Crea sito

chiara venturelli

Recensione: Lezioni di convivenza

Buon pomeriggio lettori!

Torno dopo una settimana piuttosto impegnativa con una nuova recensione. Purtroppo sto leggendo davvero poco, nonostante sia a casa in malattia e la cosa non mi fa impazzire. Ma non sarei io se non andassi in blocco del lettore almeno un tot di volte l’anno. Cercherò di farmela passare. Se avete consigli, lasciatemi un commento qui sotto.

lezioni di convivenza cover
Lezioni di convivenza
di Chiara Venturelli
Editore:

Self

~
Pagine:
348
~
Uscita:
12 febbraio 2019
~
Link:

Amazon

,

GoodReads

Rick ha imparato una lezione nei suoi ventisette anni di vita: non sfidare la sorte. Perché gli è andata già bene una volta, nei tre anni in cui Elizabeth è stata sua coinquilina al college: contro qualsiasi pronostico non sono mai finiti a letto insieme e sono, invece, diventati molto amici. Come rifiutarsi, però, di ospitare proprio la sorellina della sua migliore amica, rimasta senza alloggio al campus? Di certo, non può disturbare Elizabeth, che è in viaggio di nozze, e per giunta incinta. In fin dei conti, si tratta solo di qualche giorno. Non aiuta che Kimberly si rifiuti di raccontare la causa dell’espulsione dalle Gamma Delta Nu e, soprattutto, che riesca a esasperarlo come mai nessuno prima. La conosce da quando lei era ancora alle scuole medie, ma trovarsela mezza nuda per casa rende difficile continuare a considerarla solo una ragazzina. Avere una donna come coinquilina non è semplice, soprattutto se sfidi la logica e il buon senso e smetti di fingere di non essere pazzo di lei.

Libri nella serie:
[#1] Lezioni di seduzione
[#2] Un fidanzato di troppo
[#2.5] Mi hai cambiato la vita
[#3] Lezioni di convivenza

‘Lezioni di convivenza’ è il terzo libro nella serie ‘Tra palco e realtà’ e l’ho amato quanto gli altri due (trovate le recensioni nei link qui sopra).

Conosciamo i protagonisti di questo libro dagli altri due e dalla novella, ma ho amato conoscerli più approfonditamente e vedere quando siano diversi dagli altri personaggi di questa serie. L’autrice, Chiara, è molto brava a differenziare i vari personaggi e rendere ognuno di loro unico.

Rick ha parecchi anni più di Kimberly, sorellina della sua migliore amica e ex-coinquilina, ma spesso fa fatica a ricordarsi che gli anni sono passati per entrambi e Kimmy non è più l’adolescente che aveva la cotta per lui. Kim è al college ed è una combinaguai. Si ritrova in una situazione complicata dopo l’altra e il culmine viene raggiunto quando viene cacciata dalla confraternita in cui stava e chiede ospitalità proprio a Rick.

Kimberly si può definire solo con il termine uragano. È un terremoto di energia e positività, che a volte tira fuori una dolcezza e insicurezza che la rendono molto tridimensionale come personaggio. Ho trovato appropriato che la maggior parte delle insicurezze della ragazza venissero dal continuo confronto tra lei e la sorella, soprattutto nella vita di Rick. È sempre stata un personaggio abbastanza marginale che, soprattutto all’inizio della serie, non mi faceva impazzire. Era molto giovane e, diciamolo, magari un po’ rompiscatole, ma ha avuto un percorso di crescita notevole.
In ‘Lezioni di convivenza’ è diventata una donna che sa quello che vuole e sa come ottenerlo senza rendere conto a nessuno.

Rick è un personaggio che ho amato negli altri libri, ma in questo ha fatto un salto in avanti. Mi è piaciuto moltissimo anche se gli ho trovato un difetto che per me è anche uno dei pochissimi di questo libro: è troppo, ma proprio troppo, ansioso e protettivo. Ma ne parlerò più avanti. Quello che più mi è piaciuto di Rick è il suo mettersi in discussione e cercare di comprendere a fondo i suoi sentimenti. Mi è piaciuto come si sia messo in gioco e abbia dato tutto per Kim, quasi sempre rimanendo fedele alla “lealtà” verso la sorella.

Il libro è divertente, leggero, scorre che è una meraviglia. L’ho divorato in poche ore e avrei voluto subito avere un altro libro di Chiara tra le mani (è sempre così con ogni suo libro).

Vedere i personaggi che ho amato nei libri precedenti tornare anche in questo libro seppur con ruoli marginali è stato bellissimo. Chiara, come saprete ormai se avete letto qualche suo libro o una delle mie recensioni, è in grado di intrecciare ogni sua storia, in modo che tutto sia collegato e nessun personaggio venga mai dimenticato. Abbiamo così modo di sapere in parte cosa succede dopo i vari finali.

L’unico difetto, se così possiamo chiamarlo, è l’incredibile ansia e senso protettivo che tutti hanno verso tutti, ma in particolare Kimberly. Io fossi in lei sarei già impazzita a quell’età, ma è una questione molto personale che ognuno gestisce a suo modo.

Insomma, libro bello e coccoloso come sempre, brava Chiara. Ora non vedo l’ora di stringere tra le mani il prossimo. E voi? Conoscete qualche suo libro? Se la risposta è no, cosa state aspettando?! Altrimenti lasciatemi un commento indicando il vostro preferito!

WWW…Wednesday #6

Buongiorno lettori!
Siamo di nuovo a mercoledì e quindi eccoci con un nuovo appuntamento con il WWW Wednesday. Stiamo leggendo lentamente, ma abbiamo incontrato belle letture e ve le stiamo raccontando tutte. Voi cosa state leggendo?

Letto

In lettura

Da leggere

Non ho letto quasi niente questa settimana, quindi il libro letto è sempre lo stesso. Tutte le volte che ho pianto esce oggi in libreria per Giunti e ve lo consiglio caldamente. Tornate domani sul blog per la recensione! Sto leggendo Lezioni di convivenza che mi sta aiutando a uscire dal blocco di lettura che stavo avendo. Mi sta piacendo un sacco e non vedo l’ora di continuare a leggere di Rick e Kimberly. Leggerò, come avevo già anticipato settimana scorsa, Witchborn per l’obiettivo del mese del Gruppo di Lettura organizzato da Destino di Carta

Letto

In lettura

Da leggere

Settimana scorsa ho letto Non era vero di Clare Mackintosh – uscito ieri – che mi è piaciuto anche se non mi ha soddisfatta al 100%. QUI trovate la recensione completa. Finalmente sono riuscita a riprendere in mano Legend di Stephanie Garber che mi ha riportata al volo nella magia di Caraval e che spero di finire entro domani sera per rientrare nel prossimo obiettivo della 2019 Ikigai Book Challenge. Prossima lettura credo che sarà Se ami qualcuno dillo di Marco Bonini gentilmente inviatomi da Longanesi.

5 libri che abbiamo amato nel 2018

Buongiorno lettori!
Ormai il 2019 è iniziato da qualche settimana, ma volevamo fare un piccolo riassunto delle letture che più abbiamo amato durante lo scorso anno. Fateci sapere nei commenti qual è la vostra Top 5 dei libri letti nel 2018, chissà che non ci venga voglia di allungare la nostra TBR e magari, se ne abbiamo qualcuno in comune, ne possiamo parlare. Il confronto con voi è sempre molto importante.

NB: se cliccate sulle copertine i link vi porteranno alle varie recensioni, così se non conoscete un libro potete farvi un’idea.

 

~ Mon

È stato complicato scegliere solo cinque libri, ma ecco qui la mia lista. The Hate U Give è un libro che tutti dovrebbero leggere, sia adulti che ragazzi. Parla di razzismo, di pregiudizi, di come sia crescere in un quartiere pericoloso e di come sia sentirsi diversi rispetto alle altre persone.

Kingdom of Ash è arrivato quasi a fine anno, ma ha chiuso una delle saghe fantasy che più ho amato negli ultimi anni. Ha i suoi difetti come serie e questo finale forse più di tutti gli altri libri, ma sono arrivata in fondo in lacrime e distrutta. Per quanti difetti abbiano i libri della Maas, non riesco a non farmeli piacere.

Ho letto tre libri di Chiara lo scorso anno e tutti avrebbero meritato un posto in questa lista. Dovendone scegliere uno, ho scelto Tutto tranne un bacio, perché John e Felicity mi hanno letteralmente conquistata. Vi consiglio però tutti i suoi libri, sono un più romantico dell’altro.

E così, forse, sarai felice è l’ultimo libro di Alessia Esse che ci ha raccontato una storia stupenda. Parla di una famiglia, dei segreti che nasconde, di vari tipi di amore. Un libro davvero stupendo che consiglio a tutti.

Come quinto libro ho scelto Isola di neve, perché mi ha permesso di scoprire Valentina come autrice, ma anche di conoscerla di persona ad una cena organizzata dalla Casa Editrice. È una storia davvero stupenda, con un doppio filone narrativo che conquista il lettore e gli impedisce di posare il libro fino alla fine (ve lo dice una che l’ha finito di leggere alle 2.30 di notte).

~ Kia

Vogliamo parlare della difficoltà di scegliere solo 5 libri? Diciamo che ne ho lasciati fuori almeno altri 4 che si sarebbero meritati un posto in questa top 5, ma alla fine ho dovuto scegliere. Chissà che gli eliminati non si meritino un post tutto loro… Intanto vi racconto la top 5 in ordine di lettura.

Figlie del mare è forse il libro che ho più amato in questo 2018. L’ho consigliato tanto ed ho in previsione di rileggerlo. Grazie Gaia per avermelo fatto leggere, mi ha permesso di scoprire una parte di storia che non conoscevo e di leggere una storia bellissima.

Bianca Marconero è sempre una garanzia, e se il mio preferito rimane L’ultima notte al mondo, nel 2018 Non è detto che mi manchi con Fosco ed Emilia vince di poco poco su Un altro giorno ancora. Se vi piacciono i romance, leggete questa autrice, non potrete che amarla. Io intanto aspetto il 7 febbraio per il prossimo *.*

Fiori sopra l’inferno è qui perché ho davvero apprezzato l’esordio dell’autrice. Un thriller con un’ambientazione stupenda, ben scritto e pieno di ansia. L’ho divorato in occasione della 24h di lettura quest’estate e spero di poter leggere presto altre avventure del commissario Battaglia!

Non potevo non citare l’ultimo capitolo della serie dell’Allieva: Il ladro gentiluomo Divorato in una giornata e mezza, lo aspettavo da un anno, dalla fine di Arabesque. Sono stata felice sia della nuova ambientazione sia del poter ritrovare ancora una volta personaggi che amo, oltre alla scrittura scorrevole e divertente della Gazzola. Vero che avete letto questa serie?

Last but non least, una delle ultime letture di quest’anno: La stanza della tessitrice di Cristina Caboni. Mi approcciavo per la prima volta a questa autrice di cui avevo sentito parlare molto bene. Beh, non posso dire di non esserne rimasta soddisfatta anche io. Quella di Camilla è una storia delicata e piena d’amore che suscita sentimenti reali e lascia con una grande gioia nel cuore.

Recensione: Mi hai cambiato la vita

Buongiorno lettori!
Prima recensione del 2019 per me, ma di un libro che ho letto alla fine del 2018. Si tratta di una novella narrata da uno dei miei personaggi maschili preferiti per quanto riguarda i romance: Jack, protagonista di Lezioni di seduzione e Un fidanzato di troppo.
Neanche a dirlo, se non avete letto questi due libri vi sconsiglio di proseguire la lettura, ma vi suggerisco di correre a comprarli.

Mi hai cambiato la vita cover

Mi hai cambiato la vita
di Chiara Venturelli
Serie:

Tra palco e realtà #2.5

~

Editore:

Self

~

Pagine:
114

~

Uscita:
14 dicembre 2018

~

Link:

Amazon

,

GoodReads

Jack vuole realizzare il suo sogno di diventare attore, anche se questo significa venire ripudiato dalla famiglia e dover cercare l’unico lavoro che il padre non riesca a fargli perdere: lo spogliarellista. Per pagarsi il college accetta perfino di lavorare a un singolare addio al nubilato dove dovrà “svestire” i panni di Babbo Natale. Quella notte fa una promessa a se stesso: nulla dovrà distrarlo dal suo obiettivo.
Un anno dopo scopriamo che la tenacia di Jack è stata ripagata e che lo spettacolo Lezioni di seduzione gli è valso l’ingresso nell’importante accademia di arte drammatica di Londra. Di qua dall’oceano, però, ha lasciato il cuore e le occasioni di vedere la sua Liz sono davvero poche, per questo accetta di trascorrere i giorni di festa con la famiglia di lei, ritrovandosi in situazioni a dir poco imbarazzanti alla ricerca di momenti di intimità. Allo scoccare della mezzanotte Jack fa una nuova promessa, a se stesso e a Liz: diventerà un bravo attore ma non dimenticherà di essere anche un bravo compagno per lei. Ce la farà?
Forse Liz non rimarrà l’unica a rubargli il cuore…

 

Libri nella serie:
[#1] Lezioni di seduzione
[#2] Un fidanzato di troppo
[#2.5] Mi hai cambiato la vita

 

“Mi hai cambiato la vita” è una novella divisa in quattro parti in cui Jack ci racconta quattro Natali della sua vita. Non si parla di anni consecutivi, ma di momenti diversi della vita di Jack che piano piano vediamo intrecciarsi a quella di Liz.

Il primo Natale vede un Jack giovanissimo alle prese con i problemi finanziari in cui lo ha cacciato suo padre, non contento della sua scelta di diventare attore. Jack, testardo e orgoglioso come sempre, è disposto a tutto pur di non cedere ai ricatti del genitori e arriva a inventarsi un lavoro un po’ particolare, lo spogliarellista. Io di certo non direi di no ad un Jack vestito da Babbo Natale!

Qualche anno dopo scopriamo Jack e Liz immersi nella loro relazione a distanza. Vivendone una, anche se non così estrema, è stato commovente vedere i loro sforzi per vedersi più possibile, soprattutto nei momenti importanti. Ho adorato i siparietti tra Jack e la mamma di Liz riguardo ai momenti intimi tra i due giovani. Ho pianto dalle risate immaginando la faccia di Margaret.

Altro salto temporale e mi si è spezzato il cuore a leggere di un Natale di Jack, ma senza la sua Liz. Ormai faccio davvero fatica a non immaginarli insieme ed è stato un piccolo trauma. Conosciamo però alcuni personaggi che mi hanno incuriosita molto, come Teo, di cui spero di leggere presto in un nuovo libro.

Ultimo Natale e qui è stato un misto di risate e pianti. C’è tutto quello che caratterizza i libri di Chiara. C’è divertimento, battutine, insinuazioni velate ma non troppo che ti fanno sorridere, qualche lacrimuccia nei momenti più commoventi (la decorazione dell’albero mi ha distrutta). C’è amore, amicizia e senso di famiglia.

Essendo una novella non voglio dirvi molto, ma spero di essere riuscita a darvi un’idea di quanto sia speciale e piacevole da leggere. Si potrebbe saltare? Probabilmente, ma non ve lo consiglio, perché da un valore in più alle storie che già conosciamo e a quelle che verranno.

Chiara ha la straordinaria capacità di inserire situazioni e personaggi nelle storie che poi andranno a ricollegarsi con altre, creando intrecci che adoro perché mi dimostrano un’attenzione particolare da parte dell’autrice. In più sono una persona che vuole sempre sapere cosa succede dopo un finale, anche un lieto fine, quindi questo far ritornare per dei piccoli cameo i personaggi che conosciamo o introdurne di nuovi mi fa impazzire (in senso positivo ovviamente).

Fatemi sapere qui sotto nei commenti se avete letto la novella o qualsiasi libro di Chiara e qual è la parte che vi è piaciuta di più.