Crea sito

silvia algerino

Recensione: Come se fossimo già madri di Silvia Algerino

Buongiorno!
La recensione di oggi parla di neo-mamme e di ricordi e di vite vissute. Non avevo mai letto niente di questa case editrice e questo primo libro mi è piaciuto molto. La Bookabook lavora in maniera particolare e vi invito a curiosare il loro sito se volete saperne di più.

come se fossimo già madri cover
Titolo: Come se fossimo già madri
Autore:
Editore: Bookabook
Link di acquisto: Amazon
Goodreads

Margherita si trova in ospedale, dove ha appena partorito la piccola Amanda. Nei suoi giorni di degenza incontra altre madri: Maria, immigrata rumena al suo quinto parto, Rosalba, giovane pianista, e Matilde, ex compagna di liceo con cui la protagonista non ha rapporti dai tempi della scuola.

Un evento tragico, la morte improvvisa della madre di Rosalba, spinge le quattro donne a raccontarsi a vicenda, in una notte lunghissima fatta di allattamenti e pianti. Ognuna di esse nasconde un segreto: un piccolo dolore che attende di essere svelato. Ogni racconto diventa così un percorso simbolico, tra dubbi e incertezze, su che cosa voglia dire essere madri e sul passaggio dalla condizione di figli a quella di genitori.

L’ultimo significativo incontro, proprio al momento delle dimissioni, avviene con Lucrezia, giovanissima ragazza ricoverata nello stesso reparto per un aborto volontario.

 

“Come se fossimo già madri” mi è stato gentilmente inviato da Bookabook in cambio della mia onesta opinione, quindi grazie davvero.

Il libro è breve, si legge veramente veloce, ma racconta la storia di quattro donne che si incontrano in una circostanza particolare: sono nella stessa stanza d’ospedale per dare alla luce i propri bambini. Margherita, Rosalba, Matilde e Maria non potrebbero essere più diverse, ma mentre allattano ognuna il proprio figlio/a si aprono l’una con l’altra, raccontando la propria vita, le proprie paure e speranze.
Mi sono piaciuti davvero tanto i pezzi che intervallano i racconti singoli delle protagoniste perché dimostrano la complicità e l’intimità che si viene a creare in una situazione del genere. Mi sono chiesta se sia davvero così, se davvero ci si ritrovi i giorni dopo il parto a conoscere le proprie compagne di stanza oppure se le donne vadano e vengano dall’ospedale senza dare troppa confidenza a chi c’è intorno.
La nota leggermente negativa per me sono stati i racconti delle protagoniste. Ognuna di loro, in un momento della storia, racconta la propria vita e varie altre cose alle altre ma, purtroppo, con linguaggio poco naturale. Stando a ciò che avviene nel libro sarebbero dovuti essere racconti a voce tra le donne, ma sembrano forzati. Leggerli dà la sensazione che le protagoniste, invece di parlare tra di loro, stiano scrivendo una lettera a qualcuno di importantissimo, con un linguaggio troppo ricercato e davvero poco naturale. Chiaramente questo non toglie nulla al fatto che i racconti mi abbiano toccata molto e che siano piacevoli da leggere.
La storia è carina, veloce, fa riflettere su come sia condividere un’esperienza come quella di diventare madre non solo con le persone che ti amano ma anche con quelle che ti sono accanto per forza perché sono nella tua stessa stanza. Ho apprezzato anche l’aggiunta veloce di una quinta storia che tocca Margherita, una delle protagoniste, di sfuggita, ma che sicuramente le rimarrà impressa. È quella di Lucrezia, in ospedale per un aborto volontario. Sicuramente questo fa riflettere Margherita, ma anche il lettore, su un argomento di cui non si parla mai abbastanza e su cui molte persone ancora non vogliono sentir ragione. Con delicatezza l’autrice ci invita a riflettere e farci un’opinione, che non ci viene imposta, perché ognuno è libero di crearsela da sè.
Consigliato a neomamme o a qualsiasi persona che voglia provare un genere leggermente diverso da solito, perché non succede spesso che al centro di un romanzo ci siano un paio di giorni passati in ospedale dopo il parto. Ho apprezzato davvero molto il ricevere la copia dalla Bookabook e spero che chi di voi si sia convinto a dargli una possibilità poi mi faccia sapere la sua opinione.

Letture del mese – Novembre 2017

mon firma

Titolo: Origin (Robert Langdon #5)
Autore: Dan Brown
Genere: Thriller
Pagine: 564
 
Goodreads
 
Titolo: Come se fossimo già madri
Autore: Silvia Algerino
Genere: Narrativa
Pagine: 138
 

Goodreads
 

Titolo: Shadow and Bone (The Grishaverse #1)
Autore: Leigh Bardugo
Genere: Fantasy
Pagine: 358
 
Goodreads
 
Titolo: Oliver, il gatto che salvò il Natale
Autore: Sheila Norton
Genere: Narrativa
Pagine: 281
 

Goodreads
 

 
divisore dx

 

kiafirma

arabesque cover
Titolo: Arabesque (Alice Allevi #6)
Autore: Alessia Gazzola
Genere: Contemporary, Romance
Pagine: 350
 
Recensione
Goodreads
 
Titolo: La corte dei leoni
Autore: Jane Johnson
Genere: Romance, Storico
Pagine: 448
 
Recensione
Goodreads
 
la corte dei leoni cover
il tuo passo era troppo veloce
Titolo: Il tuo passo era troppo veloce
Autore: Mari Thorn – Anne Went
Genere: Contemporary, Romance
Pagine: 244
 
Goodreads
 

WWW…Wednesday #3

Buondì!
Eccoci con il terzo appuntamento sul blog del WWW…Wednesday. Mi diverto sempre un sacco a vedere cosa stanno leggendo le persone intorno a me quindi se volete commentare qui sotto le vostre letture mi farebbe molto piacere. Per quanto riguarda le mie letture non ci sono novità rispetto alla scorsa settimana perché Origin si sta rivelando lungo da leggere. Kia invece ha avuto l’opportunità di leggere un libro in anteprima e ora sta leggendo un altro libro che mi ispira moltissimo.

 

Letto

In lettura

Da leggere

Sto ancora leggendo Origin, che è un po’ lunghetto, ma mi sta piacendo da matti. Dan Brown non ne sbaglia mai una e per ora non posso che consigliarlo.

Letto

In lettura

Da leggere

Ho finito l’altro giorno Arabesque che ho avuto l’immensa fortuna di leggere in anteprima. A proposito, state seguendo il Blog Tour? Lunedì recensione. La corte dei leoni è in lettura e mi sta incuriosendo molto. It è sempre lì che aspetta di essere finito,
poverino.

WWW…Wednesday #2

Buongiorno lettori! Cosa state leggendo in queste fredde giornate? Se vi mancano le idee, ecco quello che abbiamo appena finito di leggere, quello che stiamo leggendo e quello che – probabilmente – leggeremo. 🙂
 

Letto

In lettura

Da leggere

Il libro di Matteo Bussola mi è piaciuto davvero un sacco e si legge molto veloce, ma fa riflettere molto. Ve ne parlerò a breve in una recensione. Origin mi ispira un sacco, ma ho letto solo le prime pagine, quindi vi saprò dire.

Letto

In lettura

Da leggere

Ieri è andata online la recensione di Mille pezzi di te e di me, un libro davvero bello che ho avuto l’opportunità di leggere in anteprima.
It non lo finirò mai, mentre non sono sicura del prossimo libro da leggere, ma probabilmente sarà proprio l’ultimo di Nicholas Sparks.