Crea sito

teaser tuesday

Teaser Tuesday #183

Buongiorno lettori! Il teaser che vi lascio oggi non è tratto dal libro che ho in lettura, ma da quello che ho terminato nel week end. Si tratta de Il sogno della macchina da cucire di Bianca Pitzorno che ho scoperto per puro caso e mi ha letteralmente conquistata. È un libro particolare, che racconta la storia di una sartina a giornata di fine Ottocento, analizzando, in maniera romanzata, la situazione sociale di quel periodo vista dagli occhi di una persona del popolo. Vi lascio un pezzetto del primo capitolo, sperando di incuriosirvi. Se lo leggete, fatemi sapere se vi è piaciuto.

teaser tuesday

Avevo sette anni quando mia nonna cominciò ad affidarmi le rifiniture più semplici dei capi che cuciva in casa per le sue clienti nei periodi in cui non aveva richieste di lavori al loro domicilio. Eravamo rimaste noi due sole di tutta la famiglia dopo l’epidemia di colera che aveva portato via senza fare preferenze di sesso i miei genitori, i miei fratelli e sorelle e tutti gli altri figli e nipoti di mia nonna, miei zii e miei cugini. Come avessimo fatto noi due a scamparla, ancora non me lo spiego.
Eravamo povere, ma lo eravamo state anche prima dell’epidemia. La nostra famiglia non aveva mai posseduto niente, tranne la forza delle braccia maschili e l’abilità delle dita femminili. Mia nonna e le sue figlie e cognate erano conosciute in città per la loro bravura e precisione nel cucito e nel ricamo, per la loro onestà, pulizia e affidabilità nei lavori domestici quando andavano a servizio nelle case dei signori, dove sapevano fare con una certa grazia anche le cameriere e occuparsi del guardaroba. Erano poi quasi tutte delle buone cuoche. Gli uomini lavoravano a giornata come muratori, facchini, giardinieri. Industrie che assumessero operai nella nostra città ancora non ce n’erano molte, ma il birrificio, il frantoio, il mulino e anche gli eterni lavori di scavo per l’acquedotto richiedevano spesso manodopera non specializzata. Che io mi ricordi, non abbiamo mai patito la fame, anche se dovevamo spesso cambiare casa e ammassarci per qualche tempo nei sottani o bassi del centro storico, quando non riuscivamo a pagare l’affitto dei modestissimi appartamenti in cui viveva la gente del nostro ceto.

Vita mia, cuor mio – Il sogno della macchina da cucire di Bianca Pitzorno

divisore dx


C’è stato un tempo in cui non esistevano le boutique di prêt-à-porter e tantomeno le grandi catene di moda a basso prezzo, e ogni famiglia che ne avesse la possibilità faceva cucire abiti e biancheria da una sarta: a lei era spesso dedicata una stanza della casa, nella quale si prendevano misure, si imbastivano orli, si disegnavano modelli ma soprattutto – nel silenzio del cucito – si sussurravano segreti e speranze. A narrarci la storia di questo romanzo è proprio una sartina a giornata nata a fine Ottocento, una ragazza di umilissime origini che apprende da sola a leggere e ama le opere di Puccini ma più di tutto sogna di avere una macchina da cucire: prodigiosa invenzione capace di garantire l’autonomia economica a chi la possiede, lucente simbolo di progresso e libertà. Cucendo, la sartina ascolta le storie di chi la circonda e impara a conoscere donne molto diverse: la marchesina Ester, che va a cavallo e studia la meccanica e il greco antico; miss Lily Rose, giornalista americana che nel corsetto nasconde segreti; le sorelle Provera con i loro scandalosi tessuti parigini; donna Licinia Delsorbo, centenaria decisa a tutto per difendere la purezza del suo sangue; Assuntina, la bimba selvatica… Pur in questa società rigidamente divisa per classe e censo, anche per la sartina giungerà il momento di uscire dall’ombra e farsi strada nel mondo, con la sola forza dell’intelligenza e delle sue sapienti mani. Bianca Pitzorno dà vita in queste pagine a una storia che ha il sapore dei feuilleton amati dalla sua protagonista, ma al tempo stesso è percorsa da uno sguardo modernissimo. Narrare della sartina di allora significa parlare delle donne di oggi e dei grandi sogni che per tutte dovrebbero diventare invece diritti: alla libertà, al lavoro, alla felicità.


Come forse già saprete, cari lettori, siamo affiliate Amazon. Se vi piace il nostro blog e volete acquistare il libro recensito, cliccate su questi link e compratelo da qui. Non spenderete di più né noterete differenze, ma ci aiutate a crescere e migliorare sempre di più! Grazie <3

Cartaceo | EBook

Teaser Tuesday #182

Ciao lettori!
Sto cercando di superare un terribile blocco del lettore, ma piano piano spero di farcela. È da più di una settimana che ho il lettura “Il sognatore” e mi sta piacendo molto, nonostante il blocco. Spero mi aiuti a superare questo momento e a ricominciare a leggere seriamente.
Qui sotto vi ho lasciato il prologo, vi ispira?

teaser tuesday

Durante il secondo Sabba della Dodicesima Luna, nella città di Pianto, dal cielo cadde una ragazza.
La sua pelle era blu e il suo sangue era rosso.
Si schiantò sopra un cancello di ferro, che per l’impatto si deformò, e lì rimase appesa, terribilmente inarcata, aggraziata come una danzatrice che si abbandona riversa sul braccio del suo innamorato. Una guglia viscida la teneva inchiodata al suo posto. La punta, che le sporgeva dal petto, scintillava come una spilla. La ragazza ebbe un breve sussulto mentre il suo fantasma si liberava e dai suoi lunghi capelli piovevano boccioli di un rosso fiammante.
In seguito, avrebbero detto che non erano affatto boccioli, ma cuori di colibrì.
Avrebbero detto che la ragazza non aveva perso sangue, ma lo aveva pianto. Che era oscena, perché mentre moriva a testa in giù si era leccata i denti sfacciatamente e aveva vomitato un serpente che, toccando terra, si era trasformato in fumo. Avrebbero detto che era arrivato uno sciame di falene che, frenetiche, avevano tentato di sollevarla e portarla via.
E questo era vero, ma solo questo.
Le falene però non avevano avuto alcuna possibilità. Non erano più grandi delle boccucce attonite dei bimbi, e persino riunite a dozzine avevano potuto al massimo tirare le ciocche dei capelli che si andavano scurendo, finché le loro ali non si erano appesantite, inzuppate dal sangue della ragazza. Vennero spazzate via insieme ai boccioli quando una raffica di vento e sabbia travolse la strada da cima a fondo. Sotto i piedi, la terra si sollevò con un sussulto. Il cielo ruotò sul suo stesso asse. Un bizzarro luccichio trafisse il fumo che si levava a ondate e il popolo della città di Pianto dovette strizzare gli occhi per schermarli. Tempesta di sabbia, luce bollente e il puzzo del salnitro. C’era stata un’esplosione. Sarebbero potuti morire tutti, con facilità, ma l’unica vittima era stata quella ragazza, buttata giù da una qualche tasca del cielo.
Aveva i piedi nudi e la bocca macchiata del succo delle prugne selvatiche. Le sue tasche erano piene di frutti. Lei era giovane e bella e stupita e morta.
Era anche blu.
Di un blu opalescente, chiaro. Blu come i fiordalisi o le ali di una libellula o un cielo di primavera, non estivo.
Qualcuno urlò. Le urla richiamarono altre persone, e anche loro urlarono. Non perché una ragazza fosse morta, ma perché era blu, e questo, nella città di Pianto, significava qualcosa. Anche quando il cielo smise di vorticare e la terra si riassestò e il luogo dell’esplosione sputacchiò l’ultimo sbuffo di fumo che si disperse, le urla proseguirono, nutrendosi di una voce dopo l’altra, un virus dell’aria.
Il fantasma della ragazza blu si raccolse e si appollaiò, desolato, sulla punta acuminata della guglia, appena un centimetro sopra il suo stesso petto immobile. Scioccato, ansimante, il fantasma gettò indietro la testa invisibile e guardò in su, addolorato.
Le urla proseguirono ancora.
E dall’altra parte della città, in cima a un cuneo monolitico di metallo liscio e lucido come uno specchio, una statua si mosse, come svegliata dal tumulto e, lentamente, sollevò l’enorme testa caprina.

Prologo- Il sognatore (Strange the Dreamer #1) di Laini Taylor

divisore dx

il sognatore cover
In un mondo indefinito, devastato dai postumi di una guerra fra dèi e uomini, il piccolo Lazlo Strange, orfano, viene allevato da monaci arcigni che tentano con la forza di strappare il germe della fantasia dalla mente del bambino. Ma Lazlo è nato sognatore. Rimane impressionato dai racconti di un anziano monaco, che parlano di una misteriosa città, un luogo di cui si è persa la memoria ma nel quale è accaduto qualcosa di tragico, qualcosa di enorme. Conoscere questa città, chiamata Pianto, diventa il suo sogno, la sua ossessione. Anni dopo, ormai ventenne, Lazlo lavora come bibliotecario; passando tutto il suo tempo fra libri e documenti, appaga la sua sete di ricerca e di storie. Finché un giorno arriva nientemeno che una delegazione di guerrieri proveniente proprio dalla mitica Pianto, guidata da un comandante soprannominato il Massacratore degli Dei, il quale spiega che sta girando per tutto il territorio alla ricerca di uomini e donne in possesso di capacità intellettuali e manuali che possano servire a ricostruire la città, devastata dalla guerra. Lazlo chiede di essere arruolato e ottiene il posto. Inizia così un viaggio avventuroso verso la meta cui ambisce fin dall’infanzia…

Teaser Tuesday #181

Buongiorno lettori! È martedi e quindi tempo di teaser. Purtroppo io sono ancora alle prese con Big Apple, romanzo che mi sta piacendo ma che davvero non trovo il tempo di leggere. Spero di riuscire a finirlo a breve. Voi lo avete letto?

teaser tuesday

Alle parole di George si irrigidisce, come un ragazzino colto in fallo a fumare. Sospiro rassegnata: che fosse un uomo complicato lo avevo intuito da tempo, che avesse una famiglia complicata lo so con certezza da sempre.
Si allontana da me e, con gesti rabbiosi, inizia ad aprire cassetti alla ricerca degli indumenti. Dopo pochi minuti, con una perizia notevole, è vestito di tutto punto e ha una luce negli occhi che non mi piace per niente.
«La calma è la virtù dei forti» recito quasi a me stessa.
«La statura di un uomo è misurata dalla statura delle cose che lo fanno arrabbiare» ribatte sarcastico.
Sparisce oltre la porta, lasciandomi con una sensazione di amaro in bocca. Qualche minuto dopo odo la voce sommessa del pinguino.
«La signorina è presentabile?»
«Solo un momento» grido in risposta.
Recupero la valigia che il solerte maggiordomo aveva già portato nella stanza. Mi infilo l’intimo, un paio di jeans e una camicia.
«Avanti!» dico, tentando di lisciarmi i capelli che devono essere un disastro.
George entra con un vassoio in mano.
«Ho pensato che fosse affamata e le ho preparato qualcosa» sentenzia appoggiando il tutto sul tavolino del piccolo salotto. Lex ha un salotto anche in camera da letto. Parliamone.
«Grazie.» È un gesto inaspettato e per questo ancora più gradito. Mi siedo e lui con eleganza ed efficienza appronta il mio pasto.
Inizia a parlare mentre mi versa il caffè.
«Sa, prima di venire a lavorare per Mr. Stenton, ero al servizio di suo nonno, quello con il numero uno per intenderci. Un uomo duro, tutto d’un pezzo, persino spietato talvolta, ma che aveva un suo codice d’onore. Sono rimasto con lui vent’anni, fino a quando è morto. Ha lasciato tutto al nipote, me compreso, diseredando il figlio. Se mai le dovesse capitare di entrare nella stireria e ascoltare la conversazione tra padre e figlio, del tutto accidentalmente s’intende, capirebbe perché il vecchio lo ha fatto.»
Sorrido. «Vecchio pettegolo. Cosa ti fa credere che io sia interessata alla cosa?»
Sorride anche lui. «Be’, pensavo che le fosse venuta un po’ di curiosità e volesse conoscere meglio il suo… fidanzato.»
Ci fissiamo per qualche secondo e scoppiamo a ridere di gusto. Chi lo avrebbe mai detto? La vecchia mummia è dotata di senso dell’umorismo.
Torno seria e gli chiedo a bruciapelo: «Perché lo ha detto secondo te? Capirai che è la più grande bugia che il mondo occidentale abbia mai conosciuto subito dopo la tesi dell’unico cecchino nell’attentato a Kennedy.»
«Azzardo l’ipotesi che il mostro verde lo abbia colto quando il baldo e giovine pompiere ha manifestato un certo qual interesse nei suoi confronti. La mente umana è misteriosa, spesso non ci accorgiamo di volere davvero qualcosa fino a quando non rischiamo di perderla, e ancora più spesso la perdiamo perché non abbiamo il coraggio di dirci che la volevamo. Parlo in via generica e ipotetica, ovviamente.»
Vecchia volpe! Non so che messaggio stia tentando di mandarmi, o meglio lo so e voglio ignorarlo. Non ce lo vedo proprio in perizoma bianco, parrucca bionda, arco e frecce.
«Ora le lascio finire la colazione in tranquillità.»

Capitolo 12- Big Apple di Marion Seals

divisore dx


Dora e Lex. Assistente personale e grande capo. Giovane e ambiziosa, lei, miliardario e casanova, lui.
Sì, avete ragione, gli stereotipi ci sono tutti, e… no, non è un romance come quelli che avete letto finora.

“Mi chiamo Dora Monroe, ho venticinque anni e vivo a New York. Che culo, direte voi.
Vivo nella parte brutta di New York: il Bronx.”

Fedora Monroe, per gli amici Dora, originaria del Connecticut, lavora in una famosa casa editrice della Grande Mela, come assistente personale del proprietario, in attesa della grande occasione.

“Speravo di farmi notare abbastanza in fretta, ma dopo ben 743 giorni – sì, avete letto bene, SETTE-CENTO-QUARANTA-TRE, li ho contati – ancora nessuno si è inginocchiato ai miei piedi per supplicarmi di correggere le bozze di chicchessia. Chi dovrebbe promuovermi? Il mio capo, ovviamente. Chi è il mio capo?”

Alexander Maximilian Stenton III, rampollo di una delle famiglie più ricche e in vista degli Stati Uniti, tanto bello e intelligente, quanto presuntuoso e dispotico.
“Il mio nome è Alexander Maximilian Stenton III, ma gli amici mi chiamano Lex e la ragione non me la ricordo più. Nasco in una famiglia alto-borghese, con infiltrazioni nobili da parte di madre. La mia bisnonna sposò un conte e questo fa di noi i privilegiati tra i privilegiati. Ovvio che non conterebbe un cazzo se non fossimo anche schifosamente ricchi.”

Ecco che, quando il romanzo di un’autrice di punta della casa editrice rischia di non essere pubblicato nei tempi previsti, Dora ha la possibilità di fare ciò per cui è nata: l’editor.

Da qui, complice un segreto professionale che se rivelato farebbe perdere milioni di dollari, le vicende di Dora e Lex si intrecceranno in un incastro (im)perfetto di emozioni: litigate, sesso sfrenato e un’antipatia reciproca saranno gli elementi costanti del loro rapporto.
A tutto questo si aggiungeranno le vicende dei loro amici e conoscenti che, tra situazioni pericolose e imprevisti comici, faranno da sfondo a un legame che andrà crescendo di giorno in giorno a dispetto dei due protagonisti.

Riusciranno Dora e Lex, così in apparenza inconciliabili, a trovare un punto di incontro? O il loro orgoglio e la diffidenza reciproca li allontaneranno per sempre?


Come forse già saprete, cari lettori, siamo affiliate Amazon. Se vi piace il nostro blog e volete acquistare il libro recensito, cliccate su questi link e compratelo da qui. Non spenderete di più né noterete differenze, ma ci aiutate a crescere e migliorare sempre di più! Grazie <3

Cartaceo | EBook

Teaser Tuesday #180

Buonasera lettori!
Arrivo un po’ più tardi del solito, ma oggi è stata una giornata super intensa a lavoro. Sto purtroppo leggendo davvero poco, ma sto continuando il primo libro di Luigi Nunziante, Everland, che parla di favole. Non potevo non leggerlo. Spero di parlarvene presto sul blog. Intanto ecco un piccolo assaggio…

teaser tuesday

«Chi sei?» chiedo rivolta a me stessa. Anche questa volta ho parlato ad alta voce proprio mentre mio padre entra in camera: sono fregata, sta per iniziare quella che mi piace definire la “seduta di psicoanalisi familiare”.

Inizia a farmi domande ma io sono così stanca che decido di rispondere con ironia, con quel tipo di risposte che più odia in assoluto. Magari così la smette di farmi il terzo grado.

Stavolta però, a differenza del suo solito approccio con- trastante, mi asseconda e tenta un approccio diverso al fine di ottenere lo stesso risultato.

Non ci casco paparino! All’ennesima domanda vengo miracolosamente salvata dalla nonna che ci chiede di scendere al piano inferiore per salutare la signora Pine, la nostra vicina storica nonché migliore amica dei miei nonni.

Mio padre corre giù per le scale, per poi ritornare all’i- stante: «Sembra che abbia portato anche suo nipote» esclama facendomi l’occhiolino e un sorriso sornione: si sta chiaramente divertendo tantissimo. «Potresti aver trovato un nuovo amico!»

«Cos’è? Un incontro combinato questo?»

«Chi lo sa. Quando c’è di mezzo la nonna tutto è possibile» risponde scoppiando a ridere.
«E tu saresti lo stimato psicologo?» rispondo scuotendo la testa come il più navigato degli espertoni.

Scendendo noto all’istante quello che deve essere il ni- pote della signora Pine, un adolescente magrolino dalla zazzera rossa scompigliata, chino sui due scatoloni con- tenenti i miei libri. A quanto pare il mio “nuovo amico” è un ragazzino delle medie a cui sembrano piacere i libri. Spero almeno che li legga.

Tossisco per attirare la sua attenzione e quando alza lo sguardo dai libri lo riconosco all’istante: il tipo della finestra! Il mio ipotetico “nuovo amico” a quanto pare è un bimbetto ed anche un guardone!

«Ehi» esclamo anche stavolta, facendolo sussultare. «Non provare a scappare anche stavolta.» Non lo fa, ma abbassa nuovamente lo sguardo, arrossendo.

«Vedo che hai già conosciuto Damian» esclama la non- na spuntando dalla cucina con un vassoio di muffin.

«Eccome» rispondo sarcastica io, lanciando un’occhia- taccia al ragazzino…che è magicamente scomparso, rin- tanandosi dietro le spalle di sua nonna, senza però smet- tere di levarmi gli occhi di dosso.

Il suo però non è “quel genere di interesse” ma sembra più una semplice curiosità. Qualcosa in me lo intriga, ma non saprei certo dire cosa e certo non vale la pena stare troppo a pensarci.

Saluto la signora Pine che è rimasta sempre uguale, immutata, proprio come la casa dei nonni. Lei e suo marito, ormai deceduto da anni, mi hanno sempre ricordato due personaggi delle fiabe: lei una vecchia e saggia fata, lui un lord combattente. Anche ora ho la stessa impressione e anzi, con l’età e la vecchiaia, sembra essere diventata ancora più forte e potente.

Lara torna in te, mi dico. Come mi è saltato in testa questo paragone? Forse mi sarò fatta semplicemente impressionare dai libri di favole, quelli che mi leggeva sempre la mamma, che prima stava sbirciando Damian. Sono una delle sue poche cose che ho deciso di conservare, insieme allo specchio che ho messo in camera.

Capitolo 1 – Everland – Attraverso lo Specchio
(Cronache delle Storie #1)
di Luigi Nunziante

divisore dx

il cielo è tutto nostro cover
“Tutte le storie iniziano da qualche parte”.
Quella di Lara inizia esattamente con un trasloco, il trasferimento a Wichita voluto dal padre, al fine di superare il lutto per la perdita della madre. Costretta a dover ricominciare “tutto da capo” Lara non immagina che l’incontro con Damian, il giovanissimo vicino di casa, è solo l’inizio di una folle e stravagante avventura che porterà entrambi in un altro mondo: Everland.
Tra amori e incantesimi, e tanti personaggi noti, Lara e Damian dovranno far ritorno a casa grazie ad un incantesimo… in un mondo dove però la magia non esiste.