Buongiorno lettori <3 So che il venerdì di solito significa 5 cose che, ma oggi abbiamo anche questa super tappa. Intanto ringrazio Ilenia di Libri e altri disastri per averci permesso di far parte del Blog Tour dedicato a Tutti i miei domani di Jessica Guarnaccia.

Prima di entrare nel merito della nostra tappa piena piena di estratti, andiamo a vedere qualche dettaglio sul libro!

tutti i miei domani cover

Titolo: Tutti i miei domani
Autore: Jessica Guarnaccia
Editore: Leggereditore
Link di acquisto: Amazon | Kobo

Per la prima volta nella sua vita, Rachel ha preso una decisione importante: scoprire la storia della propria famiglia. Su questo tema il suo integerrimo padre, il pluridecorato generale Blake, le ha sempre mentito, finché una lettera inattesa non ha aperto uno spiraglio su un passato che per troppo tempo le è stato nascosto. C’è un solo uomo ad avere le risposte che Rachel cerca, e un solo luogo in cui trovarle: un nonno di cui ignorava perfino l’esistenza e che vive a Woods Hole. Così Rachel lascia Boston alla volta di quel minuscolo villaggio sulla costa del Massachusetts. E se all’inizio del viaggio tutto sembra remarle contro, gli abitanti di Woods Hole si dimostrano ben presto accoglienti e calorosi. Tutti eccetto Aaron Caine, uno speaker radiofonico fastidiosamente attraente, a cui proprio non piace quella principessa viziata arrivata dalla città. Donne simili portano solo guai, lui lo sa bene. Eppure proprio Rachel potrebbe essere l’unica capace di salvare la sua trasmissione… e il suo cuore ferito.
Tra battibecchi esilaranti, complicità e buona musica, l’attrazione tra Rachel e Aaron finisce per emergere. E, inevitabili, arrivano i veri e tanto temuti guai…

Estratti

«E così ti ho fatta impazzire?» replica compiaciuto.
«Sì, ma è il genere di pazzia omicida, non quella per cui finirei nel tuo letto.» Sgonfiare il suo ego in diretta è una mossa da maestri, sono fiera di me.
«Hai carattere, ragazza, non l’avrei detto ieri sera, ma non dovresti sottovalutarmi: potrei farti cambiare idea, se volessi.»
«Ne sono convinta: stare con un pallone gonfiato pieno di sé, che va a piangere da sua sorella quando non ottiene ciò che vuole, è sempre stato il sogno della mia vita.» Non meriterebbe una risposta, ma è più forte di me, devo controbattere.
«Aspetta un attimo, non è andata così! Sei davvero incredibile!» Finalmente sono riuscita a metterlo in difficoltà.
«Lo so, e potrei continuare tutto il giorno, ma sfortunatamente ho di meglio da fare. Alla prossima, Caine.»

«Fermami adesso» dice con una smorfia di dolore. È a un palmo dal mio naso. So che sta provando a fare la cosa giusta, ma il fatto che lasci a me la decisione mi rende ancora più sicura. È per questo che sono qui. Attrazione. Desiderio. Un limite sfiorato troppo a lungo.
«Aaron…» non riesco a dire nient’altro, perché se mi lasciasse andare adesso impazzirei. Sempre che non sia già successo.
«Troppo tardi.» Si avventa sulle mie labbra, con la fame di chi si è trattenuto troppo a lungo. È esigente. Vuole tutto. Vuole me. Rallenta non appena schiudo le mie e ricambio. Capisce che non c’è fretta e mi assaggia lentamente.
Morde. Succhia. Bacia. Sorride sulle mie labbra quando mi sfugge un gemito e torna a baciarmi, stringendomi più forte a sé. Mi aggrappo al suo collo. Ho l’impressione di non essere ancora abbastanza vicina. Come se mi avesse letto nel pensiero, Aaron si piega in avanti, riportandomi con i piedi per terra, ma solo il tempo di spostare le mani sulla mia schiena e sotto le gambe. Mi prende in braccio e raggiunge il letto senza staccarsi da me. Infilo le mani tra i suoi capelli e tiro, per vendicarmi di quello che mi sta facendo provare. Ci stacchiamo per riprendere fiato.
Un bacio è sempre stato la fine di ogni attrazione.
Ma non stavolta.
Non in questo preciso momento, non su questa barca.
Qui sono in balia di un uomo arrogante e presuntuoso che non esiterà a prendersi ciò che vuole per poi tornare a ignorarmi completamente, nella migliore delle ipotesi. Un uomo che mi sta baciando come nessun altro ha mai fatto prima. Un uomo che sta mandando in frantumi ogni mia convinzione.

«Mi sono sempre sbagliato sul tuo conto» dice più a sé stesso che a me.
«Io invece ho sempre saputo che saresti stato il mio errore più grande.»
Un errore che rifarei oggi stesso, domani e ogni giorno, perché sono ancora irrimediabilmente innamorata di lui, perfino mentre lo odio. E questo potrebbe anche non passare mai.

Mi raccomando, non perdete le altre tappe <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *