Crea sito

4.5 cupcakes

Recensione: La custode di mia sorella di Nick Cassavetes

Ciao a tutti! Questa settimana ho visto un paio di film ed ero indecisa su quale recensire ma alla fine ho deciso di parlare di un film che ho voluto rivedere dopo tanto tempo: “La custode di mia sorella”. Ma una volta deciso mi sono ritrovata a fissare lo schermo del mio computer a lungo prima di metter giù due righe di senso compiuto. Per fortuna poi mi è venuta l’ispirazione e ho cominciato a picchiettare sulla povera tastiera del computer a ritmo sostenuto (immaginando la Kia e la Mon che mi dicono come sempre di non distruggere i tasti).

L’undicenne Anna Fitzgerald è nata grazie alla fertilizzazione in vitro con le caratteristiche necessarie per poter salvare la sorella maggiore Kate, malata da tempo di leucemia. Oltre ad assistere al calvario della sorella, Anna si è sottoposta a numerose analisi, trasfusioni e iniezioni per salvare Kate. Ma quando la sorella ha bisogno di un rene, Anna però si rifiuta di essere usata. Sente infatti di essere stata messa al mondo al solo scopo di salvare la sorella. Anna così si rivolge ad un avvocato e fa causa ai genitori per avere l’emancipazione medica ed il pieno controllo del proprio corpo.


 

Titolo: La custode di mia sorella
Titolo originale: My sister’s keeper
Regia: Nick Cassavetes
Anno: 2009
Durata: 109 min
IMDB

Il film si concentra sull’ultimo periodo di vita di Kate e noi veniamo accompagnati all’interno della realtà della famiglia attraverso la voci fuori campo dei genitori e dei fratelli che ci raccontano come ciascuno di loro convive con la situazione di Kate. Infatti vi è un continuo alternarsi tra presente e momenti del passato, in cui vediamo il peggioramento di Kate. La cosa che mi piace del film è che la sorella malata non è l’unico nucleo a cui gira la storia, ma il regista vuole farci notare che i genitori hanno sempre “sfruttato” la sorella minore come pezzo di ricambio. Scopriamo quindi che dietro una facciata di serenità familiare, si nascondono molte crepe che stanno distruggendo la famiglia.

This is it. I know I’m going to die now. I suppose I’ve always known that. I just never knew when. And I’m okay with it. Really. I don’t mind my disease killing me. But it’s killing my family, too.

Sebbene Kate abbia già accettato la realtà dei fatti, sua madre non vuole arrendersi, vuole fare il possibile affinché lei possa continuare a vivere. Il suo amore per la figlia la rende cieca a tal punto da non vedere come le sua azioni nei confronti degli altri figli non siano giuste. Kate se ne rende conto e per questo chiede ad Anna di far causa ai genitori, perché vuole far capire che è ora di smettere di lottare, lei infatti vuole trascorrere insieme con la famiglia gli ultimi momenti.

Remember that summer when I went away to camp? And I was so scared that I’d miss you so much guys. Before I got to the bus you told me to take a seat on the left side right next to the window, so I’d be able to look back and see you there. I get the same seat now.

I flashback felici in cui si vede Kate in salute sono accompagnati da canzoni azzeccate che amplificano la drammaticità della storia. Vediamo una giovane Abigail Breslin nei panni di Anna che dimostra grande padronanza del personaggio e un’inaspettata Cameron Diaz che interpreta la madre in maniera molto convincente (nonostante la vediamo soprattutto in commedie, la sua presenza in un film del genere devo dire che non stona).

Se dovessi descrivere il film con una parola sarebbe intenso. Questo perché fin da subito ti mette davanti alla realtà dei fatti. Si apre infatti con la voce di Anna che ci racconta come la sua nascita non sia frutto del caso. Ma oltre al dramma in sé, il modo sapiente in cui il regista racconta le dinamiche familiari, i conflitti interni, le speranze e le paure dei nostri protagonisti è ciò che rende davvero emozionante questo film. La storia viene raccontata in maniera semplice e genuina, senza filtri, in modo che lo spettatore si senta parte della famiglia e partecipi attivamente alle vicissitudini narrate. Infatti questo film ha messo nuovamente a dura prova la mia sfera emotiva perché le lacrime zampillavano dai miei occhi. Diciamo che al regista piace raccontare storie strappalacrime infatti, dopo aver raccontato di un amore ostacolato ne “Le pagine della nostra vita”, ritorna con un film di spessore sulla lotta contro la leucemia (ho pianto così tanto che dovrebbe essere illegale fare film del genere).


Recensione: You’re not you di George C. Wolfe

Ciao a tutti e buon anno! Tra i miei propositi per quest’anno ho inserito la Movie Challenge e con il mio primo post del 2015 depenno soddisfatta “Un film di un attore/attrice che ami e che non hai ancora visto”. L’attrice in questione è Hilary Swank e il film che vi propongo dovrebbe uscire a marzo al cinema, ma avendolo trovato in internet in inglese non sono riuscita a resistere e l’ho guardato. Quindi in anteprima per voi “You’re not you”.

Kate è una pianista a cui viene diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica. Suo marito Evan cerca di trovare qualcuno che si prenda cura di sua moglie. Bec, uno studentessa di college, si offre per il lavoro, nonostante la sua mancanza di esperienza. Kate vede qualcosa di speciale in Bec e vuole avere lei come assistente per le sue cose quotidiane. Kate e Bec si aiuteranno a vicenda a vivere la loro vita e trovare la loro strada nel mondo.



  • Titolo originale: You’re not you
  • Non ancora disponibile in italiano.
  • Regia: George C. Wolfe
  • Durata: 102 min
  • Anno: 2014
  • IMDB

Il film inizia con Kate che si prepara per questo cocktail party che lei e suo marito hanno organizzato nella loro impressionante e bellissima casa. Tutto procede bene ma quando gli amici di Kate le chiedono di suonare il pianoforte e lei si inceppa una volta nell’esecuzione e nota come la sua mano destra inizi a tremare. Poi, il film si proietta un anno e mezzo dopo e vediamo che viene ripetuta la scena in cui Kate si prepara per la sua giornata, solo che questa volta è il marito che la lava, la veste e la trucca;la malattia di Kate, infatti, è progredita molto velocemente.
Ha appena licenziato la sua infermiera perché la faceva sentire ‘una paziente’ e la persona che si presenta per prendere il suo posto è Bec, che, nonostante l’impatto iniziale negativo, viene assunta.


La prima cosa che si percepisce durante la visione del film è il grande contrasto che c’è tra queste due donne: Kate è una persona fortemente ferita dalla sua attuale condizione e controllata dal marito, Bec invece è una ragazza molto istintiva che riesce a malapena a gestire la sua vita super incasinata. Ma forse è proprio il fatto che sono così diverse tra loro che permette a entrambe di avere una crescita lungo il film. Bec impara innanzitutto ad avere rispetto per sé stessa e ad essere una persona affidabile, mentre Kate riesce a dare voce alle sue emozioni e sentimenti attraverso il supporto di Bec, sopratutto nel momento in cui scopre che il marito l’ha tradita.

Una scena che mi è rimasta impressa è quando Kate chiede di prendere in braccio il figlio appena nato di una sua amica, ma inizia a tossire convulsamente e il bambino, che piange, sta quasi per cadere. In disparte, lei confessa a Bec che vorrebbe urlare perché non ce la fa più a sostenere il peso delle delusione che sta dando alle persone a lei care, ma le difficoltà respiratorie non glielo permettono, quindi la ragazza si offre di urlare per lei. Kate si sforza di essere “normale” ma gli altri non riescono ad andare oltre quella che è la sua malattia, a vederla per la persona che è veramente.

La malattia tronca alcune sue relazioni, ma le permette di conoscere nuove persone genuine che le portano serenità nella sua routine. Soprattutto una stravagante signora che ha la stessa malattia, la quale al loro primo incontro durante una sessione di esercizi in piscina le propone una cura non proprio consigliata dai medici e alla fine si ritrovano a fumare erba in salotto.

Il titolo “You’re not you” secondo me si riferisce al fatto che la malattia non permette a Kate di essere sé stessa e di fare le cose che le piacciono. In un certo senso si sente estraniata da quella che era la sua realtà quotidiana e si trova prigioniera in un corpo che non risponde ai suoi comandi. Si sente invisibile e l’unica che sembra vederla veramente è Bec, che ha imparato a conoscerla e a capire quello che Kate vuole veramente. Le due riescono a trarre il meglio l’una dall’altra e a costruire un’amicizia che supera i confini della malattia.


La trama ricorda un po’ quella del film ‘Quasi amici’ e alcuni potranno dire che è un po’ banale. La grandezza del film però sta nel come viene narrata l’incapacità della protagonista dovuta alla malattia. La performance superba di Hilary Swank riesce davvero a trasmettere tutte le differenti e complesse sfumature emotive del personaggio di Kate. Inoltre l’attrice riesce a dipingere il declino delle caratteristiche fisiche con incredibile dettaglio, al punto dove lei diventa incomprensibile a causa delle sempre più crescenti difficoltà nel parlare. Il suo sguardo di rassegnazione quando si sforza di girare la pagina di una rivista o lo sconforto quando gli sconosciuti tentano di stringerle la mano sono i particolari che fanno capire come la Swank sia riuscita a dare consistenza e profondità al suo personaggio.

Vorrei tanto dire qualcosa sul finale ma mi trattengo perché vorrei che anche voi possiate guardare questo film e immergervi in questa storia toccante. Posso solo assicuravi che il finale non è banale e sarà degno delle vostre aspettative. Vi lascio solo come indizio questo pezzo tratto dalla canzone cantata da Bec con cui si chiude il film:

“And guess what – life is messy
And if I learned anything
At least I’m falling forward
Because of you”.


Recensione: The Resurrection of Aubrey Miller di L. B. Simmons

20901080

Titolo: The Resurrection of Aubrey Miller
Autore: L. B. Simmons
Editore: Self
Disponibile in italiano: No
Goodreads

Sometimes death isn’t the end. Sometimes it’s a beautiful beginning…
Death.
For some, it’s simply one of life’s certainties, nothing more. For others, it’s merely a fleeting thought, one often overshadowed by the reckless delusion that they have been blessed with the gift of immortality.
For Aubrey Miller, death is the definition of her very existence. Overcome with the guilt resulting from the loss of her beloved family, she alters her appearance from the once beautiful, blonde-haired, blue-eyed little girl to that of one shrouded in complete darkness, enveloping herself in her own unbreakable fortress of solitude as a form of protection for others.
As she enters her first year of college, her goal is simple: Earn a degree with the least amount of social interaction as possible. What she never anticipates is the formation of very unlikely relationships with two people who will change her life in ways she never believed possible: Quinn Matthews, the boisterous former pageant queen, and Kaeleb McMadden, a childhood friend from her past who never really let her go.
Over the years, as their connections intertwine and grow, a seemingly indestructible bond is formed between the three…
But when death painfully reemerges, Aubrey is lost once again, burying herself deeper than ever before inside the familiar fortification of her fears.
Will the refuge of friendship, the solidarity of life-long bonds, and the power of unconditional love be enough to do the impossible?
Will they be enough to finally bring about…
The Resurrection of Aubrey Miller?

 

Negli ultimi mesi ho scoperto un “genere nel genere”. Mi spiego: da patita di fantasy e distopici quale ero fino a qualche anno fa, sono passata a leggere un sacco di romantici, sia young adult che new adult. Non sono mai stata schizzinosa riguardo alla trama o ai vari intrecci; se il libro era interessante lo leggevo. Adesso ho scoperto di avere un debole per i libri sonno la categoria di “second-chance at love”. Ma cosa significa esattamente? Sono storie che parlano di due amanti, che per un qualsiasi motivo si sono dovuti separare e a distanza di anni si sono ritrovati.

Il libro di cui vi parlo oggi appartiene proprio a questa categoria. The Resurrection of Aubrey Miller è un libro che tratta temi difficili, come la morte di persone care e il senso di colpa che colpisce i sopravvissuti.
Raven è una ragazza che ha perso tutto quando era molto piccola e si è ritrovata a vivere con la migliore amica della madre, Linda, che la ama come se fosse figlia sua. Raven sta per iniziare il college e il suo obiettivo, per questi anni, è quello di tenere le persone alla larga da lei, perché convinta che tenere a qualcuno significhi destinarlo a morte certa. Tra questa sua convinzione di essere una specie di portatrice di morte e il suo aspetto fisico (piercing ovunque, capelli tinti di nero, etc) la ragazza mi aveva fatta storcere abbastanza il naso.

The simplicity of living astounds me. But it’s the terror of death that devours me.

Arrivata al college incontra Quinn, la sua compagnia di stanza e Kaeleb, un vecchio amico di infanzia che non la riconosce e a cui lei non rivela la sua identità.
Due parole su questi personaggi: la prima viene inizialmente descritta come la classica ragazza stile Barbie, per poi rivelarsi invece un’amica attenta e sempre presente. Kaeleb (mi piace da morire il nome scritto così) è sfacciato, con la risposta sempre pronta, carino da matti e, ovviamente, innamorato di Aubrey. Ma chi è Aubrey?
É quella ragazza che è scomparsa sotto i sensi di colpa ingiusti, che si è chiusa in sé stessa isolandosi dal mondo fino a diventare Raven.
Con molta difficoltà e impegno da parte dei suoi nuovi amici, il guscio in cui si è imprigionata inizierà a rompersi, fino a far rinascere Aubrey. É proprio di questa rinascita, o resurrezione, di cui parla il libro.

Beautiful people tend to be ugly, ugly people tend to be beautiful, storms tend to brew below a person’s cool, calm exterior, and tremendously happy people tend to be overcompensating for their own grief. Nothing is ever really what it seems.

La storia è ben articolata, i personaggi sono tutti caratterizzati molto bene e la scrittura è scorrevole e piacevole. Il libro però non ha preso i cinque cupcakes e la colpa, se così si può chiamare, è dell’eccessivo dramma presente nella storia. Non voglio spoilerare niente, ma davvero si arriva ad un livello in cui l’unica cosa che è possibile pensare è: “Non possono capitare tutte a lei!!”

Raven/Aubrey mi è piaciuta nonostante i suoi sensi di colpa perché dopo aver conosciuto Quinn e ritrovato Kaeleb si impegna per superare le sue paure e affrontare finalmente la vita. É bello veder spuntare da sotto i capelli tinti e le lenti a contatto con le pupille allungate come i gatti, una ragazza dai boccoli biondi e gli occhioni azzurri che piano piano impara ad accettarsi.
Quinn la sostiene per tutto il percorso, ma non si rende conto di essere lei per prima ad avere bisogno di aiuto e Aubrey, che di amiche non ne ha mai avute, non riesce a sostenerla come vorrebbe.
Kaeleb lo adoro e si è dimostrato un amico meraviglioso per entrambe le ragazze, aiutandole e supportadole. Qualcuno mi regala un ragazzo così a Natale? *fa occhioni dolci*
Linda è un personaggio secondario da non dimenticare, perché rappresenta una seconda mamma per Aubrey, che non è riuscita a dimostrare quanto in realtà le volesse bene, per paura di veder morire anche lei.

É un libro che non permette di staccare gli occhi dalle pagine e fa riflettere su quanto sia importante dimostrare i proprio sentimenti e su quanto sia grande il senso di colpa di chi sopravvive ad una tragedia. Una storia decisamente da leggere.

Without heartache, there is no understanding of the true meaning of love. Without anger, passion cannot be comprehended. Without fear, there is nothing gained when overcome. And without sorrow, happiness can never be realized.

Recensione: L’amore è un difetto meraviglioso di Graeme Simsion

Ed eccoci qui, al mio secondo post. Agitata come se fosse il primo..ok, la pianto. Tanto non mi passerà mai. L’ultimo libro letto è La Straniera e dopo quello mi sono persa nella lettura di Vicini di Alessia Esse. Tra quello e gli esami mi sono ritrovata senza un nuovo libro di cui parlarvi. No problem, mi sono detta, apriamo GoodReads e troviamo qualche lettura di quest’estate. Lunedì ho preso una decisione, ma dopo 3 giorni di totale assenza di ispirazione mi è sorto il dubbio che forse non era quello il libro di cui vi volevo parlare. ‘Provaci comunque’ mi sono detta e mentre stavo scrivendo il nome del file -vuoto- appena creato, ho avuto l’illuminazione. Il libro di cui vi parlo oggi è ‘L’amore è un difetto meraviglioso’ di Graeme Simsion.

20901080
Titolo: L’amore è un difetto meraviglioso
Titolo originale: The Rosie Project
Autore: Graeme Simsion
Editore: Longanesi
Disponibile in italiano:
Goodreads

Don è un professore di genetica all’Università di Melbourne e di recente ha fatto una scoperta incredibile: gli uomini sposati sono mediamente più felici di quelli single. E vivono più a lungo! Per questo ha deciso, da scienziato qual è, di trasformare un problema – il fatto che non ha una compagna e non gli è mai riuscito di trovarne una – in un progetto: il Progetto Moglie. È semplice: basta un questionario di sole sedici pagine per escludere tutte le candidate sbagliate e trovare, finalmente, la donna perfetta per lui, una che risponda a criteri rigorosi: non deve fumare né bere, e non deve mai arrivare in ritardo o in anticipo.
Grazie al Progetto Moglie Don scoprirà che la lunghezza dei lobi delle orecchie non è un indicatore affidabile dell’attrazione sessuale. Che c’è una ragione per cui non ha avuto mai un secondo appuntamento con una donna. Che una giacca sportiva in color giallo catarifrangente, benché si chiami «giacca», non è indicata per entrare in un ristorante elegante. E scoprirà che nonostante un approccio estremamente scientifico al problema, non è così che si trova l’amore. Perché è l’amore a trovarti.

Dubito esista ancora qualcuno che mi conosce e non si sia sentito parlare di questo libro. L’ho semplicemente adorato.
Come si capisce già dalla sinossi, la fissazione più grande di Don Tillman – il protagonista – è la programmazione minuto per minuto e caloria per caloria della sua vita. Impiega esattamente 3 minuti e 30 secondi per farsi la doccia, 1 minuto e 12 secondi in più se deve lavare anche i capelli. Per pulire il bagno impiega 94 minuti.

Da quando ha inserito nella sua vita il Sistema Standardizzato di Nutrizione mangia aragosta tutti i martedì, anzi, mangia una dose doppia di aragosta, insalata di mango e avocado con pesce volante in salsa wasabi guarnito da soffritto di porro e alghe croccanti perché non ha più rivisto il programma da quando ha ricominciato a vivere da solo.
Il Progetto Moglie ha inizio nel momento in cui Don decide che deve trovarsi una compagna. Crea quindi un questionario che gli permetta di escludere tutte le donne che, per qualche motivo, reputa non adatte a lui.

Rosie fuma, mette il rossetto, è vegetariana, è sempre in ritardo, lavora in un bar gay qualche sera a settimana ed è -decisamente- troppo disorganizzata.

Don non è in grado di provare sentimenti veri e reali, d’altronde come si fa a schematizzare un sentimento? Tantopiù se quel sentimento viene diagnosticato dal suo amico come amore. Si ostina quindi a non crederci, a cercare in tutti i modi di rimanere nei suoi schemi e nelle certezze che questi gli danno. Forse una donna non è poi cosi necessaria, in effetti.

Di conseguenza, Don non è in grado nemmeno di esprimerli, i sentimenti, non lo ritiene necessario. Sicuramente il professore non è un personaggio reale in cui immedesimarsi, ma seguire i suoi pensieri è qualcosa di decisamente divertente. I personaggi secondari finiscono per sembrarci in qualche modo ridicoli, considerando che li conosciamo solo attraverso l’ottica del nostro pazzo protagonista.

La narrazione è molto veloce e diretta, ma allo stesso tempo dettagliata al punto giusto.

In conclusione, io questo libro l’ho letto per caso, perché non volevo saperne di uscire dalla biblioteca con solo dei noiosissimi libri per un esame. L’ho consigliato praticamente al mondo intero e devo dire che è stato apprezzato. Non mi resta quindi che consigliarlo anche a voi.