Crea sito

review

Recensione: Il fabbricante di sogni di R. M. Romero

Buongiorno lettori!
Iniziamo la settimana con una recensione, non c’è modo migliore, giusto?
Vi parlo di un libro che è uscito la scorsa settimana per DeA Planeta Libri e che mi è piaciuto davvero tanto.

il fabbricante di sogni cover
Il fabbricante di sogni
di R. M. Romero
Editore:

DeA Planeta Libri

~
Pagine:
246
~
Uscita:
26 febbraio 2019
~
Link:

Amazon

,

GoodReads

Cracovia, 1939. È un giorno come tanti quello in cui una bambola di nome Karolina prende vita nella polverosa bottega di un giocattolaio. Una magia inaspettata che rompe la monotonia della solitaria esistenza di Jozef. Jozef è un uomo burbero che ha conosciuto la guerra e non è mai riuscito a ricomporre i pezzi del suo cuore infranto. Ma, quando Karolina entra nella sua vita come una ventata d’aria fresca, le cose cambiano. Nella bottega del giocattolaio torna il sorriso e Jozef si avvicina a un violinista ebreo e a sua figlia, per la quale realizza una splendida casa di bambole. Proprio nel momento in cui tutti sembrano finalmente aver trovato la felicità, però, l’ombra nera del nazismo si allunga sulla Polonia. I nuovi amici ebrei si trovano all’improvviso in pericolo, e Jozef non intende abbandonarli per nessun motivo. Anche se questo significa sacrificare se stesso. Acclamato dalla critica in tutto il mondo, Il fabbricante di sogni è una vera e propria favola universale, una straordinaria allegoria, più attuale che mai, sulla guerra e sull’odio razziale. Una storia dal grande potere immaginifico e dall’eccezionale forza letteraria che ci ricorda quanto sia importante credere nella magia, e nell’amore, per sopravvivere all’orrore della realtà.

Non sono una persona che tendenzialmente legge libri storici o ambientati durante le guerre. Mi fanno venire il magone e mi fanno vergognare del genere umano, quindi cerco di evitare visto che leggere per me è un modo di sentirmi meglio. A volte però ne leggo qualcuno, per ricordare il passato, anche se romanzato e perché alcune trame sono davvero stupende. Il fabbricante di sogni è uno di quei libri dalla trama molto particolare, un mix tra un romanzo storico e un fantasy, dati gli elementi magici. Non potevo non prenderlo in mano.

Il libro racconta la storia di Karolina, una bambola che viene portata da un vento gentile nel negozio di un giocattolaio di Cracovia. L’uomo è solo, spossato da una vita difficile e questo è proprio il motivo per cui Karolina è stata condotta da lui, per aiutarlo a ritrovare la via.

I due incontrano Jozef e sua figlia Rena, ebrei che vivono da sempre a Cracovia. Purtroppo, gli anni sono quelli in cui Hitler conquista la Polonia e gli ebrei vengono prima relegati nei ghetti e poi mandati ai campi di concentramento.

Mi è piaciuto che spesso vengano raccontati i vari stati della guerra tramite gli occhi innocenti di Karolina, che conosce la guerra visto che anche il suo paese ne è stata vittima, ma crede nella bontà delle persone e nei gesti altruisti. Il suo amore per Rena e la volontà di farla felice la vedranno protagonista di momenti avventurosi e, a volte, pericolosi.

Sia Karolina che Cyryl, il Giocattolaio, non riescono a spiegarsi la violenza a cui devono assistere, protetti dal fatto che Cyryl sia per metà tedesco. È stato molto interessante leggere il punto di vista di un tedesco, per quanto solo a metà, durante l’invasione di Hitler. Di solito si legge il punto di vista degli ebrei, di chi ha sofferto di più. In questo caso è Cyryl a raccontare e a rimanere scioccato dalle azioni di persone con cui condivide la nazionalità. Non posso averne la certezza, ma spero ci siano state persone, fra i tedeschi, che si sono sconvolti per quanto stava succedendo e che abbiano provato a ribellarsi, non riuscendo però a vincere contro l’odio di Hitler e dei suoi seguaci, che ha macchiato un popolo intero.

Ho amato vedere l’amicizia tra Jozef e Cyryl crescere insieme a quella tra Rena e Karolina e ho pianto come una fontana in certi passaggi, per me davvero strazianti. Ho interpretato la magia di questo libro come la bontà nel cuore delle persone e il loro coraggio ad andare contro ad una situazione che non può essere spiegata in nessun modo. Non c’è infatti logica in quello che è accaduto durante la Seconda Guerra Mondiale. La magia in questo libro è data dalla speranza condivisa da alcune persone e dalla volontà di non lasciarsi conquistare stando in silenzio, ma lottando per la libertà.

Il finale mi ha lasciata in lacrime e con la sensazione di dover leggere più di libri del genere. Anche romanzati, raccontano un passato che non va mai dimenticato, soprattutto in tempi come i nostri in cui è fin troppo facile farsi condizionare e riempire di odio. Vi consiglio Il fabbricante di sogni se vi piacciono i libri ambientati in questo periodo e se non vi dà fastidio l’elemento magico. Vi invito anche a dare un’occhiata alla copertina originale che è davvero stupenda.

Fatemi sapere nei commenti se il libro vi ispira e se lo leggerete!

Recensione: Lezioni di convivenza

Buon pomeriggio lettori!

Torno dopo una settimana piuttosto impegnativa con una nuova recensione. Purtroppo sto leggendo davvero poco, nonostante sia a casa in malattia e la cosa non mi fa impazzire. Ma non sarei io se non andassi in blocco del lettore almeno un tot di volte l’anno. Cercherò di farmela passare. Se avete consigli, lasciatemi un commento qui sotto.

lezioni di convivenza cover
Lezioni di convivenza
di Chiara Venturelli
Editore:

Self

~
Pagine:
348
~
Uscita:
12 febbraio 2019
~
Link:

Amazon

,

GoodReads

Rick ha imparato una lezione nei suoi ventisette anni di vita: non sfidare la sorte. Perché gli è andata già bene una volta, nei tre anni in cui Elizabeth è stata sua coinquilina al college: contro qualsiasi pronostico non sono mai finiti a letto insieme e sono, invece, diventati molto amici. Come rifiutarsi, però, di ospitare proprio la sorellina della sua migliore amica, rimasta senza alloggio al campus? Di certo, non può disturbare Elizabeth, che è in viaggio di nozze, e per giunta incinta. In fin dei conti, si tratta solo di qualche giorno. Non aiuta che Kimberly si rifiuti di raccontare la causa dell’espulsione dalle Gamma Delta Nu e, soprattutto, che riesca a esasperarlo come mai nessuno prima. La conosce da quando lei era ancora alle scuole medie, ma trovarsela mezza nuda per casa rende difficile continuare a considerarla solo una ragazzina. Avere una donna come coinquilina non è semplice, soprattutto se sfidi la logica e il buon senso e smetti di fingere di non essere pazzo di lei.

Libri nella serie:
[#1] Lezioni di seduzione
[#2] Un fidanzato di troppo
[#2.5] Mi hai cambiato la vita
[#3] Lezioni di convivenza

‘Lezioni di convivenza’ è il terzo libro nella serie ‘Tra palco e realtà’ e l’ho amato quanto gli altri due (trovate le recensioni nei link qui sopra).

Conosciamo i protagonisti di questo libro dagli altri due e dalla novella, ma ho amato conoscerli più approfonditamente e vedere quando siano diversi dagli altri personaggi di questa serie. L’autrice, Chiara, è molto brava a differenziare i vari personaggi e rendere ognuno di loro unico.

Rick ha parecchi anni più di Kimberly, sorellina della sua migliore amica e ex-coinquilina, ma spesso fa fatica a ricordarsi che gli anni sono passati per entrambi e Kimmy non è più l’adolescente che aveva la cotta per lui. Kim è al college ed è una combinaguai. Si ritrova in una situazione complicata dopo l’altra e il culmine viene raggiunto quando viene cacciata dalla confraternita in cui stava e chiede ospitalità proprio a Rick.

Kimberly si può definire solo con il termine uragano. È un terremoto di energia e positività, che a volte tira fuori una dolcezza e insicurezza che la rendono molto tridimensionale come personaggio. Ho trovato appropriato che la maggior parte delle insicurezze della ragazza venissero dal continuo confronto tra lei e la sorella, soprattutto nella vita di Rick. È sempre stata un personaggio abbastanza marginale che, soprattutto all’inizio della serie, non mi faceva impazzire. Era molto giovane e, diciamolo, magari un po’ rompiscatole, ma ha avuto un percorso di crescita notevole.
In ‘Lezioni di convivenza’ è diventata una donna che sa quello che vuole e sa come ottenerlo senza rendere conto a nessuno.

Rick è un personaggio che ho amato negli altri libri, ma in questo ha fatto un salto in avanti. Mi è piaciuto moltissimo anche se gli ho trovato un difetto che per me è anche uno dei pochissimi di questo libro: è troppo, ma proprio troppo, ansioso e protettivo. Ma ne parlerò più avanti. Quello che più mi è piaciuto di Rick è il suo mettersi in discussione e cercare di comprendere a fondo i suoi sentimenti. Mi è piaciuto come si sia messo in gioco e abbia dato tutto per Kim, quasi sempre rimanendo fedele alla “lealtà” verso la sorella.

Il libro è divertente, leggero, scorre che è una meraviglia. L’ho divorato in poche ore e avrei voluto subito avere un altro libro di Chiara tra le mani (è sempre così con ogni suo libro).

Vedere i personaggi che ho amato nei libri precedenti tornare anche in questo libro seppur con ruoli marginali è stato bellissimo. Chiara, come saprete ormai se avete letto qualche suo libro o una delle mie recensioni, è in grado di intrecciare ogni sua storia, in modo che tutto sia collegato e nessun personaggio venga mai dimenticato. Abbiamo così modo di sapere in parte cosa succede dopo i vari finali.

L’unico difetto, se così possiamo chiamarlo, è l’incredibile ansia e senso protettivo che tutti hanno verso tutti, ma in particolare Kimberly. Io fossi in lei sarei già impazzita a quell’età, ma è una questione molto personale che ognuno gestisce a suo modo.

Insomma, libro bello e coccoloso come sempre, brava Chiara. Ora non vedo l’ora di stringere tra le mani il prossimo. E voi? Conoscete qualche suo libro? Se la risposta è no, cosa state aspettando?! Altrimenti lasciatemi un commento indicando il vostro preferito!

Recensione: Tutte le volte che ho pianto di Catena Fiorello

Buongiorno lettori!

Vi mando un saluto da Barcelona, città in cui sono a godermi un paio di giorni di ferie mentre voi leggete questa recensione. Ringrazio Giunti per avermi dato la possibilità di leggere ‘Tutte le volte che ho pianto’ e incontrarne l’autrice qualche giorno fa.

È stata un’esperienza magnifica. Catena è una persona entusiasta, piena di vita e di racconti che ha condiviso con noi. Abbiamo parlato un po’ del libro, ma principalmente abbiamo avuto modo di conoscere un po’ l’autrice e la sua personalità e mi è piaciuto tantissimo.

Catena Fiorello ama fare regali e ce lo ha dimostrato subito perché si è presentata all’incontro con cioccolatini, calamite (create da un suo fedele lettore) e addirittura un paio di libri in più (io ne ho ricevuto uno e sono contentissima. Non vedo l’ora di leggerlo).

Ci ha raccontato che “Tutte le volte che ho pianto” è nato come storia opposta alla sua, che da persona molto emotiva, dopo un grosso dolore avuto qualche anno fa, si è trasformata in una persona che il dolore non riesce più a esprimerlo piangendo. Raccontare la storia di Flora l’ha aiutata a sbloccare un po’ la situazione (piangere fa bene, fa sfogare la persona e fa scorrere via il dolore).

Mi è piaciuto molto quando ha detto che il titolo le piace tantissimo ed è piaciuto molto anche al suo agente perché è un titolo che parla di tutti. Tutti piangono, tutti soffrono e quindi è una situazione che accomuna tutti.

Concludo consigliandovi due dei dolcini che Catena ci ha portato all’incontro: le olivette di Sant’Agata direttamente da Catania (buonissime) e il Croccantino al Cioccolato Alberti Strega (da provare assolutamente).

tutte le volte che ho pianto cover
Tutte le volte che ho pianto
di Catena Fiorello
Editore:

Giunti Editore

~
Pagine:
272
~
Uscita:
13 febbraio 2019
~
Link:

Amazon

,

GoodReads

A 36 anni Flora sta tentando di riprendere il controllo della sua vita. Il matrimonio con Antonio, con cui si è sposata giovanissima, è naufragato dopo l’ennesimo tradimento di lui, sempre in cerca di nuove avventure. Eppure Flora non riesce a dimenticarlo e vacilla ogni volta che Antonio torna a corteggiarla, alimentando le illusioni della figlia sedicenne Bianca. Ma la sua vita è già complicata, con un bar da gestire e una madre anziana che non si è mai ripresa dalla morte del marito e da quella, molti anni prima, di Giovanna, la sorella di Flora, bella e carismatica, uccisa a vent’anni in un tragico incidente. E adesso Flora trema vedendo che Bianca, per uno strano destino, desidera diventare attrice proprio come un tempo Giovanna. Ma a scombinare di nuovo le carte, un giorno arriva Leo, con la sua aria da James Dean e un passato che lo lega a quella piccola città di mare, dove sta per produrre un film. E con i suoi modi affascinanti si insinua pericolosamente nei pensieri di Flora…

Prima di leggere “Tutte le volte che ho pianto” non avevo mai letto nulla di Catena Fiorello. La trama mi ha incuriosita subito e ho deciso di dare al suo ultimo libro una possibilità.

“Tutte le volte che ho pianto” parla di una giovane donna alle prese con varie difficoltà familiari che cerca di capire come gestire la sua vita.

Flora è una donna molto forte, che analizza ogni cosa in maniera quasi maniacale, cercando di gestire ogni situazione pensando al benessere di chi le sta intorno. Vive per sua figlia Bianca e per sua madre che ha recentemente perso il marito. Gestire la propria vita non è semplice quando c’è un divorzio di mezzo, soprattutto se si cerca di preservare la felicità della figlia adolescente.

Ho apprezzato molto la voce di Flora che ci racconta mano a mano gli eventi che si susseguono nella sua vita e ci descrive le persone con cui ha a che fare e che ama. L’autrice ha un modo di descrivere le scene, le persone e le emozioni che mi ha conquistata. Ho divorato ogni pagina, immaginando il bar di Flora, il suo appartamento, le varie emozioni che prova mano a mano che gli eventi la travolgono.

Mi è piaciuto seguire Flora nel suo viaggio alla scoperta di un nuovo amore e vedere come, nonostante il suo matrimonio sia fallito, Flora cerchi in tutti i modi di tenere la famiglia unita e dimostri che ci tiene ad Antonio, l’ex-marito, nonostante tutti i torti che le ha fatto. Mi è sembrato che l’autrice abbia voluto mostrarci vari tipi di amore e c’è riuscita benissimo. Abbiamo l’amore verso Bianca, la figlia di Flora, verso l’ex-marito, verso la madre, verso i suoi dipendenti che sono anche i suoi amici, verso Leo che entra nella sua vita all’improvviso, sconvolgendola.

Mi è piaciuta la storia della sorella di Flora, scomparsa così giovane e la voglia di Flora di scoprire il più possibile su ciò che le è successo. Purtroppo in alcuni punti mi è sembrata un po’ forzata a livello di coincidenze, ma in generale la storia di Giovanna è molto interessante e importante.

Ho amato Bianca, così giovane e schietta. Ha un rapporto meraviglioso con la madre, con cui è onesta e a volte un po’ brutale. Si vede che è in piena adolescenza perché passa dal voler essere indipendente e un po’ snobbare la madre, al cercarla per trovare conforto qualche giorno dopo. Mi è piaciuto vederla maturare durante il libro e accettare situazioni che nelle prime pagine probabilmente non avrebbe sopportato. L’autrice è riuscita a descrivere le emozioni della quindicenne in maniera incredibile e l’ho apprezzato moltissimo.

Una piccola pecca che però non posso nominare sono stati i dialoghi, che ho trovato quasi finti. Mi è dispiaciuto perché ho amato tutto il resto del lavoro dell’autrice: il suo stile descrittivo e narrativo. I dialoghi però mi sono sembrati forzati e non riuscivo a immaginare due persone reali avere quel tipo di conversazioni.

Insomma, sono molto contenta di come sia andato il mio primo incontro con un lavoro di Catena Fiorello e spero di leggere presto altro di suo. Mi è piaciuto che sia riuscita a creare un lavoro in cui la protagonista è una donna, con intorno la sua famiglia, una storia d’amore, amici che la sostengono, ma dove il fulcro sono proprio Flora e le sue emozioni.

Fatemi sapere se il libro vi ispira qui sotto nei commenti.

Recensione: Gli scomparsi di Chiardiluna di Christelle Dabos

Buongiorno lettori!
Finalmente riesco a parlarvi di questo libro uscito a inizio gennaio per Edizioni E/O. Avevo recensito lo scorso anno il primo volume di questa serie e vi lascio la recensione qui.

gli scomparsi di chiardiluna cover

Gli scomparsi di Chiardiluna
di Christelle Dabos
Serie:

L’Attraversaspecchi

~

Editore:

Edizioni E/O

~

Pagine:
520

~

Uscita:
9 gennaio 2019

~

Link:

Amazon

,

GoodReads

Sulla gelida arca del Polo, dove Ofelia è stata sbattuta dalle Decane perché sposi suo malgrado il nobile Thorn, il caldo è soffocante. Ma è soltanto una delle illusioni provocate dalla casta dominante dell’arca, i Miraggi, in grado di produrre giungle sospese in aria, mari sconfinati all’interno di palazzi e vestiti di farfalle svolazzanti. A Città-cielo, capitale del Polo, Ofelia viene presentata al sire Faruk, il gigantesco spirito di famiglia bianco come la neve e completamente privo di memoria, che spera nelle doti di lettrice di Ofelia per svelare i misteri contenuti nel Libro, un documento enigmatico che nei secoli ha causato la pazzia o la morte degli incauti che si sono cimentati a decifrarlo. Per Ofelia è l’inizio di una serie di avventure e disavventure in cui, con il solo aiuto di una guardia del corpo invisibile, dovrà difendersi dagli attacchi a tradimento dei decaduti e dalle trappole mortali dei Miraggi. È la prima a stupirsi quando si rende conto che sta rischiando la pelle e investendo tutte le sue energie nell’indagine solo per amore di Thorn, l’uomo che credeva di odiare più di chiunque al mondo. Sennonché Thorn è scomparso…

 

Libri nella serie:
[#1] Fidanzati dell’inverno
[#2] Gli scomparsi di Chiardiluna

Se ricordate la mia recensione di “Fidanzati dell’inverno” sapete perfettamente che il libro non mi aveva particolarmente colpita. Avevo amato le ambientazioni e le descrizioni del mondo creato dalla Dabos, ma i personaggi non mi avevano lasciato molto. Anche la questione dei poteri familiari era stata sì accennata, ma non sviluppata come mi sarei aspettata.

Mi sono approcciata alla lettura del secondo volume senza troppe aspettative. Non volevo aspettarmi troppe cose e rimanere poi delusa. Ammetto con piacere che il libro mi è piaciuto tantissimo e l’ho divorato in pochi giorni.

Le ambientazioni in cui si destreggiano Ofelia, Thorn, Berenilde e tutta la corte sono descritte in maniera sapiente e sembra proprio di poter girare la testa e ritrovarsi nel mondo di illusioni della corte di Faruk oppure nelle fredde lande del mondo reale. Ho apprezzato particolarmente il vedere luoghi diversi da quelli conosciuti nel primo libro e scoprire così nuove informazioni riguardo a Thorn, Berenilde e la loro storia.

C’è stata una crescita incredibile da parte dei personaggi.
Ofelia smette di essere una ragazzina impaurita da tutto che si fa sbatacchiare di quà e di là, ma tira fuori gli artigli e dimostra di essere una donna coraggiosa, intraprendente e piena di risorse. Mette da parte la timidezza e finalmente sfrutta tutte le sue abilità per risolvere gran parte delle situazioni che si vengono a creare. Ho amato la sua trasformazione in questo libro e non vedo l’ora di scoprire cosa riuscirà a combinare nel prossimo.

Il suo rapporto con Thorn si evolve lentamente, ma piano piano vediamo i due protagonisti imparare a conoscersi, a fidarsi l’uno dell’altra, a tentare di trovare l’incastro giusto che permetterà loro di vivere una vita serena. Ho trovato Thorn più aperto, meno enigmatico, più disposto a lasciarsi andare nei confronti della futura moglie. Si vede che, nonostante i suoi piani per il matrimonio fossero ben diversi dal trovarsi una moglie da amare, il sentimento per Ofelia si fa piano piano largo nel suo cuore.

Oltre alla storia d’amore però ci sono altri due filoni narrativi impossibili da dimenticare: ci sono personaggi di rilievo che scompaiono inspiegabilmente nel nulla e ritrovarli sarà una delle missioni di cui si farà carico Ofelia. Seguirla nelle sue indagini è stato davvero interessante. L’altro filone narrativo è dato sicuramente da Faruk e dal suo Libro. Solo un Lettore può svelarne i segreti e la curiosità per quello che il Libro nascone accompagna il lettore per buona parte del racconto.
Faruk è un personaggio davvero complesso e spero di conoscerlo meglio nei prossimi libri. Stare dietro alla sua corta memoria e ai suoi “capricci” non è stato facile per me, non oso immaginare per i vari personaggi.

Il finale mi ha sorpresa e mi ha lasciata davvero con il fiato sospeso. Non sapevo cosa aspettarmi e sono rimasta a bocca aperta desiderando di avere subito a disposizione il terzo volume. Non so come farò ad attendere, ma sono contenta di essermi ricreduta su questa serie che è ora assolutamente promossa. Confido che possa solo migliorare andando avanti.

Avete letto questa serie? Fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate.