che lei gli aveva affidato… cioè svuotare la spazzatura. Se mia madre scopre che sono stata io mi uccide… o peggio: non mi lascia più uscire di casa…»

«Va bene, stiamo calme. L’unica cosa da fare… è non fare assolutamente nulla. Rimani nell’ombra… nessuno sospetterà di te, vedrai», le avevo consigliato, seria.

«Ho un’amica potenzialmente letale…» avevo poi sussurrato per il semplice gusto di tormentarla.

«Alma, piantala!… Sei una cretina…»

E con questo Maria aveva chiuso la conversazione.

3. Alma – Nient’altro al mondo di Laura Martinetti e Manuela Perugini

cover nient'altro al mondo

La vita, a volte, mette davanti allo stesso istante. È così per Alma e Maria che apprendono di essere incinte a pochi mesi di distanza l’una dall’altra. Sono in momenti diversi delle loro esistenze eppure d’un tratto così simili. Come è accaduto sempre per loro due. Amiche dai banchi del liceo non c’è stata esperienza che non sia stata condivisa. Ora è arrivata quella notizia che cambia tutto. Quella notizia così agognata che riempie di paura e di emozione. Ma le loro strade si dividono presto: il sogno di Alma continua mese dopo mese, mentre quello di Maria si spezza in una fredda giornata d’autunno lasciandola con un incolmabile senso di vuoto. Ed è allora che l’amicizia che le lega deve stringere i fili della sua rete. Perché dolore e gioia possono confondersi, scambiarsi, sorprendere. Perché dire tutto quello che c’è in fondo al cuore è un’impresa difficile. Ma non lo è più se accanto c’è chi sa ascoltare, chi ci fa sentire come se non ci fosse nient’altro al mondo.

1 2 3 39