Crea sito

teaser tuesday

Teaser Tuesday #191

Buongiorno lettori! Oggi vi lascio un Teaser tratto da un libro davvero carinissimo che sto leggendo in questi giorni e di cui vi lascerò la recensione appena finito. Merita davvero e potrebbe essere un regalo di Natale per un’amica romantica e sognatrice. Mi manca poco ma per il momento il mio giudizio è assolutamente positivo. Si tratta di Ogni volta noi di Josie Silver. Lo conoscete?

teaser tuesday

Ci siamo conosciute proprio qui, al primo anno di università. Avevo deciso di alloggiare in uno degli appartamenti convenzionati con l’ateneo invece che in un pensionato, e avevo scelto questo. È in una vecchia palazzina divisa in tre: due appartamenti più grandi in basso e la nostra mansarda appollaiata sopra, come un allegro ripensamento. Venendo a visitarla ne ero rimasta affascinata, guardandola attraverso delle lenti rosa molto spesse. Sapete l’appartamentino in cui vive Bridget Jones? Me lo ricordava tanto, anche se era più shabby che chic, e per pagare l’affitto avrei dovuto dividerlo con una sconosciuta. Ma nessuno degli svantaggi mi impedì di firmare il contratto: una sola estranea era più facile da accettare rispetto a un pensionato gremito e rumoroso che di estranei sarebbe stato pieno. Mi ricordo ancora quando trascinai i bagagli su per i tre piani di scale, sperando con tutta me stessa che la coinquilina non estinguesse le mie fantasie alla Bridget Jones.
Aveva attaccato sulla porta un biglietto di benvenuto, scarabocchiato in rosso con una grande calligrafia tonda sul retro di una busta:

Cara coinquilina,
sono andata a prendere un po’ di bollicine a buon mercato per battezzare la casa nuova. Se vuoi, scegli pure la camera grande; io comunque preferisco essere a breve distanza dal bagno, non si sa mai!
Baci,
S.

Era fatta: mi aveva conquistato prima ancora che ci incontrassimo. È diversa da me per tante cose, ma abbiamo abbastanza in comune per andare più che d’accordo. Lei è una bellezza vistosa con i capelli rossi come il camion dei pompieri, che le scendono ondulati fin quasi al sedere, e un corpo splendido, anche se non gliene frega niente del suo aspetto.
Normalmente una ragazza così stupenda mi farebbe sentire come il brutto anatroccolo, ma Sarah ha una capacità speciale di metterti a tuo agio. La prima cosa che mi disse quel giorno, quando tornò dal negozio all’angolo, fu: «Cazzarola, sei la sosia di Elizabeth Taylor! Dovremo mettere una serratura di sicurezza, altrimenti qua si scatena l’inferno».
Stava esagerando, ovviamente. Non assomiglio granché a Elizabeth Taylor. Devo ringraziare la nonna materna, che era francese, per i capelli neri e gli occhi azzurri; quando aveva vent’anni era una ballerina piuttosto apprezzata, come provano i vecchi programmi di sala e i ritagli di giornale. Ma io mi sono sempre considerata una parigina mancata: ho ereditato le caratteristiche fisiche della nonna ma non la sua grazia, e il suo ordinato chignon è diventato, fra le mie mani, una massa di ricci che sembrano aver preso la scossa. Inoltre non potrei mai essere disciplinata a sufficienza per fare la ballerina; sono troppo appassionata di biscotti al cioccolato. Quando il mio metabolismo se ne renderà conto, sarà un disastro.

18 dicembre – Laurie – Ogni volta noi di Josie Silver

divisore dx

ogni volta noi cover
Seduta sull’autobus per tornare a casa, Laurie ammira le luci sfavillanti di Londra attraverso il finestrino. All’improvviso i suoi occhi incrociano quelli di un ragazzo fermo sul marciapiede. Si incrociano e si rincrociano ancora, in uno spazio che sembra infinito. Come non avessero mai fatto nient’altro per tutta la vita. Ma l’autobus riparte e Laurie non ha il tempo di fermarlo, di scendere, di scoprire qualcosa di quel ragazzo misterioso che per lei significa già tutto. Per un anno intero non fa altro che cercarlo in ogni negozio in cui entra, a ogni angolo di strada, in ogni pub dove va con gli amici. Ma sa che rivedersi, in una città così grande, è praticamente impossibile. Quando ormai si è rassegnata all’idea che si sia trattato di un’altra delle mille persone che, nella vita, si incontrano per poi perderle per sempre, lo vede a una festa. Ma non come avrebbe sperato. La sua migliore amica è lì per presentarle il suo nuovo fidanzato, e Laurie non può credere a chi si trova di fronte: è lui, è il ragazzo dell’autobus, è il ragazzo che ha disperatamente cercato per mesi. Un destino beffardo li fa incontrare di nuovo proprio quando non possono stare insieme. Proprio quando devono nascondere a loro stessi e al mondo intero la magia del loro primo incontro. Perché l’amore detta le sue leggi che non sempre sono comprensibili. Perché l’amore può premiare gli audaci, ma anche chi ha la pazienza di aspettare. Di credere. Di essere tenace. Quando nasce a prima vista può essere un fuoco che si accende in un istante, ma anche un focolare che trattiene il calore affinché non si esaurisca mai.


Come forse già saprete, cari lettori, siamo affiliate Amazon. Se vi piace il nostro blog e volete acquistare il libro recensito, cliccate su questi link e compratelo da qui. Non spenderete di più né noterete differenze, ma ci aiutate a crescere e migliorare sempre di più! Grazie <3

Cartaceo | EBook

Teaser Tuesday #190

Buongiorno lettori!
Al momento sono in ferie e a godermi una sciata, la prima della stagione, ma non potevo non lasciarvi il Teaser Tuesday. Parliamo di un libro che mi hanno regalato circa quattro anni fa e che non avevo ancora preso in mano. Onestamente non mi ispirava. Alcuni post su instagram di una ragazza che seguo e la curiosità si è accesa. Eccomi quindi qui ad iniziare Dio di illusioni.

teaser tuesday

La neve sulle montagne si stava sciogliendo e Bunny era già morto da molte settimane prima che arrivassimo a comprendere la gravità della nostra situazione. Era già morto da dieci giorni quando lo trovarono, sapete. Fu la più grande battuta della storia del Vermont-polizia dello Stato, FBI, persino un elicottero dell’esercito; il college chiuse, la fabbrica di colori a Hampden serrò i battenti, la gente veniva dal New Hampshire, dal nord dello Stato di New York, addirittura da Boston.
È difficile credere che il semplice piano di Henry potesse aver funzionato tanto bene, nonostante tali eventi imprevisti. Non avevamo l’intenzione di nascondere il corpo dove non potesse essere trovato: invero non l’avevamo nascosto per nulla, bensì semplicemente lasciato dov’era precipitato, nella speranza che qualche sfortunato viandante vi incespicasse, prima che si accorgessero della sua scomparsa. Era una storia che si raccontava da sola, semplicemente e bene: le pietre smosse, il corpo in fondo al burrone con il collo rotto, e le strisciate fangose dei tacchi a segnare il tragitto della caduta; un incidente durante un’escursione, niente di più, niente di meno. E la cosa sarebbe rimasta in questi termini – lacrime sommesse e piccolo funerale –, non fosse stato per la neve che cadde quella notte; il bianco manto ricoprì senza lasciar trasparire la minima traccia, e dieci giorni più tardi, quando venne finalmente il disgelo, la polizia di Stato, l’FBI e tutti coloro che, dal paese, avevano preso parte alla ricerca, videro che erano andati in su e in giù sul suo corpo fino a che la neve gli si era indurita attorno come ghiaccio.

È difficile credere che un tal trambusto abbia avuto luogo a causa di un atto di cui io fui parzialmente responsabile; e ancor più difficile credere di aver vissuto quei momenti – le macchine fotografiche, le uniformi, le torme che brulicavano sulle pendici di Mount Cataract, nere come formiche in una zuccheriera – senza incorrere in un briciolo di sospetto. Ma aver attraversato quei momenti è una cosa, uscirne, disgraziatamente, si è dimostrato un altro paio di maniche; e sebbene una volta abbia pensato di aver lasciato quel burrone per sempre, in un pomeriggio di aprile di tanto tempo fa, ora non ne sono così sicuro. Ora tutta quella gente che cercava Bunny è andata via, la mia vita è ritornata tranquilla; e io sono giunto a capire che sebbene per anni potevo aver immaginato di essere altrove, in realtà sono stato sempre lassù in cima, presso i solchi fangosi delle ruote nell’erba nuova, dove il cielo è cupo sopra i fiori di melo che ondeggiano alla brezza, e il primo freddo della neve caduta quella notte è già nell’aria.
«Cosa fate quassù?» disse Bunny sorpreso, quando ci trovò tutti e quattro ad aspettarlo.
«Be’, stiamo cercando nuove felci» rispose Henry.
E dopo restammo a parlottare sottovoce tra i cespugli – un’ultima occhiata al corpo e un’ultima occhiata intorno, né chiavi né occhiali perduti, avete tutto? –; ci avviammo quindi attraverso il bosco in fila indiana, mentre io mi giravo a guardare oltre i virgulti che chiudevano il sentiero alle mie spalle. Ricordo la via del ritorno, e i primi solitari fiocchi di neve che arrivavano errando tra i pini; ricordo l’allegria mentre ci si stipava in macchina e si riprendeva la strada come una famiglia in vacanza, con Henry che guidava tutto teso tra le buche e gli altri appoggiati ai sedili anteriori, a chiacchierare come bambini; ricordo anche troppo bene la lunga e terribile notte che mi attendeva, e le lunghe terribili giornate e notti che seguirono: ho solo da darmi un’occhiata alle spalle perché tutti questi anni svaniscano, e io lo riveda di nuovo dietro di me, il burrone che mi sorge incontro, verde e nero tra i virgulti, un’immagine che non mi abbandonerà mai.
Suppongo che a un certo punto, nella mia vita, avrei potuto narrare un gran numero di storie, ma ora non ve ne sono altre. Questa è l’unica storia che riuscirò mai a raccontare.

Prologo – Dio di illusioni di Donna Tartt

divisore dx

dio di illusioni coverUn piccolo raffinato college nel Vermont. Cinque ragazzi ricchi e viziati e il loro eccentrico e affascinante professore di greco antico, che insegna al di fuori delle regole accademiche imposte dall’università e solamente a una cerchia ristretta di studenti. Un’élite di giovani che vivono di eccessi e illusioni, lontani dalla realtà che li circonda e immersi nella celebrazione di un passato mitico e idealizzato, tra studi classici e riti dionisiaci, alcol, droghe e sottili giochi erotici. Fino a che, in una notte maledetta, esplode la violenza. E il loro mondo inizia a crollare inesorabilmente, pezzo dopo pezzo. Una storia folgorante di amicizia e complicità, amore e ossessione, colpa e follia, un romanzo di formazione che è stato uno dei più grandi casi editoriali degli anni Novanta.

Teaser Tuesday #189

Buongiorno lettori! Oggi vi lascio il teaser tratto dall’ultimo libro che sto leggendo per l’iniziativa #giallicondestinodicarta: Dentro l’acqua di Paula Hawkins. Uno tra i libri più confusionari letti nell’ultimo anno, ma la cosa è evidentemente voluta, visto che pian piano le cose si stanno incastrando davvero davvero bene. Avete letto questo libro?

teaser tuesday

Non sei mai cambiata. Avrei dovuto saperlo. Anzi, in realtà lo sapevo. Hai sempre amato il mulino e il fiume, ed eri ossessionata da quelle donne, dalle cose che avevano fatto, da ciò che si erano lasciate alle spalle. E adesso questo. Oh, Nel, sei davvero arrivata a tanto?
Al piano di sopra, ho esitato prima di entrare in camera da letto. Il pugno stretto intorno alla maniglia, mi sono fermata e ho respirato a fondo. Sapevo cos’era successo, me lo avevano detto, ma sapevo anche chi eri tu. E non riuscivo a crederci. Ero sicura che, se avessi aperto la porta, ti avrei trovata lì: alta, magra e non troppo felice di vedermi.
La stanza era vuota. Sembrava che tu l’avessi lasciata solo un attimo prima, magari per andare di sotto a farti un caffè, e che da un momento all’altro dovessi tornare. C’era ancora il tuo profumo nell’aria: dolce e persistente, una fragranza classica, come quelle che usava la mamma, Opium o Yvresse.
«Nel?» Ho sussurrato il tuo nome, come per evocarti, ma non ha risposto nessuno.
In fondo al corridoio c’era la “mia” stanza, quella in cui avevo dormito ogni estate: la stanza più piccola della casa per la più piccola della famiglia. Era ancora più angusta e buia di quel che ricordavo, e più triste. Dentro c’era solo un letto singolo, senza lenzuola. Puzzava di umidità e di terra. Non ho mai dormito bene in quella camera, mi sentivo a disagio: non è strano, se ripenso al modo in cui eri solita spaventarmi. Ti sedevi sul pavimento dall’altro lato della parete e graffiavi l’intonaco con le unghie, facendo strani rumori; disegnavi simboli inquietanti sulla porta con lo smalto rosso; scrivevi il nome delle donne morte sui vetri appannati delle finestre. E poi c’erano le storie che mi raccontavi: streghe trascinate in acqua, donne disperate che si lanciavano dal promontorio, e un ragazzino terrorizzato che, nascosto nel bosco, aveva visto la madre gettarsi nel fiume.

Jules – Dentro l’acqua di Paula Hawkins

divisore dx

dentro l'acqua cover
Quando il corpo di sua sorella Nel viene trovato in fondo al fiume di Beckford, nel nord dell’Inghilterra, Julia Abbott è costretta a fare ciò che non avrebbe mai voluto: mettere di nuovo piede nella soffocante cittadina della loro adolescenza, un luogo da cui i suoi ricordi, spezzati, confusi, a volte ambigui, l’hanno sempre tenuta lontana. Ma adesso che Nel è morta, è il momento di tornare. Di tutte le cose che Julia sa, o pensa di sapere, di sua sorella, ce n’è solo una di cui è certa davvero: Nel non si sarebbe mai buttata. Era ossessionata da quel fiume, e da tutte le donne che, negli anni, vi hanno trovato la fine – donne “scomode”, difficili, come lei -, ma mai e poi mai le avrebbe seguite. Allora qual è il segreto che l’ha trascinata con sé dentro l’acqua? E perché Julia, adesso, ha così tanta paura di essere lì, nei luoghi del suo passato? La verità, sfuggente come l’acqua, è difficile da scoprire a Beckford: è sepolta sul fondo del fiume, negli sguardi bassi dei suoi abitanti, nelle loro vite intrecciate in cui nulla è come sembra.


Come forse già saprete, cari lettori, siamo affiliate Amazon. Se vi piace il nostro blog e volete acquistare il libro recensito, cliccate su questi link e compratelo da qui. Non spenderete di più né noterete differenze, ma ci aiutate a crescere e migliorare sempre di più! Grazie <3

Cartaceo | EBook

Teaser Tuesday #188

Ciao lettori!
Oggi il Teaser Tuesday viene dal libro che stiamo leggendo tutte insieme per la Lettura di Gruppo che abbiamo organizzato (le info qui). Mi sta davvero prendendo tantissimo e sono super curiosa di andare avanti.
Lo avete letto? Vi ispira?

teaser tuesday

C’è chi ha definito Mare di Mostri un fenomeno. Qualche articolo qua e là. Alcune recensioni. I fan.
Io invece non riesco a considerarlo così, perché sono io che l’ho creato. È la mia storia, la cosa a cui tengo di più, e a quanto pare è una storia che piace anche a tante altre persone.
Ma chiamarlo “fenomeno” sarebbe presuntuoso e narcisistico da parte mia, e poi vederla in quel modo mi dà la nausea.
È così strano che il successo dia la nausea?
Sono tante le cose di Mare di Mostri che mi danno la nausea.
La storia è al tempo stesso molto semplice e molto difficile da spiegare. Non ci ho mai provato di persona, ma credo che se lo facessi finirei per vomitare sulle scarpe di qualcuno.
Se vuoi spiegare qualcosa online basta fare copia e incolla di un link e dire: “Ecco, leggete qui”. La gente clicca. Legge l’introduzione. Se gli piace, va avanti. Se no, pazienza, almeno non hai dovuto parlare con nessuno.
Se dovessi davvero spiegare la storia senza poter ricorrere al prezioso aiuto delle immagini, credo che direi qualcosa del genere: “Sul lontano pianeta di Orcus, un ragazzo e una ragazza combattono su fronti contrapposti una lunga guerra tra nativi e coloni Terrestri. Il ragazzo e la ragazza ospitano nel loro corpo due creature parassite che succhiano energia e che rappresentano la loro unica, reciproca debolezza. C’è un sacco di mare e, dentro a quel mare, un sacco di mostri. Succedono cose. Bellissimi colori”.
Un motivo c’è, se sono un’artista e non una scrittrice.
Ho iniziato a postare Mare di Mostri tre anni fa, ma la cosa è decollata davvero solo dopo la comparsa del post originario sul sito di Masterminds. La gente l’ha notato. Ha iniziato a leggere. Si è interessata.
E questa è stata la cosa più strana.
Cioè che ci fossero altre persone oltre a me interessate a quella storia. Ad Amity e Damien e al destino di Orcus. Persone interessate a conoscere il nome delle specie dei miei mostri marini. Ad avere ogni settimana pagine nuove, di qualità. Addirittura interessate a me, a chi sono, anche se nessuno è mai riuscito a scoprire chi c’è dietro al mio nickname. Né i fan, né i troll, né i critici, né chi scrive articoli online. Magari è stato proprio l’anonimato a farlo diventare un fenomeno.

Capitolo 2 – Ti ho trovato tra le stelle di Francesca Zappia

divisore dx

ti ho trovato tra le stelle cover
Nel mondo reale, Eliza Mirk è una ragazza timida, poco socievole e solitaria.
Online, è Lady Constellation, autrice anonima di «Monstrous Sea», un webcomics adorato da milioni di followers in tutto il mondo.
Eliza non si sente mai sola, la sua comunità digitale la fa sentire amata e parte di qualcosa di importante. Poi a scuola conosce Wallace, un ragazzo che non parla con nessuno ma decide di aprirsi proprio con lei, ed Eliza comprende che anche la vita offline vale la pena di essere vissuta. Ma quando accidentalmente la sua identità segreta di Lady Constellation viene svelata al mondo, tutte le sue certezze e i suoi punti fermi – online e offline – vanno in frantumi…